Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

26.67°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 55%
Vento: ENE a 6.84 K/H
Venerdì
Temporali
17.22°C / 23.33°C
Sabato
Temporali sparsi
15.56°C / 23.89°C
Domenica
Soleggiato
13.89°C / 26.67°C

nascondino

  Secondo la definizione classica, l'indovinello è un breve componimento, spesso in versi, nel quale ciò che si deve individuare è descritto in modo vago mediante allusioni, metafore, doppi sensi.

  Partendo dunque da alcune definizioni misteriose bisogna indovinare, appunto, la parola nascosta e per risolvere un indovinello è importante capire i vari significati delle parole e gli aspetti culturali a cui sono legati perché non sempre si riesce ad afferrare il senso e molto spesso le soluzioni sono del tutto imprevedibili.

 È l'emblema del "parlar doppio", del bisenso, il modo storicamente più classico per dire una cosa e farne capire un'altra.

 Già nella mitologia greca la Sfinge usava l'indovinello per consentire l'accesso alla città di Tebe: “Qual è l’animale che il mattino ha quattro zampe, a mezzogiorno ne ha due e alla sera tre?” L'uomo, rispose Edipo, e sconfisse il mostro.

 Anche nella cultura popolare l'indovinello ha sempre goduto di larga diffusione e solleticato la curiosità di tanti, soprattutto poi se aveva un'impronta maliziosa, così che giocando appunto sui doppi sensi, si sollecitavano con descrizioni imbarazzanti risposte sconce, mentre la risposta non andava mai al di là delle più note ovvietà. 

  Gli indovinelli sotto riportati e adattati al dialetto sammaurese, sono una esemplificazione di quanto enunciato, la gran parte di questi sono stati raccolti da Giuseppe Bellosi, direttore della biblioteca di Fusignano, poeta e studioso noto e apprezzato di cultura romagnola, che li ha pubblicati in un paio di volumi: “La Rumâgna dj indvinèl”, Walberti Edizioni, Lugo, 1979  e “Sotto mentite spoglie. Indovinelli romagnoli inediti del XVIII e XIX secolo”, Maggioli Editore, Rimini, 1988.

 

Indovina indovinello, chi fa l'uovo nella paglia?

La gallina!

Merda in bocca a chi l'indovina!

  • E va zò ridend e ven sò pianzend. (La caplèta 't e' pòz)

  • Va giù ridendo e vien su piangendo.  (Il secchio nel pozzo)


    A j ò un bilin zò m'una còsa, piò a me grat e piò u s'ingròsa. (E' feus)

    Ho un oggettino lungo una coscia, più me lo gratto e più s'ingrossa. ( Il fuso)


    Pòil còuntra pòil tot la nòta i fa e' su dvòir. (J occ)

    Pelo contro pelo tutta la notte fanno il loro dovere. (Gli occhi)


    La pròima ròba ch'i fa du speus l'è infilé un pèz 'd caèrna t'un beus. (La varghèta)

    La prima cosa che fanno due sposi è infilare un pezzo di carne in un buco. (La fede)


  • U j è una vècia s'una ca-sa, la s'la pòila e la s'la grata, grata d'in sò, grata d'in zò, la s'na dà ch'l'an n'à piò.  (E' furmai)

    C'è una vecchia sopra una cassa, se la pela e se la gratta, gratta in su, gratta in giù, si accorge che non ne ha più.  (Il formaggio)


    Braghilòs, ch'e sta s'la taèvla, u n'à né caèrna, né òs, la ma 'd Braghilòs la j à invici caèrna e òs. (La mungaèna e e' furmai)

    Braghilosso, che sta sulla tavola, non ha né carne, né ossa, la madre di Braghilosso ha invece carne e ossa. (La mucca e il formaggio)


    Laèrgh int la gamba e strèt int e' cheul, e stà disdòi cmè cagl'j elti createuri.  (E' caèn)

  • Largo in gambe e stretto in culo, sta a sedere come le altre creature.(Il cane)


    A j ò 'na  masa  'd burdlin: j à tot quant la su zinturòina. (La fasòina)

    Ho un sacco di bambinetti: hanno tutti la loro cinturina.  (La fascina)


    A j ò un braènch 'd ragazot: quant ch'e pesa eun i pesa tot. (Al grundaèri) 

    Ho un branco di ragazzotti: quando piscia uno pisciano tutti. (Le grondaie)


    Son piculeina, son galanteina, passo il mare senza nave, rampo il monte senza scala, vado a tavola del re, mangio prima io di te.  (La mosca)


