• Ultimo Aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre 2020 - 18:12:26
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

15.56°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 85%
Vento: ESE a 3.11 K/H
Sabato
Parzialmente nuvoloso
7.78°C / 16.11°C
Domenica
Parzialmente nuvoloso
8.33°C / 16.11°C
Lunedì
Molto nuvoloso
8.89°C / 17.22°C

La veglia

  Quant che Maracnin us na det 'dla mòi Gentamie s'la porta sla scòina dri da leu, us mitet al maèni 't i cavel, pu e tachet a biastmé e mandaè di culp ma cla volta ch'u s'era lasé cunvòinz a purtaèsla dri ma cla sgumbieda.

  Mo quant che fot nòta e un s'andaèva piò avaènti pr'e' scheur, par la strachèza e pr'e' sòn, la porta la vnet bona, cio, durmoi stuglé matèra u j era e' peroicval ch'ut magnes j animeli de' bosch, alòura i panset ben d' infilela d'in aèlt, tra al raèmi d'una gròsa ròura e a lè i s'acucet par arpunsaès e durmoi un po'.

  Caès e vlet che cla sòira una banda 'd trì ledar j avnes sòta cla pienta a faè al paèrti 'd quèl ch'j avòiva rubé 't i palaz di sgneur. S'e' su ciacaradez i sviget i deu che, par na faès scverz, a gnenca arfiadaèva e Maracnin e tnòiva e' doid sempra si zapal par faèi capoi ma la mòi che s'ui scapaèva ènca 'na parola snò, i putòiva finoi 't una casa da mort.

   Intaènt a lè sòta e' cap l'avòiva tacaè a faè al paèrti:

  “Eun tè, eun tè e du mè... eun tè, eun tè e du mè...!”.

 Mo a gnenca ch'un gn'a l'aves det, tot da sèch la dòna la sufiet s'un foil 'd vòusa me' maroid:

  “Maracnin, um scapa da pisé!”.

  “A m'aracmand, tinla strèta, tinla strèta che sinò a sem arviné!”.

  “Maracnin, an gn'a la faz...!”.

  “Tinla strèta, tinla strèta...!”.

 “Maracnin, an gn'a la faz, ai dagh la mòla...!”.

  “Fan alòura una gòzla a la volta a m'aracmand, sinò a sem murt tut deu!”.

Gòzla dòp a gòzla la la faset e tota la andet a cascaè sòura la tèsta 'd eun di ledar che mitendsi 'na maèna tra i cavel e get:

  “Òs-cia, e taca a piov, un sarà mèi ch'a s'andema a masé?”.

  “Mo sa doit?” e tunet e' cap, “T ci mat, t'an void 'd leuna ch'u j è?”.

  “U t'avrà pisè madòs un gazòt, a què ui n'è di gros, andema avaènti, andema

    avaènti, an vègh agl'j òuri 'd dvantaè un sgnòur...!”.

 E det sò chlaèlt laèdar.

 Acsè e' cap l'arciapet darnov la còunta:

  “Eun tè, eun tè e du mè... eun tè, eun tè e du mè...!”.

 Dòp un po' darnov Gentamite la s'ziret vers e' maroid e sempra s'un foil 'd vòusa:

  “Maracnin, Maracnin, um scapa da caghé!”.

  “Strenz e' cheul, strenz e' cheul, che s'i s'na dà i 'd nòun, i s'amaza!”.

  “Maracnin, an gn'a la faz...!”.

  “Tinla strèta, tinla strèta...!”.

  “Maracnin, l'am scapa fort, fort, ai dagh la mòla...!”.

  “Fan alòura un cagarèl a la volta!”.

  Acsè la faset e ènca stavolta la andet a cascaè s'la tèsta de'  ledar 'd pròima, ch'us mitet darnov al maèni tra i cavel e u li tiret fura toti sporchi e s'una gran poza.

  “Òs-cia burdel, i m'à caghé s'la tèsta!”. Us lamantet.

 Mo pròunt e' cap:

 “Mo sa doit, chi vut ch'e vaga a caghè sòura una pienta? E sarà staè chi gazot 'd

   ginz!”

 “Zidenti cmè ch'i chega stasòira i gazot, andema, andema avaènti che la merda frèsca 

   la porta i suld!”.

 E det sò cl'aèlt laèdar.

 E ancòura e' cap: “Eun tè, eun tè e du mè...eun tè, eun tè e du mè...!”.

 E tiret un fié longh, longh Maracnin, mo sobit dòp s'la vòusa struzaèda e sa di gran segn  sal maèni, Gentamite  la i fa me' maroid:

  “Maracnin, um sguela la porta...!”.

  “Tinla strèta o stavolta a sem murt!”.

  “Maracnin, an gn'a la faz, l'am chesca...!”.

  “Tinla strèta, tinla strèta...!”.

  “Maracnin, ai dagh la mòòòlaaa...!”.

  I sa ruzlet zò da la ròura sa di rugiaz da faè paveura e i finet in pin sòura al scòini di ledar che cunvoint 'd vòi a che faè sa di sperit catoiv, i s'la cujet spavantaè e i laset e' su tesor sòta cla ròura, i ciapet 'na cheursa a perdifié par andaè piò dalongh ch'i putòiva e in s'faset avdòi mai piò a la vajeun.

