Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Clear

19.44°C

Clear
Umidità: 88%
Vento: SW a 1.86 K/H
Martedì
Temporali
18.89°C / 30.56°C
Mercoledì
Temporali
20°C / 29.44°C
Giovedì
Temporali
20°C / 29.44°C

Detti e proverbi  Secondo dotte interpretazioni, un proverbio è una frase completa che si presta come un "consiglio" che si ritiene derivato dalla saggezza popolare (che poi sia saggezza o ignoranza, dipende dai casi): in pratica, dovrebbe rappresentare una norma di comportamento o addirittura una "lezione di vita".
  Di solito la loro origine è lontana e frutto di culture passate e per questo spesso si rivelano inattendibili.

Un esempio classico di proverbio è "Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia e non quel che trova".

  A differenza dei proverbi, i modi di dire non hanno nulla a che vedere con la saggezza popolare, descrivono qualcosa, per esempio un'azione, un modo di fare o di essere, utilizzando un'analogia. 

Un esempio di modo di dire è "tagliare la testa al toro" (prendere una decisione pur danneggiando qualcuno o rinunciando a qualcosa).

  Degli uni e degli altri ne esiste un numero infinito, ne abbiamo scelti diversi fra i tanti presenti nella nostra regione e presentati in ordine sparso in quanto spesso è difficile distinguerli, tutti però riportati nel dialetto di San Mauro.

  A questo proposito ci piace segnalare una ricerca mirata ai modi di dire essenzialmente sammauresi di PIETRO MAIOLI e raccolti, insieme ad altre preziose informazioni storiche sul nostro paese,  nel suo volume “SAMAÉVAR  IR  E  OZ” edito nel 2003 e consultabile presso la biblioteca comunale.

Parte  prima

Se piov e' pròim e e' sgònd, e piov par tot e' mòis tònd.

Se piove il primo e il secondo, piove per tutto il mese tondo.

Coi ch'un cnòs e' quaèrt 'd leuna, un dè e magna e clèlt e digieuna.

Chi non conosce il quarto di luna, un giorno mangia e l'altro digiuna.

Zobia u s'insaca, vendar e sofia e sabat aqua.

Giovedì si insacca (il sole tramonta tra le nuvole), venerdì soffia e sabato acqua.

E bò vècc e porta a caèsa e' cara.

Il bue vecchio porta a casa il carro.

Coi ch' sparagna, e' gat u se magna.

Chi risparmia, il gatto se lo mangia.

E' paèn 'd chilt l'à sèt cròsti.

Il pane degli altri ha sette croste.

La mòsca d'or la vòula, la vòula e pu la chesca s'una merda,

La mosca d'oro vola, vola e poi si appoggia asu una merda.

Coi ch' va a e' mulòin u s'infaròina.

Chi va al mulino s'infarina.

Coi che pienz s'la zvòla e dventa bèl da faè voia.

Chi piange con la cipolla diventa bello da far voglia.

I num di quaieun  j è sòura tot i canteun.

I nomi degli imbecilli sono sopra tutti gli angoli.

Chi bèla la vo aparoi, la tèsta la sa da duloi.

Chi bella vuole apparire, la testa si deve far dolere.

Quant che e' mòunt e dà da magnè me' pien.

Quant che e' livar e dà drì mi chen.

Quant che la mòi la dà drì me' maroid.

L'è ròbi da pienz e na da roid.

Quando il monte dà da mangiare al piano.

Quando la lepre dà da mangiare al cane

Quando la moglie rincorre il marito.

Sono cose da piangere e non da ridere.

Zòirc da longh, aqua da presia.

Cerchio lontano, acqua vicina. (Si intende il cerchio attorno alla luna di notte)

Du chen i ragna pr’un òs e du fradel pr'un fòs.

Due cani litigano per un osso e due fratelli per un fosso.

A pasaè da quajòun u j è sèmpra temp.

