Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Molto nuvoloso

25°C

Molto nuvoloso
Umidità: 68%
Vento: E a 7.46 K/H
Lunedì
Temporali
16.67°C / 23.89°C
Martedì
Temporali
17.22°C / 23.33°C
Mercoledì
Temporali sparsi
16.11°C / 25.56°C

indovinelli

Ch'u sèl che quèl che piò ch'u s'un taja e piò u s'longa?  (E' fòs)

Che cos'è quella cosa che più se ne taglia e più s'allunga?  (Il fosso)


A j ò una stala d'caval bjinch, ui n'è eun di ros ch'e dà 'd chelz ma tot. (I dint e la lengua)

Ho una stalla di cavalli bianchi, ce n'è uno dei rossi che tira calci a tutti. (Denti e lingua) 


La mi tal cosa l'è laèrga 'na spana e quàtar doidi, la cruv tot e' cheul e la mità dal doidi. (La scarana) 

La mia tal cosa è larga una spanna e quattro dita, copre tutto il culo e la metà delle dita. (La sedia)


Andaè in là, l'è leu e a turnaè indrì l'è lì.       (Il grano e la farina)

Ad andare in là è lui e a tornare indietro è lei.    (Il grano e la farina) 


Pòil 'd fura, pòil 'd dròinta, èlza la gamba e mètjial 'd dròinta.   (I calzet)

Pelo di fuori, pelo di dentro, alza la gamba e metticelo dentro.   (Le calze) 


Vò ch'a soi un dutòur ch'a savoi taènta dutròina, qual è cl'animaèli ch'l'è senza spòina? (La lumaca) 

Voi che siete un dottore che sapete tanta dottrina, qual è quell'animale che è senza spina? (La lumaca) 


Tot il sa arvoi, mo niseun ul sa cieud.        (L'ov) 

Tutti lo sanno aprire, ma nessuno lo sa chiudere.      (L'uovo)


Bel o brot t ai pu faè, mo ma niseun t ai pu mustraè.      (J insogni)

Belli o brutti li puoi fare, ma a nessuno li puoi mostrare.    (I sogni)        


Bèli ragazi nu pansé maèl, mo quant ch'e pessa mè al tengh in maèn.     (E' pidariul)

Belle ragazze non pensate male, ma quando piscia io lo tengo in mano.  (L'imbuto)


 E pò cor, mo un pò caminé, l'à 'na bòca ma un pò zcòr, l'à 'na tèsta mo un pienz mai, l'à un lèt, mo un dorma mai.  (E' fieun)

Può correre, ma non camminare, ha una bocca ma non può parlare, ha una testa ma non piange mai, ha un letto ma non dorme mai   (Il fiume) 


  

  • U i è una zòvna a caval d'una casa:

  • la s'la pòila e la s'la grata;

  • la s'la toira un po' piò d'in sò,

  • u i arvaènza un pòil d'in sò.

    (Le calze)


  • Al mi dòni, al savoi ch'a l'ò;

  • se al vloi a ve darò,

  • ma badé ch'l'à un voizi brot,

  • che quant ch'u i è andaé la peunta

    u i vo andaè tot.     

    (L'aègh)


  • L'induvinèl dla sgnóura Pina,

    leu us va ' lèt e lì la s' liva

    e par faèi un gran dispèt,

    lì la s' liva e leu us va a lèt.

    (E' sòul e la leuna)


  • Ròsa rusèta, 

  • int taèvla la fò mesa

    imprèsti la góula

  • e caèvi la cóuda.

  • (La zrisa)


    Òura morbi, morbi, òura deur deur,

    'd piò al drov int e' scheur

    e' su pòil u m'un dà fastoidi,

    e' su num e fines in “az”.

    (E' mataraz)


    Ciapla neuda,

  • cla bèca futeuda,

  • metla a lèt,

  • tastji e' pèt,

  • ceudi e' beus,

  • poni e' pè

  • intaènt ch'u j è.

    (La bòta)


    Am pòz me'meur,

  • l'am bèca e' cheul;

  • am tòuran a puzaè,

  • l'am tòurna a bicaè;

  • ai taj la tèsta,

  • ancòra l'am bèca.

    (L'urtoiga)


    'D'qua e 'd là de' maèr

  • u j è dal barchèti da tajé,

  • ui n'è dal stili e dal gròsi,

  • agl'j è méi crudi ch'n'è còti.

    (E' sèral)


    Aèlt aèlt cmè un palaz,

  • a chesch ma tèra, an m'amaz,

  • a chesch int l'aqua, am fracàs.

     (La caèrta)


    E' mi maroid l'è naseu sgrazjé,

  • su n'à al corni ai li voi faè,

  • ona dreta, ona storta,

  • s'a ni li faz ch'a vaènza morta.

    (E' pargaè)


    'D là de' maèr u j è un paèl,

  • ins e' paèl u j è un noid,

  • int ste noid u j è un clòmb:

  • quant ch'e rogg us sint par tot e' mònd.

    (E' tòun)


  
  • C'è una giovane a cavallo di una cassa:

  • se la pela e se la gratta;

  • se la tira un po' più in su,

  • ci rimane un pelo all'insu.

    (Le calze)


  • Donne mie, sapete che l'ho;

  • se lo volete ve lo darò,

  • ma badate che ha un brutto vizio,

  • che quando c'è andata la punta

    ci vuole andare tutto.     

    (L'ago)


  • L'indovinello della signora Pina,

    lui si va a letto e lei si leva

    e per fargli un gran dispetto,

    lei si leva e lui va a letto.

    (Il sole e la luna)


  • Rossa rossetta,

  • in tavola fu messa,

  • prestale la gola

  • e toglile la coda.

      (La ciliegia)


    Ora morbido morbido, ora duro duro,

  • per lo più l'adopero all'oscuro;

  • il suo pelo non mi dà impaccio,

  • il suo nome finisce in «az».

    (Il materasso)


    Prendila nuda,

  • quella fottuta cornuta,

  • mettila a letto,

  • tastale il petto,

  • chiudile il buco,

  • appoggiale il piede

  • intanto che c'è.

     (La botte)


    Mi appoggio al muro,

  • mi punge il culo;

  • mi torno ad appoggiare,

  • mi torna a beccare;

  • gli taglio la testa,

  • ancora mi becca.

    (L'ortica)


    Di qua e di là del mare

  • ci sono delle barchette da tagliare,

  • ce ne sono delle sottili e delle grosse,

  • sono meglio crude che cotte.

     (Il sedano)


    Alto alto come un palazzo,

  • cado in terra, non m'ammazzo,

  • cado nell'acqua, mi fracasso.

     (La carta)


    Mio marito è nato disgraziato,

  • se non ha le corna gliele voglio fare:

  • una dritta, una storta,

  • se non gliele faccio che resti morta.

    (L'aratro)


    Al di là del mare c'è un palo,

  • sul palo c'è un nido,

  • in questo nido c'è un colombo:

  • quando grida si sente per tutto il mondo.

    (Il tuono)


 

Pin It