 Gentamite e Maracnin i tulet sò tot che ben di dì che acsè a gnenca j avòiva mai pansaè ch'ui putes ès e da che dè i dvantet di sgnureun  da putòi campaè senza pansir 't un bèl palaz pin 'd garzeun sempra preunt a faè quèl che lòu i cmandaèva e tot la zenta 'd chi paraz in feva che doi:

  “Amo, avòi na mòi s'una tèsta acsè svegia, us farà di mel Maracnin a faè e' sgnòur,

    leu sé ch'u j à incèch a spusaè ona cmè lì!”.

                                                 

GENTAMITE  E  MARACNIN – (2^ parte)

  Quando Maracnin si rese conto della moglie Gentamite con la porta sulle spalle dietro di lui, si mise le mani nei capelli, poi iniziò a bestemmiare e mandare dei colpi a quella volta che si era lasciato convincere a portarsela dietro quella sciagurata.

  Ma quando fu notte e non si procedeva per il buio, la stanchezza e il sonno, la porta venne utile, ohi, dormire per terra si correva il rischio di essere divorati dalle fiere del bosco, allora pensarono bene di sistemarla in alto, tra i rami di una gigantesca quercia e lì si accucciarono per dormire e riposarsi un po'. 

 Caso volle che quella sera una banda di tre ladri venisse sotto quell'albero a dividersi le refurtiva di ciò che avevano rubato nei palazzi dei signori. Col loro chiacchiericcio destarono i due che per non farsi scoprire neanche respiravano e Maracnin teneva il dito indice sulle labbra per far capire alla moglie che se le usciva anche una sola parola, potevano finire in una cassa da morto.

 Intanto lì sotto il capobanda aveva iniziato a fare le parti:

  “Uno a te, uno a te e due a me...uno a te, uno a te e due a me...!”

 Ma, come se niente avesse detto, improvvisamente la donna soffiò con un filo di voce al marito:

  “Maracnin, mi scappa la pipì!”.

  “Mi raccomando, tienila stretta, tienila stretta che sennò siamo rovinati!”.

  “Maracnin, non ce la faccio...!”.

  “Tienila stretta, tienila stretta...!”.

  “Maracnin, non ce la faccio, la lascio andare...!”.

  “Fanne allora una goccia alla volta mi raccomando, sennò siamo morti

    entrambi!”.

 Goccia dopo goccia la fece tutta e andò a cadere sulla testa di uno dei ladri che mettendosi una mano tra i capelli disse:

  “Orca, inizia a piovere, non sarà meglio andarci a nascondere?”.

  “Ma cosa dici?” tuonò il capo, “Sei matto, non vedi che luna che c'è?

  “Ti avrà pisciato addosso un uccello, qui ce ne sono di grossi, andiamo avanti,

    andiamo avanti, non vedo l'ora di diventare ricco...!”. Insistette l'altro ladro. 

 Allora il capo riprese la conta:

  “Uno a te, uno a te e due a me...uno a te, uno a te e due a me...!”.

Poco dopo ancora Gentamite si girò verso il marito e sempre con un filo di voce:

   “Maracnin, Maracnin, mi scappa la cacca!”.

   “Stringi il sedere, stringi il sedere, che se si accorgono di noi, ci uccidono!”.

   “Maracnin, non ce la faccio...!”.

   “Tienila stretta, tienila stretta...!”.

   “Maracnin, mi scappa forte, forte, la lascio andare...!”.

   “Fanne allora un cacarello alla volta!”.

  Così fece e anche stavolta andò a finire sulla testa del ladro di prima, che nuovamente si mise le mani tra i capelli e li tirò fuori tutti sporchi e puzzolenti.

   “Orca ragazzi, mi hanno cagato sulla testa!”.

 Ma pronto il capo:

   “Ma cosa dici, chi vuoi che vada a cagare sopra una pianta? Saranno stati quegli

     uccelli di prima !”.

  “Accidenti come cagano stasera gli uccelli, andiamo avanti che la merda fresca

    porta i soldi!”. Saltò su l'altro ladro.

 E di nuovo il capo:”Uno a te, uno a te e due a me...uno a te, uno a te e due a me...!”.

 Emise un sospiro lungo, lungo Maracnin, ma subito dopo con la voce strozzata e con ampi gesti delle mani, Gentamite disse al marito:

  “Maracnin, mi scivola la porta...!”.

  “Tienila stretta o stavolta siamo morti!”.

  “Maracnin, non ce la faccio, mi cade...!”.

  “Tienila stretta, tienila stretta...!”.

  “Maracnin, la lascio andaaareee...!”.

 Si ruzzolarono già dalla quercia con delle grida spaventose e terminarono la corsa sulle schiene dei ladri che, convinti di avere a che fare con dei fantasmi cattivi, se la squagliarono terrorizzati e abbandonarono il loro tesoro sotto l'albero, presero una corsa a perdifiato per andare più lontano che si poteva e non si fecero mai più vedere in quelle parti.

 Gentamite e Maracnin raccolsero tutto quel ben di dio che così tanto neanche avevano mai pensato che potesse esistere e da quel giorno divennero dei gran signori da poter campare senza pensieri in un bel palazzo colmo di servitori sempre pronti a far tutto ciò che loro comandavano e la gente di quei luoghi non faceva che dire:

  “Capirai, avere una moglie con una testa così intelligente, che difficoltà può avere

    Maracnin a fare il signore? Lui sì che ci ha indovinato a sposare una come lei!”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);