Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

26.67°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 55%
Vento: ENE a 6.84 K/H
Venerdì
Temporali
17.22°C / 23.33°C
Sabato
Temporali sparsi
15.56°C / 23.89°C
Domenica
Soleggiato
13.89°C / 26.67°C
Vita una volta
CHICCHI RIVOLTA
 
C'era una volta
Chicchi rivolta
che rivoltava i maccheroni
e se la fece nei calzoni.
La sua mamma lo sgridò,
e lui ne fece in altro po’.
A mandarlo in paradiso,
si mangiava tutto il riso.
A mandarlo in purgatorio,
si beveva tutto l’olio.
A mandarlo all’inferno,
finalmente stava fermo.
 
  • Piaza bèla piaza

    l’è pasaé la livra paza.

    Quèst u la j à vesta,

    quèst u la j à mazaèda,

    quèst u la j à scurgaèda,

    quèst u la j à còta,

    e quèst ch'l'è e' piò znin

    l'è andaè in tla cantòina a to paèn e vòin

    un gn'è tucaè a gnenca un usiciòin!

 
  • Piazza bella piazza

    è passata la lepre pazza.

    Questo l’ha vista,

    questo l'ha ammazzata

    questo l’ha scorticata

    questo l'ha cucinata

    e a questo che è il più piccolino

    è andato in cantina a prendere pane e vino

    non è toccato neanche un ossicino! 

  •  

 

  • Quèst e dois: “A j ò faèna.”

    Quèst e dois: “Un gn'i n’è.”

    Quèst e dois: “Cma a farem?”

    Quèst e dois: “A rubarem.”

    E quèst ch'l’è e' piò znin e dois:

    Gnéch, gnéch, a magnarem e' brech!”.


  • Tirindòina paèn buffèt

    met la ceva int e' casèt!

    Tirindòina paèn bufòun

    Met la ceva int e' casòun!

    Met la ceva int la cantòina

    ch'a fasem la tirindòina!

    Metla ad qua, metla ad là

    chicadeun u la truvarà.


  • Lumega, lumaghina

    tira fura al tu curnina.

    ona par tè

    ona par mè

    si nò a t met 't la padaèla

    tè e la tu surèla.


  • Pigroizia t vu un cafè?

    Sè graèzia, al toi vulanteir.

    O pigroizia, alòura tu 'na taza.

    Na graèzia, la voja la m'è pasa…


  • E' sbadai l’è de' vilaèn:

    o ch'la sòida o ch'la faèna

    o ch'la maèl e u ne pò doi,

    o ch'la són e un pò durmoi


  • U j è un zil nuvlòus in qua e là,

    chi è a caèsa ad chilt

    is vaga a ca'.

    Se mè a fos a ca’ad chilt,

    cmè chilt j è a ca mia,

    a tureb sò e' mi bastunzin

    e am n'andreb via.


  • Chi fa la spia

    un n’è e' fiol ad Maria

    un n’è e fiol ad Gesò

    e quant e mör e va zò, zò.

    E va lazò da cl’umaz

    ch'us ciema diavlaz.


  • LA  SFIGA

    Brusé e' pajer,

  • l'è mort e' burdèl,

  • la Gianina l'an fa piò fiul,

  • Serafin l'à un bogn int e' cheul,

  • la Marietta l'à un bogn int 'na ciapa:

  • mo azidenti, a soi  tot froid?


  • Cèch cèch, la mascaròina,

    a sem in zoir da stamatòina,

    e' bagòin a l'avoi mazaè

    sò me' meur a l'avoi tacaè.

    Sa s'dé un po' 'd rubtòini,

    al farà sempra agl'j ovi al vòst galòini,

    se invici as mandé vì

    e sarà un an 'd carestì.


  • Lozla, lozla vin da bas,

    ch'a t darò 'na fèta 'd gras,

    ch'a t darò 'na fèta 'd paèn,

    vin òz e pu ènca admaèn.


    Din dòun, din dòun

  • la campaèna 'd san Simòun,

    j era troi ch'i la sunaèva

    paèn e vòin is guadagneva,

    i s'aviet par la maròina,

    j incuntret la Cataròina

    ch'la i faset i macaroun,

    j era cot e j era bun,

    j era tot infurmajé

    ch'ui magneva prit e fré.


    FILASTROCCA   DI  NATALE

     

    La notte di natale

    è nato un bel bambino

    bianco, rosso e tutto ricciolino.

    Maria lavava,

    Giuseppe stendeva

    e il bambino piangeva

    che il latte voleva.

    Non pianger, mio figlio

    che adesso ti piglio:

    latte ti do,

    pane non ne ho.

    La neve cadeva

    cadeva giù fal cielo

    e Maria col suo velo

    copriva Gesù.


  • PIN PIRULIN

    Pin Pirulin piangeva

    voleva mezza mela

    la mamma non l'aveva,

    Pin Pirulin piangeva.

    A mezzanotte in punto,

    passò un aeroplano,

    e sotto c'era scritto:

    “Pin Pirulin stai zitto!”.


 
  • Questo dice: “Ho fame.”

    Queso dice: “Non ce n'è.”

    Questo dice: “Come faremo?”

    Questo dice: “Ruberemo.”

    E questo che è il più piccolo dice:

    “Gnéch, gnèch, mangeremo il somaro!”.


  • Tirindina pan buffet

    metti la chiave nel cassetto!

    Tirindina pan bufon

    metti la chiave nel cassone!

    Metti la chiave nella cantina

    che facciamo la tirindina!

    Mettila di qua, mettila di là

    qualcuno la troverà.


  • Lumaca lumachina

    tira fuori le tue cornine.

    una per te

    una per me

    altrimenti ti metto in padella

    te e tua sorella.


  • Pigrizia vuoi un caffé?

    Sì grazie, lo prendo volentieri.

    Pigrizia, allora prendi una tazza.

    No grazie, la voglia mi è passata…


  • Lo sbadiglio è del villano:

    o che ha sete o che ha fame

    o che ha male e non lo può dire

    o che ha sonno e non può dormire.


  • C’è un cielo nuvoloso in qua e là,

    chi è a casa degli altri

    vada a casa.

    Se io fossi a casa degli altri,

    come gli altri che sono a casa mia,

    Prenderei il mio bastoncino

    e me ne andrei via.


  • Chi fa la spia

    non è figlio di Maria,

    non è figlio di Gesù

    e quando muore va giù, giù.

    Va laggiù da quell’omaccio

    che si chiama diavolaccio.


  • LA SFORTUNA

    A fuoco il pagliaio,

  • è morto il bambino,

  • la Giannina non fa più figli,

  • Serafino ha un foruncolo nel sedere,

  • la Marietta ha un foruncolo in una natica:

  • accidenti, siete tutti fradici?


  • Cech, Cech, la mascherina,

    siamo in giro da stamattina,

    il maiale l'avete ammazzato

    su per il muro l'avete attaccato.

    Se ci date un po' di cosine,

    faranno sempre uova le vostre galline,

    se invece ci mandate via

    sarà un anno di carestia.


  • Lucciola, lucciola vieni in basso,

    che ti darò una fetta di grasso,

    che ti darò una fetta di pane,

    vieni oggi e anche domani.


  • Din don, din don,

    la campana di san Simone,

    erano tre che la suonavano

    pane e vino si guadagnavano,

    s' avviarono per la marina,

    incontrarono la Caterina

    che gli fece i maccheroni,

    erano cotti, erano buoni,

    erano tutti informaggiati

    che li mangiavano preti e frati.


 

Pin It