• Ultimo Aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre 2020 - 18:12:26
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

15.56°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 85%
Vento: ESE a 3.11 K/H
Sabato
Parzialmente nuvoloso
7.78°C / 16.11°C
Domenica
Parzialmente nuvoloso
8.33°C / 16.11°C
Lunedì
Molto nuvoloso
8.89°C / 17.22°C

La veglia(Se c'è qualcuno tra i lettori che ha memoria di questa favola, sicuramente conoscerà il protagonista con un nome diverso, una volta era consuetudine del narratore modificare il nome a seconda degli ascoltatori che aveva di fronte o magari perché lo aveva dimenticato quando l'aveva appresa. L'inizio ha uno svolgimento suo proprio per poi fondersi con la favola di Gentamite e Maracnin pubblicata precedentemente, dal momento cioè in cui la madre del ragazzino, stanca della sua stupidità, decide di andarsene da sola attraverso il bosco, poi però cede alle suppliche del figlio che la supplica di portarlo con lei, anche questi invece di chiudere la porta di casa, la toglie dai cardini e se la carica sulla schiena, anche loro dormiranno sulla porta sistemata sopra una quercia sotto la quale verranno i ladri a dividersi il bottino e tutto proseguirà come nella favola precedente.)

Int una pora caèsa drì d'un bosch, ui steva una ma vèdva s'un fiol che, tot quei ch'il cnusòiva, i giòiva ch'l'era un pori siòch, mo na un siòch par modi 'd doi, mo propi parchè e feva dal ròbi cmè se e' zarvèl ui l'aves magné i sorgh.

Una matòina in caèv a setembar, la ma l' al ciamet pr'una ròba seria:

“Franzchin, st'an avem spighé propri ben, du sach pin 'd graèn avem rimidié, sa

   quèst a n'avem sa par tot l'inveran e la primavira, bsògna però che tè t'vaga 't e'

   mulòin ad d'là de' fieun e t'al faza masné, al faria mè, mo i pòisa tròp, tè invezi, che

   che t'é ciap la forza de' tu por ba, loiga chi du sach ad qua e 'd là de' nòst brichin e

   arputmi a caèsa du sach 'd faròina che acsè stasòira a faz 'na bèla pida bienca. A

   m'aracmand Franzchin, nu fa e' quajòun e sta tenti che e' mulnaèr un t fròiga 't e'

   pòis che quèl l'è un furbaciòun!”.

“Ma, e' quajòun mè? Valà che mu mè u m'un fròiga niseun, sé, a j ò la forza, mo

   ènca la tèsta, tè n' avòi paveura 'd gnent che t'avdiré ch'u ni mancarà a gnenca 'na

   garnaèla dla nòsta faròina!”.

Franzchin e lighet i du sach 'd graèn ma la scòina de' brech, pu e ciapet e' santir dri e' fieun e l'arivet me' mulòin duvò ch'u j avòiva det la su ma.

Quant che e' graèn e fot masné, e lighet darnov i du sach 'd faròina me' brichin e senza presia e ciapet la viola pr'avnois a caèsa tot cuntent de' su lavòur.

Int e' travarsaè e' pòunt, e santet cmè 'na spezi 'd ciacaradez, u s'era alzaè e' vent e mi piop ch'i carsòiva s'la spònda de' fieun, ui tarmaèva al foji, leu invezi l'era cunvòint ch'i i vles doi quaicosa.

“Sèl ch'avoi da doi vuilt, uv fa gòula la mi faròina? A n'avoi magné gnent òz vèra?”.

Un'aènta vantaèda piò forta la faset scrulé al zòimi 'd chi piop avaènti e indrì, acsè che ma Franzchin ui paròiva ch'i ges 'd sé.

“Al giòiva mè ch'avivi faèna, a n'avoi gnent da magné, verààà...?”.

E un' aènta fulaèda 'd vent ui faset dundlé al zòimi e ènca stavolta ma leu ui paròiva ch'i ges 'd sé.

“Ò capoi ch'avì faèna, e se mè av dagh imprèst la mi faròina, vuilt admaèn a m'l'à dé

   indrì?”.

Un'aènta vantaèda e i piop i scruleva darnov al tèsti avaènti e indrì cme si ges sempra 'd sé.

“Mè però an sò un quajòun ch'un gn'a pensa mal ròbi, s'av dagh i mi du sach 'd

   faròina òz, admaèn an voi indrì quatar, cio, j aferi l'è aferi, a soi d'acord?”.

E tiret fort e' vent e al tèsti di piop e paròiva propi ch'al ges 'd sé e che st'afaèri e steva ben ma tot.

Int e' vdòi acsè, Franzchin l'arvet i sach e sa tut dò al maèni e tireva fura dai sach dal zemni 'd faròina e u la tireva mi piop.

“Ciapé, ciapé, magné quant ch'a vloi, ui n'è par tot, admatòina a vengh a scod i mi

   quatar sach!”.

E quant ch'l'avet finoi 'd spargujé la faròina tra chi piop, tot cuntent e muntet sòura e brichin ch'u n'avdòiva l'òura 'd purtaè la bèla nova ma la su ma, ch'la l'aspitaèva in pì s'la porta 'd caèsa e int e vdòil disdòi se' brech e senza i sach, u j avnet un mèz s-ciupòun parché e' cor e la tèsta i i giòiva che la quis-ciòun la s'era 'd sicheur ingarbujeda.

“Franzchin”, la get s'un rogg, “mo duvèla la faròina?”.

“Maaa...”, u j arspundet e' fiol s'un surois da sbrancaès la bòca, “t'an n'é un'ideia 'd

   furteuna ch'ò vu òz...!”.

E ui racuntet par foil e par segn tot quèl ch'l'avòiva cumbiné e par eutum ui get la bèla nova: admatòina di sach 'd faròina u n'andeva a to quatar e pu, senza mai smet 'd ciacaraè, ui racuntet tot i fat.

Cla pora ma, ch'la j era staèda a santoi chi zcheurs da zeta parché un gn'avnoiva gnenca la vòusa da la tegna, quant ch'l'arciapet fiè, la i n'un get 'd tot i culeur:

“T ci piò siòch tè de' piò siòch di sumar, t'è la tèsta cmè quèla d'un bagaròz, tè t ci la

   sgraèzia piò gròsa ch'um putes capitaè 't la mi voita pina 'd sgraèzi!”.

Ui n'un vlet de' temp ma cla dòna pròima ch'ui ui pases la tegna e la boilia, mo pu e vnet un dè ch'la i cnet doi quaicosa.

“Stam da santì ben e nu fa l'invurnoi cmè t fé sempra, ò d'andaè a truvaè la mi surèla

   ch'l'an stà taènt ben, a starò vì pr'un po', a sarò a caèsa vers mezdè, intaènt che ta

   m'aspèt, met sò a cus du fasul 't la pgnata che pu a magnem insen.”.

“Va, va ma e nu pensa ma gnent, a j a pens mè ma tot inquèl, tavdiré che stavolta

     l'andrà tot ben!”.

A mezdè pas e s'una bèla faèna, la dòna l'arturnet a caèsa e zà da dalongh la j avdòiva e' camòin ch'e fumeva.

“Oh ben, ch'u j epa incèch stavolta a faè al ròbi cmè ch'al va fati?”.

Rivata a caèsa, la s'mitet disdòi ma la taèvla davaènti e' su piat svuit e la j aspitet che e' fiol l'arives s'la pgnata e u j e impines.

Franzchin l'arvet sa 't al maèni la pgnata, u l'apuzet s'la taèvla, e tulet vì la cvercia, pu s'la mèscla l'impinet e' piat dla su ma, mo l'era tot'aqua e feun s'un po' 'd culòur 'd cunserva 'd pumidori.

“Franzchin”, la get seria la ma e s'una brota zurma, “duv'èi i fasul?”.