A passare da coglione c’è sempre tempo.

I zcheurs dla sòira in va dacord sa quei dla matòina.

I discorsi della sera non vanno d’accordo con quelli della mattina.

E' sòul e baèsa i bröt, parché i bel i i baèsa tot.

Il sole bacia i brutti, perché i belli li baciano tutti.

Pasaè e' gargaròz l’è tota merda e lòz.

Passato il gargarozzo è tutta merda e lozzo

L’eultma gòzla l'è quèla ch'la la fa vuntaè e' bicir.

L’ultima goccia è quella che fa traboccare il bicchiere.

E' becamort e spoja i murt e l’avucaèt e spoja i voiv.

Il becchino spoglia i morti e l’avvocato spoglia i vivi.

L’è naseu  da e' cheul par na pagaè la baèlia.

È nato dal culo per non pagare la levatrice.

Bèl in fasa, brot in piaza.

Bello in fasce, brutto in piazza.

Quèla l'è ona ch'la j à pisé int tot i cruseri.

Quella è una che ha fatto la pipì in tutti i crocevia

L'è 'csè cuntent ch'ui roid ènca e' cheul.

È così felice che gli ride anche il culo.

Sdaza, sdaza, j è tot d’una raza.

Setaccia, setaccia, sono tutti di una razza.

La pida se' parsot la pis un po' ma tot.
La piadina col prosciutto piace un pò a tutti.

L’aqua la fa maèl, e’ vòin e fa cantaè.
L’acqua fa male, il vino fa cantare.

L’à piò corni quèl, ch'n'è un bidòun 'd lumeghi.
Ha più corna quello di un barattolo di lumache.

I sold j è cmè i duleur, coi chi j à i si ten.
I soldi sono come i dolori, chi li ha se li tiene.

La nòiva marzulòina u la fa la sòira e la va vì la matòina.
La neve marzolina viene alla sera e va via alla mattina.

L’è mèi un mort int caèsa che un marchigien ma la porta.
È meglio avere un morto in casa che un marchigiano sulla porta.

I bajoch i fa andaè l’aqua d’in sò.
I soldi fanno andare l’acqua verso l’alto

T vu che un nèspul e faza i foigh?
Vuoi che un nespolo faccia i fichi?

E' sòul e seuga, l’aqua la bagna, e' Signòur ui fa e pu u j acumpagna.
Il sole asciuga, l'acqua bagna, Dio li fa poi li accompagna.

L’ov benedèt, l’è bon ènca dòp Pasqua
L’uovo benedetto è buono anche dopo Pasqua

Òz un s'bat ciod.
Oggi non si incassa nulla.

T vu insgné m'un gat a rapaè sò?
Vuoi insegnare ad un gatto ad arrampicarsi?

T’am paèr e' fiol de' pori sugamaèn.

Mi sembri il figlio del povero asciugamani.

L’è cmè faè e' fnòcc se' cheul 'd chilt.

È come fare il gay col culo degli altri.

L’è cmè tajes l'usèl per faè dispèt ma la mòi.

È come tagliarsi il pene per fare dispetto alla moglie.

Quèl l'è eun ch'ut dà dintend che e' Signòur l'è mort 'd frèd.

Quello è uno che ti fa credere che il Signore è morto di freddo.

T ci sporch cmè e' bastòun de' pulaèr.

Sei sporco come il bastone del pollaio.

T'é fat la carira de' garnadaèl, da e' tulir a spazaè  la faròina, a mandaè zò la merda 't la latròina.

Hai fatto la carriera dello scopino, dal tagliere a spazzare la farina, a mandar giù la merda nella latrina.

T'é la tèsta cmè un zòch.

Hai la testa come un ceppo di legno.

Bèl temp, saleuta e quatròin, in stofa mai.

Bel tempo, salute e quattrini non stancano mai.

T ci fort cmè la sòida.

Sei forte come l'aceto.

(Continua)

Pin It