Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

26.67°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 55%
Vento: ENE a 6.84 K/H
Venerdì
Temporali
17.22°C / 23.33°C
Sabato
Temporali sparsi
15.56°C / 23.89°C
Domenica
Soleggiato
13.89°C / 26.67°C
Ninna Nanna
La ninna nanna è il più semplice dei generi popolari. La sua forma è basata su ripetizione e cantilena; in questo senso tutto va bene per far addormentare l'infante, qualsiasi melodia a carattere ripetitivo e monotono può servire allo scopo.
 
  • Ninna nanna

    paèn grataè

    metmi a lèt ch'a sò malaè

    dam un ov ch'a me birò

    damni deu ch'a m'arfarò.


  • Ninna nanna, ninna nanna.

    La bibina l’an vo durmoi:

    la sa sarmeja ma la su mama,

    poch ad bon la j à davnoi


 
  • Ninna nanna

    pan grattato

    mettimi a letto che sono ammalato

    dammi un uovo che lo berrò

    dammene due che mi guarirò


  • Ninna nanna, ninna nanna.

    La bambina non vuol dormire:

    si assomiglia alla sua mamma,

    poco di buono dovrà divenire.


  •  

 

  • Fa la nana e fala tota,

    fala fena che la mama la é stofa,

    fa la nana e fa cucú

    ch’andarem pu a lèt tot du.


  • L'è stato il vento

    ch'l'à riburtaè la cana

    bibin fa la ni-nana

    che e' bà e vo durmì.


  • Fa la nana, fa la nòina,

    e' tu ba e fa la calzòina

    fa la nana e' mi bèl fiòur

    e' tu ba e fa e' muradòur.

    E' tu ba, che por sgrazié

    e lavòura e l'è malé

    e lavòura pr'e' su burdlin

    par cumprei un bèl stidin

    e lavòura pr'e' burdèl

    par cumpraèi un stì bèl.

    La tu mama, la purèta,

    la ricaèma una scufièta,

    la ricaèma tot e' dè,

    la ricaèma snò par tè.


  • Fa la nina, fa la nana

    la tu ma l'è andaè a mèsa

    e' tu ba a cumpraè un fis-cèt

    da purtaè me' su  mas-cèt

    un fis-cèt 'd caèrta ròssa,

    t vu savòi quant ch'e gòsta?

    La gustaè 'na quarantaèna

    ch'l'è la paèga d'una stmaèna.


  • Nana nanèta

    la ma l'è andaè a mèsa

    la mèsa i la sunaèva

    j anzal i la cantaèva,

    i cantaèva acsè bèl

    fa la nana bèl burdèl.


  • Din dan, din dòn

    di pinein a n'avem òun,

    s’a n' avesmi zòinqu o sì,

    oh, che brota cumpagnì.


 
  • Fa la nanna e falla tutta

    falla fino che la mamma è stufa,

    fa la nanna e fa cucù

    che andremo poi a letto tutte e due.


  • È  stato il vento

    che ha ribaltato la canna

    bambino fai la nanna

    che il babbo vuol dormire.


  • Fa la nanna, fa la ninna,

    il tuo babbo fa la calcina

    fa la nanna mio bel fiore

    il tuo babbo fa il muratore.

    Il tuo babbo, quel povero disgraziato

    lavora ed è malato

    lavora per il suo bambino

    per comprargli un vestitino

    lavora per il bambinello

    per comprargli un vestito bello.

    La tua mamma, la poveretta,

    ricama una scuffietta,

    ricama tutto il dì,

    ricama solo per te.


  • Fa la ninna, fa la nanna

    la tua mamma è andata a messa

    il tuo babbo comprare un fischietto

    da portare al suo maschietto

    un fischietto di carta rossa

    vuoi sapere quanto costa?

    È costato una quarantana

    che è la paga di una settimana.


  • Nanna nannetta

    la mamma è andata a messa

    la messa la suonavano

    gli angeli la cantavano

    cantavano così bello

    fai la nanna bel bambinello.


  • Din dan, din dòn

    di piedini ne abbiamo uno,

    se ne avessimo cinque o sei,

    oh, che brutta compagnia.


     

LA BÒURDA   

La Bòurda, o la Borda com'è denominata nel suo dialetto di provenienza, è una strega che nelle ninne nanne viene descritta come un essere terribile che uccide i bambini con una corda. La sua diffusione assai antica, era particolarmente conosciuta nel ravennate, ma non si creda che questo nostro territorio fosse privo di figure angoscianti spesso usate per spaventare i bambini così da ridurli al silenzio, all'obbedienza e alla desiderata ninna nanna: l'uomo nero, la strega, il lupo, “quel vecchio” (la morte), i ciapaburdel, (gli acchiappa bambini), spiriti cattivi, oscure presenze, ecc…. In questo territorio non si sono però rinvenuti nelle nenie, riferimenti diretti a queste paurose figure.

 

  • Fa la nana babein che ven la Bòurda

    la j è què di drì la porta ch'la v'ascòulta:

    lì la v'ascòulta e la v'stà a 'd asculté

    s'an sì bon la v' vo lighé:

    s'una corda e s'una curdèla

    la loiga i babein e pu la i sèra,

    s'una corda e una curdaza,

    la loiga i burdel e pu la j amaza.

    Fa la nana fiol dla Marì,

    che la Bòurda la va vì.


 
  • Fa la nanna bambino che viene la Borda

    è qui dietro la porta che vi ascolta:

    lei vi ascolta e vi sta ad ascoltare

    se non siete buoni vi vuole legare:

    con una corda e una cordicella

    lega i bambini e poi li serra, (rinchiude)

    con una coda e una cordaccia,

    lega i bambini e poi li ammazza.

    Fa la nanna figlio di Maria

    che la Borda va via.


 

Pin It