Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Per lo più soleggiato

16.11°C

Per lo più soleggiato
Umidità: 64%
Vento: ESE a 4.35 K/H
Domenica
Per lo più soleggiato
9.44°C / 20°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
10.56°C / 23.33°C
Martedì
Acquazzoni
14.44°C / 19.44°C

 

E’ palòun

Intaènt che a Samaèvar us discutòiva ‘d “tattica” e e’ caèmp spurtoiv l’era pin ‘d burdlaz,
a Savgnen quatar gat is’ buzeva znòci e  pì 't una piazèta par cor dri m’una pala ‘d straz.
'T j an d’una volta un gn’era storia, a Samaèvar e’ palòun l’era una religiòun,
la dmenga tot 't e’ caèmp spurtoiv dal caèsi pupulaèri a tnì sò e’ nòst squadròun.
A simi furt alòura, 't e’ quaraèntasèt a zughimi in C, còuntra dal squaèdri ‘d zità gròsi,
e còuntra Furlè, Remin, Cesòina, Arzeun e Ravena, a spudimi e’ sangv e poch mòsi.
I zugadeur j era guasi tot fat int caèsa, j era furt, j avòiva tegna e pasiòun,
e’ paiòis intir l’era sa lòu, par tot la stmaèna un s’ feva che spitaè e’ partidòun.
A Savgnen j avòiva una squadrèta ch’la n’andeva piò in là da lè,
e chi puch ch’i vlòiva vdòi dal bèl partoidi i cnòiva vnoi a què.
A lasò, s’la su poza sòta e’ naès, sti zugh e stal pasiòun da pupulòin in li cagheva,
a quazò invici us campaèva par quèl e s’us vanzòiva l’umòur a la granda e cambieva.
Par an e an j è staè di drì da nòun ch’a sfurnimi un sach ‘d zugadeur ch’j à fat carira,
a cminzé da la naziunaèla, ai n’avimi in tot al categorì ch’a putimi faè una fira.
Pu tot e cambiet, e’ president si suld l’era mort, e’ caèmp nov l’era dalongh de’ paiòis,
mo piò di tot l’era cambié la voita,  j interes j era d’ilt, mèi e’ televisòur zòis,
la pasiòun par la squaèdra la era calaèda, sempra ‘d mench j andeva ma la partoida
e che Savgnen us fos pas davaènti e vlòiva doi che la baza la era finoida.
U j è staè ènca dal volti ch’u s’è fat e’ “derbj” se’ Savgnen,
e alòura e vnoiva fura la rozna antoiga e e’ Rubicòun l’arturnaèva a impinois ‘d vlen.
E s’us vanzòiva u si fasòiva e’ funeraèl s’la casa da mort e i pregadì
e int un bèl mocc u s’andeva 't e’ zòintar dla zità a sfilé par cal vì.
Dagl’j elt volti u s’è cuntanté d’instoi la statèua 'd Cesare se’ pòunt de’Rubicòun,
sla maia dla samavrese se’ nomar dis cmè se fos dvent un nòst campiòun.
E se pu a la fòin de’ campiunaè u j era la retrocesiòun, fa gnent, u n’era e’ pez di dan,
quèl che piò e cuntaèva l’era vòinz se’ Savgnen e sa quèst us steva ben pr'un an.
Si an fa la Samavrese la era me' Tardini còuntra e' Paèrma, la partoida in televisione       
e u s'avdòiva una screta ch'la giòiva: “... noi in diretta su Sky e voi su Telerubicone!”.

Il pallone

Quando qui da noi si parlava di tattica e il campo sportivo era pieno di maschiacci,
a Savignano quattro gatti si sbucciavano ginocchia e piedi con una palla di stracci. 
Negli anni di una volta non c’era storia, a San Mauro il pallone era una religione,  domenica tutti nel campo sportivo delle case popolari a incitare il nostro squadrone.
Eravamo forti allora, nel 1947 giocavamo in C, contro squadre di città grosse, 
contro Forlì, Rimini, Cesena, Riccione e Ravenna, si sputava sangue e poche mosse. 
I giocatori erano quasi tutti locali, erano forti, avevano grinta e passione,
il paese intero era con loro, per tutta la settimana non si aspettava che il partitone.  A Savignano avevano una squadretta che non andava più in là di lì, 
e quei pochi che volevano vedere una bella partita erano obbligati a venire qui.  Lassù, con la loro puzza sotto il naso, sti giochi e ste passioni, non le consideravano, 
quaggiù invece si campava per quello, se si vinceva gli umori di netto cambiavano. 
Per anni sono stati dietro di noi che sfornavamo giocatori che hanno fatto carriera,
dalla nazionale in poi, erano in tutte le categorie, che si poteva allestire una fiera. 
Poi tutto mutò, il presidente coi soldi era morto, il campo nuovo lontano dal paese, 
ma era cambiata la vita, gli interessi erano altri, meglio le televisioni accese,
la passione per la squadra era diminuita, sempre di meno andavano alla partita 
e che Savignano ci avesse sorpassato voleva dire che la bazza era finita. 
Ci sono state delle volte che si è disputato il “derby” col Savignano, 
allora emergeva l’antica ruggine e il Rubicone tornava a riempirsi di veleno insano. 
Se si vinceva si faceva loro il funerale con la cassa da morto e il pregadio  stampato
e in tanti si andava nel centro della città a sfilare su quell’acciottolato. 
Altre volte ci si è accontentati di vestire la statua di Cesare sul ponte del Rubicone,  maglia della sammaurese col numero dieci, come se fosse un nostro campione. 
E se alla fine del torneo c’era la retrocessione, fa niente, non era il peggior danno,
ciò che più contava era vincere col Savignano, con questo si stava bene per un anno.
Sei anni fa la Sammaurese era al Tardini contro Parma, la partita era in televisione
ed era esposta un scritta che diceva: “... noi in diretta su Sky e voi su Telerubicone!”.
Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


L'anvouda ad Fainlòin - La nipote di Fainlòin

Pubblicato il 04.05.2021 - Categoria: Vignette

L'anvouda ad Fainlòin - La nipote di Fainlòin

Pubblicato il 04.05.2021 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI