Sanmauropascolinews.it

San Mauro 2022 2023

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

CVEI DE' GHÈT DLA VELAGRAPA
(QUELLI DEL GHETTO DELLA VILLAGRAPPA)

La funtaèna

E' bagn 't la mastaèla - Il bagno nel mastello
E' bagn 't la mastaèla - Il bagno nel mastello

J ong d'agòst de' quaraèntasì al zòincv dla matòina, int una caèsa 'd pora zenta int e' ghèt guasi in caèv ma la vì deta Velagrapa, a nasòiva mè, un masgòt 'd cvatar chel e mèz 'd pòis che acsè gròs int chi paraz l'era an e an ch'un s'n'era vest. Par cvèst tot j avnoiva a vdòi ste bèl burdlòun e cmè rigal ma la fameja i purtaèva vintcvatar ovi, ch'l'era quèl ch'us deva alòura se nasòiva un mas-ci.

I mi i m'à sempra det ch'l'è staè da che dè ch'al ròbi agl'j à cminzé a d'andaè un po' pr'e' mèi par lòu, e' pròim segn ul det e' padròun dla caèsa, ch'e cundet i dan ch'l'avòiva fat la guèra e intaènt che i muradeur j arpzaèva i guast, mè a steva 't un zèst 'd tamaroisgh puzaè s'l'aèra davaènti caèsa.

Avòiva poch mois mo da grand ò sempra dmand mi mi se a lavuraè u j era ènca una dòna che d'ògna taènt la farmaèva la cariola e la s' cuvaèva sòura 'd mè a faèm du zughin. Lòu i m'à sempra arspòst 'd sé, mo che mè a m'arcurdes 'd ste fat, u n'era ròba da cròid, e invezi...

E' ghèt dla Velagrapa, l'era fat da cvatar caèsi tacaèdi insen par sparagné al spòisi d'un meur, un po' piò in là un'aènta caèsa da par lì e dalongh un dis metar, 't e' mèz u j era un scòul ch'e partoiva da e' pòz duvò ch'al dòni al tireva sò s'la caplèta l'acva da lavaè i pan e che mè burdèl, a m'in putòiva avsiné parché im giòiva che se' fònd u j era la marmòta ch'la ciapaèva i burdel ch'i sa rapaèva par guardaè 'd dròinta, la i tireva zò e pu la si magneva.

L'acva bona da bòi la s' tulòiva m'una funtanèla ch'la buteva dè e nòta e sempra frèsca, d'instaèda u j era la foila dla zenta in biciclèta. Cvant ch'j avnoiva sò da e' maèr, tot i sa farmaèva a lè a bòi e i giòiva che un'acva acsè bona l'an gn'era invel 't i paraz.

Mè a guardaèva cla zenta e am stimeva ch'i bbòiva la nòsta acva, gnenca ch'la fos la mì e cvant che la foila la j era finoida e e' sòul e steva par calaè,  l'ariveva e' Zghin da la spiagia 'd Samavromare e, s'un'era leu, dal volti l'era un su fiol, sempra se' carèt di zlé, s'un cvadrèt 'd pida us deva un zlaè 't e' scucèt da zòincv fraènch, int cvèl da dis invezi ui vlòiva 'na mèza pida.

A forza 'd staè d'avdòi la zenta vnì sò da e' maèr, ma Gilberto, e' pròim cumpagn dla mi voita ch'e steva 't la caèsa 'd là de' fòs e ch'l'era piò grand 'd mè 'd zòincv an, u j a vnet inamòint un zugh, ènzi, una cvajunaèda, ch'l'avòiva imparaè 't e' andaè a scola a Samavaèr, u m'l'insgnet e a decidesmi 'd faèl insen.

(Continua)

La fontana

L'undici agosto del quarantasei alle cinque del mattino, in una casa di povera gente nel ghetto quasi in fondo alla via denominata Villagrappa, nascevo io, un bambolotto di quattro chili e mezzo di peso che così grosso in quelle contrade erano anni e anni che non se ne vedevano. Per questo tutti venivano a vedere questo bel bambino e come regalo alla famiglia portavano ventiquattro uova, che era ciò che si donava a quei tempi per la nascita di un maschio.

I miei genitori mi hanno sempre raccontato che è stato da quel giorno che la situazione è iniziata a migliorare per loro, il primo segnale lo diede il padrone della casa, che fece aggiustare i danni provocati dalla guerra e intanto che i muratori riparavano i guasti, io ero adagiato in un cesto di rami di tamerice appoggiato sull'aia antistante la casa.

Avevo pochi mesi ma crescendo ho sempre chiesto ai miei se a lavorare coi muratori c'era anche una donna che di tanto in tanto arrestava la carriola e si chinava su di me a farmi due moine. Loro mi hanno sempre risposto di sì, ma che io mi ricordassi di questo fatto, non si poteva credere, invece...

Il ghetto della Villagrappa, era composto da quattro case appiccicate l'una all'altra per risparmiare sui costi dei muri, un po' più in là c'era una casa distanziata dalle altre di una decina di metri e divisa da un rigagnolo per lo scolo delle acque che iniziava dal pozzo dove le donne attingevano l'acqua col secchio per lavare i panni e al quale io, bambino, non mi potevo avvicinare troppo perché mi dicevano che sul fondo c'era la marmotta che catturava i bambini che si arrampicavano e che si sporgevano per guardare, li tirava giù e poi se li mangiava.

L'acqua potabile la si attingeva ad una fontanella da cui sgorgava giorno e notte, e sempre fresca, in estate c'era la fila della gente in bicicletta. Quando tornavano dal mare tutti si fermavano lì a bere e dicevano che un'acqua così buona non esisteva da nessun altra parte del territorio.

Io osservavo quella gente ed ero orgoglioso nel vederli bere la nostra acqua, neanche fosse di mia proprietà, quando la fila era terminata e il sole era al tramonto, giungeva dalla spiaggia di San Mauro Mare, Violacci e, se non era lui, a volte era un suo figlio, sempre col carretto dei gelati, con una quadretto di piadina ci dava in cambio un gelato nel cono da cinque lire, per quello da dieci invece pretendeva una mezza piadina.

A forza di assistere al passaggio della gente di ritorno dal mare, a Gilberto, il primo compagno della mia vita che abitava nella casa al di là del fosso ed era maggiore di me di cinque anni, venne in mente un gioco anzi, un raggiro, che aveva imparato nell'andare a scuola a San Mauro, me lo insegnò e decidemmo di farlo insieme.

(Continua)

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...