“Amo ma, tè ta me det da metni sò deu e mè ò fat propi acsè, mo pu eun a l'ò magné

   par santoi s'l'era salaè, claèlt a l'ò magné par santoi s'l'era còt e acsè j è finoi!”.

A ste peunt la ma, persa ògni speraènza pr'un fiol acsè siòch, la decioid 'd ciapaè vì da par lì, Franzchin e taca a pienz e a racmandaès ch'l'al tules dri ènca ma leu, lì la s'inteneres e la i doi che se vo 'ndaè sa lì e maènch ch'us tires drì la porta.

Franzchin u la caèva da i gangar, u s'la met s'la scòina e i s'aveja int e' bosch.

Da què e fena a la fòin, la fola la j è pracioisa ma quèla 'd Gentamite e Maracnin e acsè un gn'è bsògn ch'a la racuntema un'aènta volta, basta andaès a lez quèla 'd pròima e u s'avdirà che ènca quèsta la fines ch'i dventa di gran sgnureun e par la zenta 'd chi paraz, Franzchin l'era eun ch'u la savòiva longa e che e feva e' siòch snò par frigaè tot chilt e la j era furtunaèda cla ma ad avòi un fiol acsè braèv.

FRANCESCHINO, UN POVERO SCIOCCO

In una povera casa vicino ad un bosco, vi abitava una vedova con un figlio che tutti coloro che lo conoscevano, lo ritenevano un povero sciocco, ma non uno sciocco per modo di dire, ma in quanto faceva cose come se il cervello glielo avessero mangiato i topi.

Una mattina di fine settembre, la madre lo chiamò per un affare serio:

“Franceschino, quest'anno abbiamo spigolato proprio bene, due sacchi colmi di

   grano abbiamo rimediato, con questo ne avremo a sufficienza per tutto l'inverno e

   la primavera, bisogna però che tu vada al mulino al di là del fiume e lo faccia

   macinare, lo farei io, ma pesano troppo, tu invece, che hai ereditato la forza del tuo

   povero babbo, lega quei due sacchi ai fianchi del nostro asino e riportami a casa

   due sacchi di farina che così stasera farò una bella piada bianca. Mi raccomando

   Franceschino, non fare lo stupido e sta attento che il mugnaio non ti inganni sul

   peso che quello è un furbacchione!”.

“Ma', stupido io? Valà che nessuno mi ingannerà, sì, ho la forza, ma anche la testa,

   tu non avere timore di nulla che vedrai che non mancherà neanche una briciola

   della nostra farina!”.

Franceschino legò i due sacchi di grano alla schiena dell'asino, poi si avviò per il sentiero accanto al fiume e giunse al mulino dove gli aveva indicato sua madre.

Quando il grano fu macinato, legò nuovamente i due sacchi di farina al somarello e senza fretta si incamminò sul viottolo per ritornare a casa tutto soddisfatto del suo lavoro.

Nell'attraversare il ponte, udì come una specie di chiacchiericcio, si era levato il vento e ai pioppi che crescevano lungo la sponda del fiume, tremavano le foglie, lui però era convinto che invece volessero dirgli qualcosa.

“Cos'è che avete da dire voi, vi fa gola la mia farina? Non avete mangiato oggi

   vero?”.

Un'altra ventata più forte fece dondolare le cime di quei pioppi avanti e indietro, così che a Franceschino sembrava avessero detto di sì.

“Lo sapevo io che avevate fame, non avete niente da mangiare, verooo...?”.

E un altra folata di vento fece loro dondolare le cime e anche stavolta a lui sembrava dicessero di sì.

“Ho capito che avete fame, e se io vi presto la mia farina, voialtri domani me la

   ridate indietro?”.

Un'altra ventata e i pioppi agitarono nuovamente le cime avanti e indietro come se dicessero sempre di sì.

“Io però non sono uno stupido che non pensa alle cose, se vi do i miei due sacchi di

   farina oggi, domani ne voglio indietro quattro, ohi, gli affari sono affari, siete

   d'accordo?”.

