• Ultimo Aggiornamento: Mercoledì 02 Dicembre 2020 - 21:51:08
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

0.56°C

Nuvoloso
Umidità: 87%
Vento: SSE a 6.21 K/H
Sabato
Pioggia
10.56°C / 13.33°C
Domenica
Acquazzoni
5.56°C / 12.22°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
3.33°C / 8.89°C

La veglia(Una raza 'd paèn dòulz ch'us feva s'la faròina bienca, pulenta, ovi e pòsta che fos ancòura piò dòulz u si feva la zòunta sl'uvèta e pu us cusòiva s'la tègia o sòura dal predi caèldi de' camòin zòis).

  Una volta e' padròun 'd Pagnacarel u s'era fat e' micòt e u se vlòiva magné da par leu  e in saènta paèsa, acsè ul maset sòta la zendra de' camòin intaènt ch'l'aspitaèva che tot is n'in fos andaè a lèt.

 Mo Pagnacarel, ch'us n'era infat d'inquèl, e decidet 'd faè un brot scherz me' padròun, e ciapet un curtèl, us mitet disdòi dninz e' camòin e e raviet a doi:

  “Ma caèsa mi a simi dògg fradel e quant ch'u j era quaicosa da magné 'd bon, e' mi

    ba e ciapaèva t'un curtèl e e feva al paèrti int ste modi che què: a l'avdoi che mocc

    'd zendra 't e' cantòun de' camòin? Pròima ul tajeva acsè, pu acsè, pu ancòura acsè

    e sempra acsè fene ch'ui n'era!”.

 Intaènt ch'e zcuròiva se' curtèl e tajeva e' mucèt duvò che sòta u j era e' micòt e ui det e ui det fena ch'u l'arduset int un mocc 'd pzulin acsè znin ch'j era preciois ma la zendra e intaènt e guardaèva ma la faza scheura de' padròun e 't la su tèsta e pansaèva:

  “A n'e magn mè, mo ta n'e magn gnenca tè!”.                             

La pagnotta dolce

(Specie di pane dolce ottenuto con farina bianca, polenta, uova e addolcito con miele e un'aggiunta di uvetta, poi si cuoceva sulla teglia o sulle pietre calde del camino acceso).

 Una volta il padrone di Pagnacarel si era fatto la pagnotta dolce e se la voleva mangiare tutta da solo e in santa pace, così la nascose sotto la cenere del camino intanto che aspettava che tutti se ne fossero andati a letto.

 Ma Pagnacarel, che si era accorto di tutto, decise di fare un brutto scherzo al padrone, prese un coltello, si mise a sedere dinnanzi al camino e iniziò a dire:

  “A casa mia eravamo dodici fratelli e quando c'era qualcosa da mangiare di buono,

    mio babbo prendeva un coltello e faceva le parti in questo modo: lo vedete quel

    mucchio di cenere nell'angolo del camino? Prima lo tagliava così, poi così, poi

   ancora così e sempre così finché ce n'era!”.

 Intanto che parlava col coltello tagliava il mucchietto dove sotto c'era la pagnotta e tanto fece finché la ridusse in un mucchio di pezzetti così fini che erano uguali alla cenere e intanto guardava la faccia scura del padrone e nella sua testa pensava:

   “Non la mangio io, ma non la mangi neanche tu!”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);