• Ultimo Aggiornamento: Mercoledì 02 Dicembre 2020 - 21:51:08
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

2.78°C

Nuvoloso
Umidità: 91%
Vento: WNW a 10.56 K/H
Venerdì
Molto nuvoloso
0.56°C / 11.67°C
Sabato
Molto nuvoloso
10.56°C / 13.89°C
Domenica
Pioggia
7.22°C / 11.11°C

Veglia

 Un dè Pagnacarel l'incuntret par caès un su vècc amoigh che d'imstir e feva e' laèdar e quèst ui faset una brèta longa infena ch'ul cunvinzet a 'd andaè sa leu a rubé una pigra ch'u j era eun ch'ui la cumpraèva.

  Ad nòta j andet ma la caèsa d'un cuntadòin ch'i savòiva che int la staleina e tnòiva al su pigri e, vest che Pagnacarel l'era acsè znin, is mitet d'acord che leu e saria andaè a to la pigra e clèlt e saria arvaènz 'd fura a badaè che se u s'na deva e' padròun u l'aviseva.

 Pagnacarel zet, zet l'antret da un beus dla ròida e quant ch'e fot 't la stala u s'na det ch'al pigri agl'j era snò dò, ona bienca e clèlta nira.

 Int e' vdòi acsè l'arvanzet a bòca verta a grataès la tèsta,  un savòiva  ch'sèl faè e acsè u s'mitet a rugé a tota vòusa:

  “Gistoooo... ò da to cla bienca o cla nira?”.

 E' su amoigh da 'd fura ui giòiva s'un foil 'd vòusa:

  “Ssssss...sta zet che s'u t sint e' padròun a sem fret!”.

 Cio, e' padron u s'viget da bon, e santet al vòusi e s'la candòila zòisa e s-ciandet 't la stala, mo Pagnacarel ch'u s'era masé 't un beus d'un ragn, quant ch'ui paset da prèsa, s'un sofi ui smurtet la candòila, e' padròun, ch'e a lè datònda int che scheur u n'avdòiva niseun e pansend ch'e fos staè e' vent e vest che la scatla di furminint un la j avòiva tolta so, l'arturnet a durmoi cunvòint che fos tot a pòst.

  Dòp un po' ancòura la vòusa 'd Pagnacarel:

  “Gistoooo... ò da to cla bienca o cla nira?”.

  “Sssssss...sta zet che s'u t sint e' padròun u s'amaza!”.

 Énca stavolta e' padròun u s'viget, u s'alzet da e' lèt e s'la candòila zòisa e s-ciandet 't la stala, mo Pagnacarel, ch'u s'era masé int l'urècia d'una pigra, quant ch'ui fot a lè drì, cmè ch'l'avòiva fat ginz, ui la s'murtet darnov e e' padròun sempra cunvòint ch'e fos staè e' vent, u s'n'un turnet a durmoi .

 Mo sobit dòp:  “Gistoooo... ò da  to cla bienca o cla nira?”.

  “Sssssss... sta zet o a sem arviné!”.

  “Gistoooo... ò da to cla bienca o cla nira?”.

  “Ssssss... sta zet, sta zet ch'e ven zò, l'à zòis la candòila, e ven, e ven...!”.

  “Gistoooo... ò da to cla bienca o cla nira?”.

  “Tuli toti!”.

 

A RUBARE LE PECORE (Versione 2)

 Un giorno Pagnacarel incontrò per caso un suo vecchio amico che di mestiere faceva il ladro e questi gli fece una solfa lunga finché che lo convinse ad andare con lui a rubare una pecora perché c'era uno che gliela comprava.

 Andarono di notte alla casa di un contadino di cui sapevano che nell'ovile rifugiava le sue pecore e, visto che Pagnacarel era così piccino, si misero d'accordo che lui sarebbe andato a prelevare l'animale e l'altro sarebbe rimasto di fuori a fare la guardia e, se il padrone se ne fosse accorto, lo avrebbe avvertito.

 Pagnacarel zitto, zitto, entrò da un buco della rete e quando fu nella stalla si avvide che le pecore erano due, una bianca e l'altra nera.

 Di fronte a questa situazione inattesa rimase a bocca aperta a grattarsi la testa, non sapeva cosa decidere e così si mise a gridare a tutta voce:

  “Egistoooo...devo prendere quella bianca o quella nera?”.

 Il suo amico da fuori gli sussurrava con un filo di voce:

  “Ssssss...sta zitto che se ti sente il padrone siamo fritti!”.

 Ohi, il padrone si svegliò sul serio, udì le voci, si alzò dal letto e con la candela accesa scese nella stalla, ma Pagnacarel, che si era nascosto nella tana di un ragno, quando gli passò vicino, con un soffio gli spense la candela, il padrone che in quei pressi al buio non vedeva alcuno e visto che la scatola dei fiammiferi non l'aveva con sé, convinto fosse stato il vento, ritornò a dormire.

 Poco dopo ancora la voce di Pagnacarel:

 “Egistoooo...devo prendere quella bianca o quella nera?”.

 “Ssssss...stai zitto che se ti sente il padrone ci ammazza!”.

 Anche stavolta il padrone si svegliò, si alzò dal letto e con la candela accesa scese nella stalla, ma Pagnacarel, che si era nascosto nell'orecchio di una pecora, quando gli fu vicino, come aveva fatto precedentemente, gliela spense di nuovo e il padrone, sempre convinto che fosse stato il vento, se ne tornò a dormire.

 E subito dopo:

  “Egistoooo...devo prendere quella bianca o quella nera?”.

  “Ssssss...sta zitto o siamo rovinati!”.

  “Egistoooo...devo prendere quella bianca o quella nera?”.

  “Ssssss...taci, taci, che viene giù, ha acceso la candela, arriva, arriva...!”.

  “Egistoooo...devo prendere quella bianca o quella nera?”  

  “Prendile tutte!”

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);