• Ultimo Aggiornamento: Mercoledì 02 Dicembre 2020 - 21:51:08
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

0.56°C

Nuvoloso
Umidità: 87%
Vento: SSE a 6.21 K/H
Sabato
Pioggia
10.56°C / 13.33°C
Domenica
Acquazzoni
5.56°C / 12.22°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
3.33°C / 8.89°C

Abbeveratoio

Una volta e' padròun l'urdinet ma Pagnacarel 'd purtaè al mungaèni a e' pascul e ad daèi da bòi. Pagnacarel e det rèta cmè sempra, mo dòp avòi impinoi d'aqua l'ebi, e sguilet e ui caschet ad dròinta.

 L'avnet al bes-ci a bòi e ona la ingulet ènca e' nòst Pagnacarel, ch'un gn'a la j avòiva fata a scapaè pròima ch'agl'j arives.

 Il zarchet a dreta e a maènca, mo gnent un sa truvaèva e un sa truvaèva e doi ch'il zarchet dimpartot, mo i faset ènca prèst a rasignes, o cio, i giòiva senza pienz gnenca un guzlòt:

  “E sarà quèl che sarà, l'è mo sicheur che eun acsè un s' trova piò!”.

 Propi che dè e' padròun l'avòiva deciois 'd purtaè al mungaèni a e marcaè pr'avdoi s'us putòiva vend un paèra 'd cal bes-ci e garavlaè un po' 'd suld ch'in feva mai maèl.

 Intaènt che leu e la mòi i s'n'andeva vers e' paiòis senza piò pansaè ma Pagnacarel, us santet da sèch la su vòusa ch'la rugiòiva:

  “Aieut, aieut..., aiutem ch'a n'ò piò l'aria d'arfiadaè...!”.

  “Du sit ch'an t vègh invel?”.

 E dmandaèva e' padròun sa tot la vòusa ch'l'avòiva int la gòula intaènt ch'e sbatòiva la tèsta tot datònda cmè se fos un frol pr'avdòi s'ul truvaèva a lè datònda.

  “A sò 't la paènza dla mungaènaaa...!”.

 E' padròun us grataèva la tèsta cmè s'la fos pina 'd pdocc parché un savòiva ch'sèl faè, una ròba acsè l'an gn'era mai capitaèda 't la su voita, mo par furteuna la mungaèna la alzet la còuda e la faset un gran mardòun,  disdòi sòura u j era Pagnacarel che acsè e putet avnoi fura, tot sporch 'd merda, mo in bona saleuta.

Pagnacarel  nella pancia della mucca

 Una volta il padrone ordinò a Pagnacarel di portare le mucche al pascolo e di abbeverarle. Pagnacarel obbedì come sempre, ma dopo aver riempito d'acqua l'abbeveratoio, scivolò e ci cascò dentro.

 Vennero le bestie a bere e una ingoiò anche il nostro Pagnacarel, che non era riuscito a mettersi in salvo prima del loro arrivo.

 Lo cercarono a destra e a sinistra, invano, non si trovava e non si trovava e dire che lo cercarono ovunque, ma fecero anche presto a rassegnarsi, ohi, dicevano senza piangere nemmeno una lacrima:

  “Sarà quel che sarà, è certo che uno così non si trova più!”.

 Proprio quel giorno il padrone aveva deciso di portare le mucche al mercato per cercare di vendere un paio di quelle bestie e racimolare così un po' di soldi che non facevano mai male.

 Intanto che lui e la moglie avanzavano verso il paese senza più pensare a Pagnacarel, sì udì all'improvviso la sua voce gridare:

  “Aiuto..., aiuto... aiutatemi che non ho più aria per respirare...!”.

  “Dove sei che non ti vedo da nessuna parte?”.

 Domandava il padrone con tutta la voce che aveva in gola e roteando la testa tutto attorno come fosse una girandola per cercare di trovarlo in quei paraggi.

  “Sono nella pancia della muccaaa...!”.

Il padrone si grattava la testa come se fosse piena di pidocchi perché non sapeva cosa fare, una situazione del genere non gli era mai capitata nella sua vita, ma per fortuna la mucca alzò la coda e lasciò andare una grande cacca,  seduto sopra c'era Pagnacarel che così poté venirne fuori, tutto sporco di merda, ma in buona salute.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);