  • Tot e' dè l'adòcia e la séra u s'insteca. (E' carnaz)

    Tutto il giorno adocchia e la sera si ficca. (Il catenaccio)


    Tot e' dè la cor cmè una lusertla e la nòta l'arvaènza a bòca verta. (La scaèrpa)

    Tutto il giorno corre come una lucertola e la notte resta a bocca aperta. (La scarpa)


  • Longh e gròs cmè un s-ciadeur, e cruv la pataca e e' bus de' cheul. (La còuda dla mungaèna)

    Lungo e grosso come un matterello, copre la vulva e il buco del culo. (La coda della mucca)


    Strich stròch e stà tr'al raèmi, ui chesca i bragheun e mostra i su quajeun. (La castagna)

    Strich stroch sta fra i rami, gli cascano i calzoni, mostra i suoi coglioni. (La castagna)


    Un albarèt poch aèlt da tèra e fa la frota bèla, e fa la frota d'un bon umòur, ch'la va ma la taèvla dl'imperadòur.  (La fraèvla)

    Un alberino poco alto da terra e fa la frutta bella, fa la frutta di un buon  sapore, che va alla tavola dell'imperatore. (La fragola)


    Vòirda a sò e vòirda a sò staè, par rapaè a sò staè ciamaè, par faè dispèt ma sta canaja a raparò sò par sta muraja. (La rèla)

  • Verde sono e verde son stata, per rampicare sono stato chiamata, per far dispetto a questa canaglia, mi arrampicherò su per questa muraglia.  (L'edera)


    Pirulìn ch'e piruleva ins la paènza dla padròuna, tot i beus che leu e truvaéva, Pirulìn u s'insticaéva. (E' feus)

  • Piroettino che piroettava sulla pancia della padrona, tutti i buchi che lui trovava, Piroettino si ficcava. (Il fuso)


    Fanfaluga fanfaluga, um fa scadóur la mi balusa, s'a truves eun ch'u m'la grates, mè av zeur ch'al pagareb. (La gardèla)

  • Fanfaluga fanfaluga, mi fa prurito la "balosa", se trovassi qualcuno che me la grattasse, io vi giuro che lo pagherei. (La graticola)


    A j ò una scatla 'd bambuzin ch'j à tot lóurd e' su culazin. (I furminint)

    Ho una scatola di bamboccini che hanno tutto immerdato il loro sederino. (I fiammiferi)


    Laèrgh 'd gambi e strèt 'd cheul, metjal murbi e caèval deur. (E' paèn int e' fòuran)

    Largo di gambe e stretto di culo, metticelo morbido e toglilo duro. (Il pane nel forno)


 
  • L'aziprit ch'e ven da Trento

    s'un un quèl che fa spavento

    u l'arversa e u s'l' indreza,

    ul toira fura snó quant ch'e pesa.

    (L'umbrèla)


    L'uslin de la comare

    vuol volare dove ci pare,

    ui vóula s' una gamba:

    l'uslin u s'ingranda,

    ui vóula s' una còsa:

    l'uslin u s'ingròsa,

    e ul met int la gabiola,

    ora dentro e ora fora.

    (E' feus)


    A vagh a caèsa, a la truv snò ma lì,

    a met la su paènza insen s'la la mi,

    lì la j à e' beus e mè a j ò e' cavei:

    ai dagh una ciaveda e pu a m'avei.

    (La ceva e e' beus dla porta)


    St ferum, marito mio, sta ferm e a pòst,

  • me a farò tot quèl ch'a pòs;

  • de' mi lèt ta na vrè prufet,

  • i gudrà rech e puret.

    (L'ova)


 
  • L'arciprete che viene da Trento

  • con un coso che fa spavento

  • lo rovescia e se lo raddrizza,

  • lo tira fuori solo quando piscia.

    (L'ombrello)


    L'uccellino della comare

  • vuol volare dove gli pare,

  • le vola su di una gamba:

  • l'uccellino s'ingrandisce,

  • le vola su una coscia:

  • l'uccellino s'ingrossa,

  • e lo mette nella gabbiola,

  • ora dentro e ora fuori.

    (Il fuso)


    Vado a casa, trovo solo lei,

  • metto la sua pancia con la mia,

  • lei ha il buco e io ho il cavicchio:

  • le do una chiavata e me ne vado.

    (La chiave e il buco della porta)


    Sta fermo, marito mio, sta fermo a posto,

  • io farò tutto quello che posso;

  • dal mio letto trarrai profitto,

  • ne godranno ricchi e poveri.

    (L'uva)


(Continua)

Pin It