Sanmauropascolinews.it

San Mauro 2022 2023

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

CVEI DE' GHÈT DLA VELAGRAPA
(QUELLI DEL GHETTO DELLA VILLAGRAPPA)

La funtaèna (2)

La funtaèna 2
D'inveran la condla la steva int la stala. (D'inverno la culla stava nella stalla.)

Avimi rimidié un scarslòin che niseun e druvaèva piò, ai lighesmi datònda un spaègh un bèl po' longh, pu, pròima ch'j avnes sò quei da e' maèr, al mitesmi s'la straèda, a cruvesmi e' foil s'la pòrbia e s'la gèra ch'un s'avòiva d'avdòi, e se' caèv 't una maèna, as mitesmi 't la fòsa a d aspitaè.

“Alè, alè, Gilberto j aroiva, stema cuvé ch'in sinò is vòid e tè sta tenti, nu fat frigaè e' scarslòin!”.

A simi preunt, i proim a pasaè da lè, l'era un brancadòin 'd raghez, j andeva fort e in s'n'è gnenca infat de' scarslòin, mo dòp un po' u sa ferma du mureus:

“Mo toh, un portafoi, òs-cia che bòta 'd cheul ch'a vem veu òz!”, e doi leu.

E s-cend da la biciclèta, u sa poiga par to sò e' portafoi, mo pròunt Gilberto e dà un tiròun e che ragaz l'è vaènz cmè un pataca ch'un savòiva ch'sèl doi. Nòun a ridimi da spanzaès e ènca la su muròusa la ridoiva, vest acsè u s'è mes a roid ènca leu:

“A sì propi di birichin vuilt 'd campagna, èh?”.

“Amo doi”, la det sò lì, “i figli del contadino hanno scarpe grosse e cervello fino, ta ne savivi?”.

Nòun an smitimi 'd roid, mo 'd cvèl ch'l'avòiva det la ragaza, a n'avimi capoi gnent niseun di deu, par cla volta la finet a lè, pin d'aligrì.

Mu mè però ste zugh u m'era piaseu un bèl po', al vlòiva arfaè mo e' scarslòin an l'avòiva, alòura a m'n'invantet un'aènta.

Drì da caèsa mi l'era vaènz du madeun 'd cvant ch'j avòiva cundaè la caèsa, l'era an ch'j era a lè e in s'n'un feva gnent niseun, alòura an tulet sò eun e a l'invrucet par ben int un foi 'd caèrta zala che la mi nòna Gusteina l'al tnòiva acsè dacòunt ch'la l'avòiva prinfena stiré se' fèr caèld e pighè cmè un tvaiul 'd los, lì l'an buteva vì mai gnent, parchè cunvòinta che pròima o dòp tot e putòiva vnì bon e pu sa cla miseria ch'u j era da chi dè, un s' buteva vì mai gnent 'd gnent.

Avòiva fat propi un bèl pach, am stimeva ch'a s'era staè braèv, 'd cheursa a l'andet a met 't e' mèz dla straèda, un bèl po' dalongh da caèsa nòsta pòsta ch'in m'avdes e am farmet ma la funtaèna a staè d'avdòi.

La pròima biciclèta che vnet zò, la sa farmet, e s-ciandet un òm e us mitet a scartuzaè e' pach e cvant ch'u s'n'infaset ch'l'era una frigaèda, l'armuntet s'la biciclèta e l'andet vì da incazaè, us capoiva da e' purbiòun ch'e tireva sò. Mè am turzòiva dal sbacaraèdi e a m'n'un s'era gnenca daè ch'l'era rivat la mi nòna.

“Sèl che t'é da roid  acsè da par tè, t'é vest un anzal?”.

Ai racuntet de' pach e dl'òm ch'l'avòiva bicaè, e a ridoiva e a ridoiva, lì invezi:

“Sgrazié d'un biricòin, ta ne niseun interès par la tu caèsa, vut che sipa a buté vì un madòun acsè? E duvò che t'é tolt la caèrta?”.

