Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

13.33°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 62%
Vento: W a 4.97 K/H
Lunedì
Acquazzoni
11.11°C / 20°C
Martedì
Per lo più soleggiato
10.56°C / 20.56°C
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 21.11°C

Detti2^ - Parte

Coi ch'us loda u s'imbroda.
Chi si loda s’imbroda.

T’é una tèsta cmè e' dò 'd còp
Hai una testa come il due di coppe.

T ci fort cmè la sòida.
Sei forte come l’aceto.

T ci e' mèi dla cuvaèda di bagòin malé.
Sei il meglio della covata dei maiali ammalati.

Us fa pròima a metili int e' cheul che int la tèsta.
Si fa prima a metterglielo nel culo che nella testa.

T’é una tèsta cmè 'na mazola.
Hai una testa come una mazzola.

S’un sbajes ènca i sapjint, u ni sareb piò pòst par j ignurint.
Se non sbagliassero anche i sapienti, non ci sarebbe più posto per gli ignoranti.

Un basta avòi rasòun, bsògna ch’i t’la daga.
Non basta avere ragione, bisogna che te la riconoscano.

Al dòni in prinzoipi a gl'j è tot mel e dòp a gl'j è tot fel.
Le donne all’inizio sono tutto miele e dopo sono tutto fiele.

S’am met a faè e’ caplaèr, la zenta la nas senza la tèsta.
Se mi metto a fare il cappellaio, la gente nasce senza testa.

La brasola ‘d chilt la paèr sempra piò granda.
La braciola degli altri sembra sempre più grande.

U j è coi ch’magna par campaè e coi ch’magna par s-ciupaè.
C’è chi mangia per vivere e chi mangia per scoppiare.

A paènza pina us rasòuna mei.
A pancia piena si ragiona meglio.

Tri quel j è bel da znòin: e’ sumàr, e’ porch e e’ cuntadòin.
Tre cose sono belle quando sono piccine: l’asino, il maiale e il contadino.

Da du sumar un s'fa un caval.
Da due somari non si fa un cavallo.

An m'un faz mòiga magné e' bloigual dal mòschi.
Non mi faccio mica mangiare l'ombelico dalle mosche.

Vesta da luntaèn la livra la paèr e' caèn.

Vista da lontano la lepre sembra il cane.

L'è  fadoiga magné e' paèn senza mulòiga.

È fatica mangiare il pane senza mollica

La s-ciòpa e la mòi  an s'imprèsta ma niseun.

Il fucile e la moglie non si prestano a nessuno

La lengua malegna l'è pez che la gramegna.

La lingua maligna è peggio della gramigna.

La pròima la s'pardòuna, la sgònda la s'bastòuna, la terza la s'sculaza, la quaèrta la s'amaza.

La prima la si perdona, la seconda la si bastona, la terza la si sculaccia, la quarta la si ammazza.

Se l'invoidia la fos 'na fevra, tot e' mònd e sareb malaè.

Se l'invidia fosse una febbre, tutto il mondo sarebbe ammalato.

I fiul di gat i ciàpa i sorgh.

I figli dei gatti catturano i topi.

I prit i caènta e acsé j incaènta; i prit i pròiga mo mu mè in m'un fròiga.

I preti cantano e così incantano; i preti pregano ma a me non mi fregano.

Se e' ragn t'amazaré, poca furteuna ta n'avré.

Se il ragno ucciderai, poca fortuna ne avrai.

Un ba l'è bon par zent fiul, zent fiul i n'è bun pr'un ba.

Un babbo è valido per cento figli, cento figli non son validi per un babbo.

Un ba e dà da magné ma zent fiul, zent fiul in dà da magné m'un ba.

Un babbo nutre cento figli, cento figli non nutrono un babbo.

Senza quatròin, un s'fa balaè i buratòin.

Senza quattrini, non si fanno ballare i burattini.

Prèst e ben in stà insen.

Presto e bene non stanno insieme.

L'è snò e' quercc ch'e sà quèl ch'e bòl int la pgnata.

È solo il coperchio che sa ciò che bolle in pentola.

L'è mèi 'na brota pèza, che un bèl beus.

È meglio una brutta toppa, che un bel buco.

La caèrna pió bona l'è quèla drì l'òs.

La carne più saporita è quella vicina all'osso.

Se un mort ta t'ci insugné, una faza nova l'à da arivé.

Se un morto hai sognato, un viso nuovo sarà arrivato.

Sas tiré e parola daèda in s'toira indrì.

Sasso lanciato e parola data non si tirano indietro.

Trè novli al fa 'na piova, trè piovi 'na fiumaèna e trè fèsti da bal una putaèna.

Tre nuvole fanno una pioggia, tre piogge una fiumana e tre feste da ballo una puttana.

E' pas par quant l'è longh la gamba, e' bcòun par quant l'è laèrga la bòca.

Il passo per quanto è lunga la gamba, il boccone per quanto è larga la bocca.

Coi ch'mòina par pròim, e mòina dó volti.

Chi picchia per primo, picchia due volte.

Coi ch'stà ben ma caèsa su, e pò pisé 't e' lèt e pu doi ch'l'à sudé.

Chi sta bene a casa sua, può pisciare nel letto e poi dire che ha sudato.

E caènta la zghela: taja taja, me' padròun e' graèn e me' cuntadòin la paja.

Canta la cicala: taglia, taglia, al padrone il grano e al contadino la paglia.

E' mèi di cundimoint l'è la faèna.

Il migliore dei condimenti è la fame.

A faè de' ben  m'un sumàr, u t'arspond sa di chilz.

A far del bene ad un somaro, ti risponde con dei calci.

Mèi padròun dla cariola che garzòun de' car.

Meglio padrone della carriola, che servo del carro.

Méi un pasaròt int la pgnàta che un'oca int la vala.

Meglio un passerotto nella pignatta che un'oca nella valle.

Una busì l'an bota zò un dent.

Una bugia non butta giù un dente.

La pròima galòina ch'la caènta l'è quèla ch'la fa l'ov.

La prima gallina che canta è quella che fa l'uovo.

Coi che speuda pr'aria, us bagna la faza.

Chi sputa in aria, si bagna la faccia.

Bòia tè e chi t’à lighé e' bloigval.

Boia a te e a chi ti ha legato l'ombelico.

Dòp avòi bbeu tot i vò doi la su.

Dopo aver bevuto tutti vogliono vogliono dire la sua.

Mèi al braèghi ròti int e' cheul che e' cheul rot int al braèghi.

Meglio avere i pantaloni rotti nel culo che il culo rotto nei pantaloni

T ci cmè e' bagòin 'd Semprini che dà còuntra ma la caèsa.

Sei come il maiale dei Semprini che dà contro la casa.

(Continua)

Pin It