Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Senza parole

E' temp 'd òz

Ma l’EXPO a Milaèn u j era una muraia duò che in grand e cumparoiva la Rumagna,

t s-ciazivi e’ butòun de’ tu cumeun e u s’avdòiva al ròbi bèli dla zità e dla campagna.

A s-ciazem sòura Samaèvar, e ven fura Pascoli, la Tòra, e’ pajòis e sì-sèt fotografì.

Eh sé, una bèla sudisfaziòun vdòi al ròbi ‘d caèsa nòsta stòisi int cla bèla vì.

“Dai, dai, s-ciaza sòura Savgnen ch’a vlem avdòi se al su ròbi agl’j è piò bèli!”.

“Burdel, un gn’è gnent, Savgnen un gn’è, èèèèèèhhhh…!!!” I rogg j è ‘rvat 't al stèli.

Al savimi tot ch’a stimi a faè i pataca e ch’u n’era e’ caes o una ròba fata ben,

mo la s’è vneuda acsè, senza gnenca pansaèi, moiga par faè un dispèt ma Savgnen.

Òzdè a sem pin ‘d razi e fazi ‘d tot i culeur che s’ta ti truv davaènti u t ven i stremal,

e u j è coi, s'ui capita 'e mèz, ui ven da met la maèna se’ portafoi s’un spregnal.

Ormai i samavrois e i savgnanois da bon j è guasi minuraènza,

mo ciapaès  pr’e’ cheul l’è ròba ch’la ven da dalongh, a la j avem 't la paènza.

E doi che cmè ch’a sem ardot adès, u n’à gnent at che faè sa quei d’una volta,

ormai a sem tot preciois, si suld, se’ prugrès, sal cumodità, la tèsta la s’è svolta,

u s’è cambiè e’ caratar, a simi sé di zengan, mo pin ‘d tegna e ‘d energì,

a spustimi al muntagni s’un urgòi ch’an stimi sòta ma niseun, an s’fimi pistaè i pì.

Òz, un po’ zengan  al sem ancòura, mo smaruné, bun snò a pansaè mi suld e a divertois,

e un gn’è guasi piò gnent ch’e faza i samavrois un’ènta ròba dai savgnanois.

An sem piò quei d’una volta, sé, l’è vèra u j è quaicadeun ch’l’è tacaè mi timp pasé,

un ènt po’ d’an e leu, e’ dialèt e al tradiziòun al sparirà, se’ prugrès tot e sarà mucé.

E i samavrois, i savgnanois, la peca, i dispet, e’ campanoil, i girà ‘d slunghela,

mo mitesmi e’ cor in paèsa, piò us va vaènti e maènch u j è modi ‘d sgavagnela.

Mo se ènca int sta voita e sarà fadoiga che tra i du paiòis e pòsa da fat s-ciupaè e’ben,

at clèlta un gn’è modi ‘d scavides, pròima o dòp a sem cundané a staè insen.

Pansé ma che pòst pin ‘d tumbòin, lumòin e zipres, ch'e stà propi a mità,

le l’è ch’a finirem tot, e us cunven andaè d’acord, cio, ai cnem staè par l’eternità. 

Il  tempo  attuale

   All’EXPO a Milano c’era una parete dove in grande compariva la Romagna, 

schiacciavi il tasto del tuo comune e comparivano le cose belle della città e della campagna.

Schiacciamo su San Mauro, appare Pascoli, la Torre, il paese e qualche altra fotografia. 

  Eh sì, una bella soddisfazione vedere le cose di casa nostra esposte in quella bella via. 

 “Dai, dai, schiaccia su Savignano che vogliamo vedere se le sue cose sono più belle!”. 

 “Ragazzi, niente, Savignano non c’è, èèèèèèèhhhh…!!!”. Le urla sono arrivate alle stelle. 

  Lo sapevamo che stavamo facendo gli sciocchi e che non era un' azione fatta in modo sano, 

  ma ci è venuta senza neanche pensarci, mica per fare un dispetto a Savignano.

  Oggi siamo pieni di tipi di tutti i colori che se te li trovi davanti ti viene un turbamento,

  e c'è chi, se ci capita in mezzo, gli viene da posare la mano sul portafogli con un lamento. 

  Oramai i sammauresi e i savignanesi autentici sono quasi una minoranza senza traccia, 

  ma prendersi ancora in giro è cosa che viene da lontano, l’abbiamo nella pancia. 

  E dire che come siamo diventati oggi, non ha niente a che fare con quelli di una volta, 

  oramai siamo tutti uguali, coi soldi, col progresso, con le comodità, la testa si è svolta,

  si è cambiato il carattere, eravamo sì degli zingari, ma pieni di grinta ed energia,

  spostavamo le montagne orgogliosamente e non ci facevamo pestare i piedi da chicchessia. 

  Un po’ zingari lo siamo ancora, ma disillusi, solo a pensare ai soldi e a divertirci siamo tesi,

  non c’è quasi più niente che faccia i sammauresi un’altra cosa  dai savignanesi. 

  Non siamo più quelli di una volta, sì, è vero che c’è ancora qualcuno legato al  passato,

  ancora un po’ d’anni e lui, il dialetto, gli usi, spariranno, col tempo tutto sarà dimenticato. 

  E i sammauresi, i savignanesi, la ripicca, i dispetti, il campanile, diranno di allungarla, 

  ma mettiamoci il cuore in pace, più si va avanti e meno possibilità c’è di evitarla.

  Ma se pure in questa vita sarà difficile che tra i due paesi possa del tutto scoppiare il bene, 

  nell’altra non c’è modo di evitarci, prima o dopo siamo condannati a stare insieme, 

  pensate a quel luogo pieno di tombe, lumini e cipressi, che sorge proprio a metà,

  è lì che finiremo tutti, e ci conviene andare d’accordo, ohi, ci dobbiamo stare per l’eternità.

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI