• Ultimo Aggiornamento: Mercoledì 02 Dicembre 2020 - 21:51:08
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

2.78°C

Nuvoloso
Umidità: 91%
Vento: WNW a 10.56 K/H
Venerdì
Molto nuvoloso
0.56°C / 11.67°C
Sabato
Molto nuvoloso
10.56°C / 13.89°C
Domenica
Pioggia
7.22°C / 11.11°C

Favole

  U j era una volta par carnavaèl una ragaza, fiola 'd cuntadòin, ch'la vlòiva andaè me' bal ch'i feva poch dalongh, mo i su in vlòiva ch'la scapes da caèsa da par lì 'd sòira e acsè in la laset andaè.

 Mo la ragaza l'an vlòiva santoi storji e puntend i pì da la tegna la giòiva:

  “Mè stasòira agl'j òt in peunta a vagh a balaè, ènca sa j aves d'andaè se' dieval!”

 E' ba però u la faset andaè 't la su cambra e u la ciudet a cieva.

 Par tot e' temp ch'l'arvanzet int la cambra, la puròina l'an faset che pienz, mo agl'j òt in peunta, e un sa cmè ch'e sipa zusèst, u si prasantet dninz un zuvnòt acsè bèl, mo acsè bèl cmè ch'un s'n'era mai vest a lè datònda.

 S'un gran bèl modi ui get ma la ragaza:

  “T vin sa mè ch'andem a balaè?”.

  “Mo mè an sò pròunta, a n'ò al scaèrpi, e' stoi, a sò mesa tota pursì!”.

  “Par quèst n'u fat avnoi la boilia, a j a pens mè m'inquèl !”.

  “Sè, mo cma femi? Sa ch'è ch'a j andem? E pu la porta la j è ceusa s'la cieva e 't la

   cusòina u j è e' mi ba ch'un vo!”.

  “Tè n'u sta a pansaè ma gnent, mòunta si mi pì e lasa faè mu mè!”.

 La ragaza l'an gn'a la faset a doi 'd na, la j avòiva tròpa voja d'andaè a balaè, la mitet i su pì sòura quei de' zòvan e par magì i s'alzet tut deu, i vulet fura da la finèstra e is truvet 't un cambaròun in duò ch'u j era trì stoi: eun bèl, bèl; eun nurmaèl e eun propi brot.

  “Capa e' piò bèl!”. Ui get e' zuvnòt.

  “Na, mè a sò fiola 'd cuntadòin, um basta che brot!”. L'arspundet la ragaza.

 J antret pu int un'aènta cambra in duò ch'u j era trè paèra 'd scaèrpi: un paèra bèli, bèli; un paèra nurmaèli e un paèra propi broti.

  “ Tu al piò bèli!”. E get e' zuvnòt.

  “Na, mè a sò fiola 'd cuntadòin, um basta ch'al broti!”.

 Pu dòp j antret int un'aènta cambra in duò ch'u j era trì giuiel: eun bèl, bèl; eun nurmaèl e eun propri brot.

  “Metti me' còl e' piò bèl!”. E get e' ragaz.

  “Na, mè a sò fiola 'd cuntadòin, um basta che brot!”.

 E pu j andet me' bal e e' zòvan l'era un balaròin acsè braèv, mo acsè braèv che ma la ragaza u n'i paròiva a gnenca 'd tucaè e' sulaèr, l'era cmè vulaè int l'aria, tot ch'agl'j elti ragazi al la guardaèva pini d'invoidia e lì la n'era mai staèda acsè cuntenta.

  A mezanòta in peunta però e' zuvnòt ui get ch'l'avòiva d'andaè vì, e prighet la ragaza 'd muntaè sò si su pì e da sèch e ciapet darnov e' vòul.

  Dòp un po' ch'i vulaèva, la ragaza la s' truvet davaènti me' paradois e la s'n'in faset dla belèza e dla paèsa ch'u j era a lè, pu la fot purtaèda davaènti me' purgatori e a la fòin davaènti ma l'inferan, duò ch'la cnuset e' maèl e la disperaziòun ad amni 't e' mèz dal fiambi.

 In caèv a tot inquèl, e' zuvnòt u l'arpurtet a caèsa, mo pròima 'd ciapaè vì ui get:

  “Mè a sò e' dieval, tè ta t ci salvaèda da l'inferan parchè t'é capaè e' stoi, al scaèrpi e e' giuièl piò brot, s' t capivi al ròbi piò bèli t sareb ruzleda zò int al fiambi, t'é fat avdòi che t ci una braèva ragaza, però dà sempra rèta mi tu geniteur e n'u doi piò quèl che t'é det pròima.”.

 E gend acsè e sparet int e' scheur dla nòta.

                                                Il diavolo e la ragazza

 

 C'era una volta per carnevale una ragazza, figlia di contadini, che voleva andare al ballo che si faceva poco lontano, ma i suoi non volevano che uscisse da sola di notte e le proibirono di recarsi.

  Ma la ragazza non voleva sentire storie e puntando i piedi dalla rabbia gridava:

 “Io stasera alle otto in punta vado a ballare, anche se dovessi andarci col diavolo!”

  Il babbo però la fece andare in camera sua e chiuse la porta a chiave.

 Per tutto il tempo che trascorse nella camera, la poverina non fece che piangere, ma alle otto in punto, e non si sa come sia successo, le si presentò innanzi un giovanotto così bello, ma così bello come non se n'erano mai visti in quei paraggi. Con estrema gentilezza chiese alla ragazza:

  “Vieni al ballo con me?”.

  “Ma io non sono pronta, non ho il vestito, le scarpe e sono acconciata alla

    meglio!”.

  “Per questo non ti preoccupare, ad ogni cosa penso io!”.

  “Sì, ma come facciamo, come ci andiamo? E poi la porta è chiusa a chiave e in

    cucina c'è mio babbo che non me lo consente!”.

  “Tu non stare a preoccuparti di niente, sali sui miei piedi e lascia fare a me!”.

  La ragazza non riuscì a dire di no, era troppo il desiderio di andare al ballo, mise i suoi piedi su quelli del giovane e per magia si alzarono tutti e due, volarono fuori dalla finestra e si trovarono in un camerone dove c'erano tre vestiti: uno bellissimo, uno normale e uno brutto.

  “Scegli il più bello!”. Le disse il giovanotto.

  “No, io sono figlia di contadini, mi basta quello brutto!”. Rispose la ragazza.

 Entrarono poi in un'altra camera dove c'erano tre paia di scarpe: un paio bellissime, uno normali e un altro brutte.

  “Prendi le più belle!”. Disse il giovane.

  “No, io sono figlia di contadini, mi bastano quelle brutte!”.

  Entrarono poi in un'altra camera dove c'erano tre gioielli: uno bellissimo, uno normale e uno brutto.

  “Mettiti al collo il più bello!”. Disse il ragazzo.

  “No, io sono figlia di contadini, mi basta quello brutto!”.

 E finalmente andarono al ballo e il ragazzo si rivelò un ballerino così bravo, ma così bravo che alla ragazza non sembrava neanche di toccare il pavimento, era come volare nell'aria. Tutte le altre ragazze la guardavano piene d'invidia e lei non era mai stata così felice.

  A mezzanotte in punto però il giovanotto le disse che doveva andare via, pregò la ragazza di salire sui suoi piedi e subito prese nuovamente il volo.

 Non durò molto che la ragazza si trovò davanti alla porta del paradiso e ne ammirò la bellezza e la pace, fu poi portata davanti al purgatorio e infine davanti all'inferno dove conobbe il dolore e la disperazione di anime in mezzo al fuoco.

 Alla fine di tutto il giovanotto la riportò a casa, ma prima di sparire le disse:

  “Io sono il diavolo, tu ti sei salvata perché hai scelto il vestito, le scarpe e il gioiello più brutti, se tu avessi scelto le cose più belle saresti stata precipitata nell'inferno, ti sei dunque dimostrata una brava ragazza, però obbedisci sempre ai genitori e non dire mai più quello che hai detto prima!”.

   E così dicendo sparì nella notte buia.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);