Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

Il nonno racconta

  • Rosa Filosa

    duv'èl e' tu gatòin?

    L'è sòta la scarana

    ch'e fa e' buratòin,

    e magna, e bòi

    e us leca i su bafòin.


  • Lumaga, lumagai

    vin a què 't la mi gavagna

    nu va da chi birbeun

    ch'i t met sòta i carbeun,

    i carbeun i t scutarà

    e la lumega la pianzarà.


  • Pulzinèla in zima ai cop

    e mustraèva e' cul ma tot,

    lo riveda la pulizia,

    Pulzinèla e ciapa via.


 
  • Rosa Filosa

    Dov'è il tuo gattino?

    È sotto la sedia

    che fa i burattini,

    mangia, beve

    e si lecca i suoi baffini.


  • Lumaca, lumacai

    vieni qui nel mio cestino

    non andare da quei birboni

    che ti mettono sotto i carboni

    il carbone ti scotterà

    e la lumaca piangerà


  • Pulcinella in cima ai coppi

    mostrava il culo a tutti,

    lo vede la polizia,

    Pulcinella scappa via.


  •  

 

  • "Oh Tac, t'am tac un tac?"

    "Mè na ch'an te tac;

    t vu ch'at taca i tac ma tè

    che tè t'am tac i tac mu mè?"


  • Sdaza bunaza,

    e ba' l'è andaè a caza,

    l'à mazaè una bicaza,

    la bicaza l'era poca,

    l'à mazaè ènca la ciòza

    la ciòza si pulsòin...

    bota zò che bèl burdlòin!


  • A sò andaè a la fira a Santarcanzal,

    a j ò cumpraè un paèra 'd capeun

    da purtaè  mi padreun.

    E mi padròun un gn'era,

    u j era snò la Marìsaènta

    ch'la j avòiva fat la tòurta bienca.

    La m'n'un det un pzulin,

    um paròiva acsè bunin,

    la m'n'un det un pzulòun

    e a l'ò mes sòura e' bancòun,

    e' bancòun l'era deur,

    e sòta u j era e' meur,

    e' bancòun l'era lòz

    e sòta u j era e' pòz,

    e' pòz l'era spinaè

    e sòta u j era un praè,

    e' praè l'era fiuroid,

    trè zanzaèli agl'j andeva a maroid,

    ona la feva un capèl 'd paia

    par purtaèl ma la bataia,

    clèlta la feva e' capèl 'd mòta

    par purtaèl ma la marmòta,

    l'eutma la feva e' capèl 'd piòmb

    par ziré tot e' mònd.


  • Lòzla, lòzla, càla, càla,

    mèt la brèja a la cavàla;

    la cavàla l’è del rè,

    lòzla, lòzla, vèn da me.


    Lòzla, lòzla, vèn da me,

    at darò pà da re,

    pà da re e da regìna,

    lòzla, lòzla, vin  vicina.


  • Lòzla, lòzla de piatèl,

    vèn da me ch’a sò e piò bèl;

    at darò ‘na pagnutèla,

    lòzla, lòzla, vèn a tèra.


  • Lózla lózla campanëla.

    Ven da me ca so la piò bëla,

    a so piò bëla dla fiöla de re.

    Lózla lózla vën da me.


    Lózla lózla, gaia gaia.

    Mèt la bria a la cavala

    La cavala la j’è de re.

    Lózla lózla ven la me.


    Al  sèt  surèli

    Imola par smurusaè

    Faenza par lavuraè

    Furlè par cantaè

    Cesòina par balaè

    Rémin par navigaè

    Ravena par magnè

    Lugh par imbrujè .


  • La campaèna 'd san Simòun

    J era in trioi ch'i la sunaèva,

    paèn e vòin is guadagnaèva,

    i guadagneva un paèra ad capeun

    da purtaè mi su padreun.

    I su padrun i n’era a cà.

    J era da la su ma

    ch'la faşòiva e' paèn s'al zaèmpi de' caèn

    e' caèn l’era un po’ vècc

    e u steva sòta e' lêt.

    E' lèt l’era un po' bas

    e ui steva ènca e' gat.

    E' gat l’era in camoisa

  • … e i s-ciupaèva tôt dala roisa.



 
  • “Oh Tacco, mi attacchi un tacco?”

    “Io no che non te lo tacco;

    vuoi che attacchi i tacchi a te

    che tu mi attacchi i tacchi a me?”


  • Sdaza bunaza

    il babbo è andato a caccia,

    ha ammazzato una beccaccia,

    la beccaccia era poca,

    ha ammazzato anche la chioccia,

    la chioccia col pulcino...

    Butta giù quel bel bambino!


  • Sono andata alla fiera di Santarcangelo,

    ho comprato un paio di capponi

    da portare ai miei padroni.

    Il mio padrone non c'era,

    c'era solo la Mariasanta

    che aveva fatto una torta bianca.

    Me ne diede un pezzettino.

    mi sembrava così buonino,

    me ne diede un pezzettone

    e l'ho messo sopra il bancone,

    il bancone era duro,

    e sotto c'era il muro,

    il bancone era lozzo

    e sotto c'era il pozzo,

    il pozzo era spinato

    e sotto c'era un prato,

    il prato era fiorito,

    tre zanzare andavano a marito,

    una faceva un cappello di paglia

    per portarlo alla battaglia,

    l'altra faceva un cappello di mota

    per portarlo alla marmotta,

    l'ultima faceva un cappello di piombo

    per girare tutto il mondo.


  • Lucciola, lucciola, scendi, scendi,

    metti la briglia alla cavalla;

    la cavalla è del re,

    lucciola, lucciola vien i da me.


    Lucciola, lucciola, vieni da me,

    ti darò pan da re,

    pan da re e da regina,

    lucciola, lucciola, vieni vicina.


  • Lucciola, lucciola del piattello,

    vieni da me che sono il più bello

    ti darò una pagnottella,

    lucciola, lucciola, vieni a terra.


  • Lucciola lucciola campanella.

    Vien da me che son la più bella,

    son più bella della figlia del re.

    Lucciola, lucciola vien da me.


    Lucciola lucciola, gaia gaia.

    Metti la briglia alla cavalla.

    La cavalla è del re.

    La cavalla è del re.


    Le  sette  sorelle

    Imola per fare l’amore

    Faenza per lavorare

    Forlì per cantare

    Cesena per ballare

    Rimini per navigare

    Ravenna per mangiare

    Lugo per imbrogliare.


  • La campana di san Simone

    Erano in tre che la suonavano,

    pane e vino si guadagnavano,

    guadagnavano un paio di capponi

    da portare ai loro padroni.

    I loro padroni non erano a casa.

    Erano dalla loro mamma

    che faceva il pane con le zampe del cane.

    Il cane era un po’ vecchio

    e stava sotto il letto.

    Il letto era un po’ basso

    e ci stava anche il gatto.

    Il gatto era in camicia

  • …. e scoppiavano tutti dalle risa.



(Continua)

Pin It