Soffiò forte il vento e le teste dei pioppi sembrava proprio dicessero di sì e che questo affare stava bene a tutti.

A questa vista, Franceschino aprì i sacchi e con entrambe le mani estrasse dai sacchi delle manciate di farina e la gettò ai pioppi.

“Prendete, prendete, mangiate quanto volete, ce n'è per tutti, domattina vengo a

   riscuotere i miei quattro sacchi, èh!”.

Quando ebbe terminato di spargere la farina tra quei pioppi, felice e contento salì in groppa all'asino perché non vedeva l'ora di riferire la bella notizia a sua mamma, che lo attendeva in piedi sulla porta di casa e nel vederlo seduto sull'asino e senza i sacchi, le prese un mezzo colpo perché il cuore e la testa le dicevano che la questione si era certamente ingarbugliata.

“Franceschino”, urlò, “ma dov'è la farina?”.

“Maaa...”, le rispose il figlio con un sorriso a bocca aperta, “non hai un'idea della

   fortuna che ho avuto oggi...!”.

E le raccontò per filo e per segno tutto quello che aveva combinato e alla fine le disse la bella novità: domattina di sacchi di farina ne andava a prendere quattro e poi, senza mai cessare di blaterare, le raccontò tutti i fatti.

Quella povera madre, che era stata ad ascoltare quei ragionamenti in silenzio perché non le veniva neanche la voce dalla rabbia, quando riprese respiro, gliene disse di tutti i colori:

“Sei più sciocco tu del più sciocco dei somari, hai la testa come quella di uno

   scarafaggio, tu sei la disgrazia più grossa che mi potesse capitare nella mia

   vita piena di disgrazie!”.

Ce ne volle del tempo a quella donna prima che le passasse la rabbia e l'angoscia, poi però venne un giorno che fu costretta a rivolgergli la parola.

“Stammi bene ad ascoltare e non fare l'insensato come fai sempre, devo andare a

   trovare mia sorella che non sta tanto bene, starò via per un po', sarò a casa verso

   mezzogiorno, intanto che tu mi aspetti, metti a cuocere due fagioli nella pentola

   che poi pranziamo insieme.”.

“Vai, vai mamma e non pensare a niente, ci penso io ad ogni cosa, vedrai che

   questa volta andrà tutto bene!”.

A mezzogiorno suonato e con una bella fame, la donna ritornò al casolare e già da lontano intravedeva il camino che fumava.

“Oh bene, che ci abbia preso questa volta a fare le cose come vanno fatte?”.

Giunta a casa, si mise seduta a tavola innanzi al suo piatto vuoto ed attese che il figlio giungesse con la pentola e glielo riempisse.

Franceschino arrivò con in mano la pentola, l'appoggiò sulla tavola, tolse il coperchio, poi col mestolo riempì il piatto di sua madre, ma era tutta acqua fumante con un po' di colore di conserva di pomodoro.

“Franceschino”, disse seria la madre e con un brutto cipiglio, “dove sono i

   fagioli?”.

“Ebbene mamma, tu mi hai detto di metterne su due ed io ho fatto proprio così, ma

   poi uno l'ho mangiato per capire se era salato, l'altro l'ho mangiato per sentire se

   era cotto e così sono terminati!”.

A questo punto la madre, svanita ogni speranza per un figlio così sciocco, decide di andarsene da sola, Franceschino incomincia a piangere e a raccomandarsi che prendesse con sé anche lui, lei si intenerisce e gli dice che se vuole seguirla, almeno si tirasse dietro la porta.

Di qui e sino alla fine, la favola è uguale a quella di Gentamite e Maracnin e così non c'è bisogno di raccontarla un'altra volta, basta andarsi a leggere quella precedente e si noterà che anche questa termina che diventano ricchissimi e nell'opinione della gente di quelle contrade, Franceschino era uno che la sapeva lunga, faceva lo sciocco solo per ingannare tutti gli altri ed era fortunata quella mamma ad avere un figlio così in gamba.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);