Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

12.78°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 69%
Vento: WSW a 4.35 K/H
Lunedì
Acquazzoni
10°C / 18.89°C
Martedì
Per lo più soleggiato
8.89°C / 20.56°C
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
12.22°C / 21.11°C

Sculacciate

  Questa curiosa ricerca è di diversi anni fa, quando all'interno di una classe di scuola elementare si iniziò a introdurre lo studio del nostro dialetto e subito ci fu chi riferì che in casa sua genitori e nonni usavano maggiormente la lingua dialettale quando erano arrabbiati. L'interesse verso questo tipo di esternazioni durò a lungo e fu poi riproposto anche nelle classi successive così che se ne raccolse una discreta quantità fino a quando, giunti in tempi più recenti, si scoprì che il dialetto non si usava più neanche per minacciare.

Indubbiamente è cambiato il modo di esprimersi e non solo per una diversa prassi linguistica, bensì per un mutamento dei comportamenti nei rapporti familiari.

 Nel tempo del passato prossimo l'autorità era riservata indiscutibilmente agli adulti e si manifestava con queste forme verbali e anche con qualche scappellotto o sculacciata se i figli eccedevano in certi atteggiamenti ritenuti inadeguati e non era mancanza d'affetto, ma il frutto di una lungo costume educativo che richiedeva misure correttive autoritarie ed energiche da parte dell'adulto per educare per bene i propri rampolli.

  Si può facilmente immaginare che leggendo quanto riportato di seguito, molti storceranno il naso e riterranno reali barbarie alcune espressioni, ogni tempo ha valori diversi, oggi si parla di “puerocentrismo”, sono i bambini ad essere il centro di ogni attenzione, ad usare i mezzi correttivi del passato, si rischia la denuncia  per maltrattamenti.

  Ancora un altro passo nel futuro e dovremo dare del “lei” ai nostri figli e nipoti, e con un forbito idioma. I tempi mutano e sempre ci si adegua.

Un dè o clèlt at s-cent e' còl.

(Un giorno o l'altro ti schianto il collo.)

 

Im ciaparà pr'una rugiòuna, mo mè si mi fiul a faz sèl ch'um paèr.

(Mi prenderanno per una chiassona, ma io coi miei figli faccio quello che mi pare.)

 

Eh, cla putaèna ch'la t'à fat!

(Eh, quella puttana che ti ha fatto!)

 

Ch'ut vegna un azident!

(Che ti venisse un accidente!)

 

Un dè o clèlt a t'amaz!

(Un giorno o l'altro ti ammazzo!)

 

L'era mèi se cla sòira a feva una brescla 'd piò invici che faèt ma tè!

(Era meglio se quella sera facevo una briscola in più, invece che fare te!)

 

Mo va a su l'òs-cia!

(Ma vai a quel paese!)

 

Un dè o clèlt a t bot 't la beusa de' stabi!

(Un giorno o l'altro ti getto nella buca del letame!)

 

T casches zò mal scaèli e ta t rumpes e' còl!

(Cadessi giù per le scale e ti rompessi il collo!)

 

A t ceud 't e' culeg di desqual e an t vengh a to piò!

(Ti chiudo nel collegio dei discoli e non ti vengo a prendere più!)

 

E su t' arives un s-ciafòun 't la faza?

(E se ti arrivasse un ceffone in faccia?)

 

T ci propi un fulèt!

(Sei proprio un folletto!)

 

Bsògna sempra badaèi se' s-ciòp!

(Bisogna sempre sorvegliarli col fucile!)

 

A t dagh un s-ciafòun ch'ut parrà e' dè 'd pasqua!

(Ti do un ceffone che tui sembrerà il giorno di pasqua!)

 

Stasòira ta li ciap ch'u n'è vèra dio!

(Stasera le prendi che non è vero dio!)

 

A t dagh un cargadeur 'd bòti che ta t li arcurdaré fena che t caèmp e pu e pu!

(Ti do una massa di botte che te le ricorderai fino che campi e poi e poi!)

 

Sa t met al maèni madòs at bagat!

(Se ti metto le mani addosso ti rovino!)

 

T pu ringrazie e' tu signuròin!

(Puoi ringraziare il tuo signore!)

 

Pora tè, ta t pu faè la caèsa 'd fèr!

(Povero te, ti puoi fare la casa di ferro!)

 

Ch'ut vegna un azident ma tè e ma coi ch'u t'à fat!

(Che ti venisse un accidente a te e a chi ti ha fatto!)

 

A ciap t'un batèch e at faz e' cheul ròs!

(Prendo un bastone e ti faccio il culo rosso!)

 

Mo va a rofia!

(Ma vai a Ruffio!)

 

Valà, valà che stasòira a fem i cheunt, stavolta t'an t la sgavagn!

(Valà, valà, che stasera facciamo i conti, stavolta non te la risparmi!)

 

T s-ciupes brot delinquent!

(Scoppiassi brutto delinquente!)

 

S't'an fé e' bon at mand 't i free zarcanteun!

(Se non fai buono ti mando nei frati questuanti!)

 

Quand ch'e t vin 'd ciòura a t'amaz brot sgudebal!

(Quando vieni di sopra ti uccido brutto disobbediente!)

 

A ciap 't la zengia e at faz al gambi niri!

(Prendo la cintura e ti faccio le gambe nere!)

 

At dagh una liseda ch'at s-cent e' cudròun!

(Ti do una lisciata che ti rompo la schiena!)

 

Finestla sa cla gnòla ch'a ciap t la garnaèda!

(Finiscila con quella cantilena che prendo la scopa!)

 

T ci bèla in caèv, an n'ò moiga voja 'd dvantaè mat par tè!

(Sei oramai alla fine, non ho mica voglia di impazzire per te!)

 

T ci propi cmè e' tu babaz!

(Sei proprio come il tuo babbaccio!)

 

T'é ciapaè tot da la tu mamaza!

(Hai preso tutto dalla tua mammaccia!)

 

Mè a degh che un pataca acsè in l'à niseun!

(Io dico che un imbecille così non ce l'ha nessuno!)

 

E pu i doi di fiul, l'era mèi s'a feva un cunei!

(E poi dicono dei figli, era meglio se facevo un coniglio!)

 

S't'an ne voja 'd fè gnent, a t mand int i carabinir!

(Se non ha voglia di far niente, ti mando nei carabinieri!)

 

Cieud cla bòca brota sbera, che sinò at tai la lengua!

(Chiudi quella bocca brutta impertinente, che altrimenti ti taglio la lingua!)

 

At dagh un s-ciafòun ch'a t'arvolt la faza d'un aènt caèn!

(Ti do un ceffone che ti rivolto la faccia da un'altra parte!)

 

Tè t'é da zcòr quant ch'e pessa la galòina!

(Tu devi parlare quando piscia la gallina!)

 

Pienz, pienz, che t fe j ucin bel!

(Piangi, piangi che fai gli occhietti belli!)

 

S' ta t fé maèl, dòp ta li ciap ènca!

(Se ti fai male dopo le prendi pure!)

 

I mi suld par mandaèt a scola!

(I miei soldi per mandarti a scuola!)

Pin It