Adès an ridoiva piò e cvant ch'ai get ch'l'era cvèla ch'la j avòiva stiré, pr'un po' ui ven maèl, la biaseva tra i dint dal ròbi ch'a n'ò capoi, um paròiva ch'la pianzes, la n'à det piò gnent, pien, pien la s'è vieda vers e' pach, la j à tolt sò e' madòun, la j à pighé la caèrta e cvant ch'la j è arturnaèda la i tnòiva stret ma la sunaèda cmè s'la j aves un burdèl da daèi la tèta e la i zcuròiva:

“Mo cmè ch'a sem ardòt, ma sti burdel un si fa piò faza, i n'à la vargògna!”.

Um paèr ch'la s'ges.

(Continua)

La fontana (2)

Avevamo reperito un portafogli che nessuno usava più, gli legammo attorno uno spago piuttosto lungo, poi, prima che salissero quelli dal mare, lo mettemmo sulla strada, coprimmo il filo con la polvere e la ghiaia perché non si doveva vedere e, col filo stretto in una mano, ci stendemmo lungo il greto della fossa ad attendere.

“Alè, alè, Gilberto, arrivano, stiamo sdraiati che sennò ci vedono e tu stai attento, non farti portar via il portafogli!”.

Eravamo pronti, i primi a transitare, erano un gruppo di ragazzi, procedevano talmente veloci che neanche si sono accorti del portafogli, ma dopo un po' si fermano due fidanzati:

“Ma toh, un portafogli, ostia che colpo di fortuna che abbiamo avuto oggi!”, dice lui.

Scende dalla bici, si china per raccoglierlo, ma pronto Gilberto dà uno strattone e quel ragazzo è rimasto come un allocco che non sapeva cosa dire. Noi ridevamo da spanciarsi ed anche la sua ragazza rideva, preso atto della situazione, si è messo a ridere anche lui:

“Siete proprio del birichini voialtri di campagna, èh?”.

“Cosa credevi”, saltò su lei, “i figli del contadino hanno scarpe grosse e cervello fino, non lo sapevi?”.

Noi continuavamo a ridere, ma di ciò che aveva detto la ragazza, nessuno dei due aveva compreso cosa significasse e quella volta terminò così, pieni di allegria.

A me però questo gioco era piaciuto assai, lo volevo rifare ma il portafogli non l'avevo, allora mi inventai un'altra soluzione.

Dietro casa mia erano rimasti due mattoni di quando avevano riparato la casa, erano anni che stavano lì e non servivano a nessuno, ne presi uno e lo racchiusi per bene in un foglio di carta gialla che mia nonna Agostina teneva così d'acconto che lo aveva persino stirato col ferro caldo e piegato come un tovagliolo di lusso, lei non gettava via mai niente, perché convinta che prima o poi tutto poteva servire, inoltre, con la povertà che si aveva in quei tempi, non si gettava via mai niente di niente.

Avevo confezionato proprio un bel pacco, mi vantavo d'essere stato bravo, di corsa l'andai a collocare nel centro della strada, un bel po' lontano da casa nostra per non essere visto e mi fermai alla fontana per osservare gli eventi.

La prima bicicletta che di lì transitava, si fermò, scese un uomo e si mise a scartocciare il pacco e quando si accorse che era una fregatura, risalì sulla bicicletta e andò via furente, si intuiva dal polverone che sollevava. Io mi torcevo dalle risate tanto che neanche mi ero accorto che era giunta mia nonna.

“Cos'hai da ridere tanto da solo, hai visto un angelo?”.

Le raccontai del pacco e dell'uomo che aveva abboccato, e ridevo e ridevo, lei invece:

“Disgraziato di un delinquente, tu non hai alcun interesse per casa tua, vuoi che si debba buttare via un mattone così? E dove hai preso quella carta?”.

Adesso non ridevo più e quando le dissi che era quella che lei aveva stirato, ci mancò poco che le venisse male, cianciava tra i denti parole che non ho inteso, mi sembrava piangesse, non ha aggiunto altro, pian, piano si è avviata verso il pacco, ha raccolto il mattone, ha ripiegato la carta e quando è ritornata li teneva entrambi stretti al seno come se avesse un bimbo da allattare e parlava loro:

“Ma come ci siamo ridotti, a questi bambini non ci si fa più fronte, non hanno vergogna!”.

Mi pare dicesse.

(Continua)

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...