Sanmauropascolinews.it
Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

CVEI DE' GHÈT DLA VELAGRAPA
(QUELLI DEL GHETTO DELLA VILLAGRAPPA)

La caèsa dla Carola 'd Foschi (3)

La caèsa dla Carola d Foschi
La voita d'una volta: la bugheda int e' fieun. Da la Velagrapa al dòni se' baruzòin al l'andeva a faè 't e' Rubicòun poch sòura i Capan. - La vita di una volta: il bucato nel fiume. Dalla Villagrappa le donne col barroccino lo andavano a fare nel Rubicone poco sopra Capanni.

Eugenio u n'avòiva niseun imstir, u s'inzgneva a faè d'incvèl mo de' lavòur u n'i n'era una masa da chi dè da putòi capaè cmè ch'e vlòiva leu, acsè un bèl dè e ciapet una decisiòun che int e' ghèt la laset tot a bòca verta. E faset la valoisa e l'andet a lavuraè int al migneri 'd carbòun int e' Belgg, che mè, burdèl, an savòiva gnenca sèl ch'us fos e duvò ch'e steva, i piò grend invezi i sturzòiva la tèsta cmè s'i l'aves sempra saveu che tanimodi pròima o dòp e saria ciapaè vì e u j era ènca coi ch'e pansaèva che da la su mòi e int la caèsa dla Carola int la Velagrapa, u ni saria arturnaè piò. 

Eugenio, invezi, ancòura 'na volta e faset avdòi 'd che bona pasta ch'l'era fat, da là 'na volta e' mòis e mandaèva par pòsta int una bosta i suld pr'al su dò dòni e cvant ch'l'ariveva e' pustòin in biciclèta 't la Velagrapa a purtaèla ma la Gagia, e curoiva sempra ènca e' mi ba, parché a 'd dròinta par leu u j era sempra al zigarèti 'd chi post a là dalongh e che int caèsa nòsta a n'avimi a gnenca mai santì doi.

Eugenio ui l'avòiva prumès me mi ba poch pròima 'd partoi ch'u j avria mand al zigarèti ch'us fumeva int e' Belgg e l'era staè propi 'd parola, al na mancaèva mai, e' mi ba u li aspitaèva guasi in zagoja, parché pu dòp u s'andeva a stimé si su amoigh 'd Samaèvar, cio, moiga tot i putòiva fumé dla ròba ch'la j avnoiva da acsè dalongh.

U j a vanzet par guasi un an a lavuraè sòta tèra, pu e vnet a caèsa, e mitet incinta la mòi e ui naset Giuseppe, e' pròim fiol che, zà da i proim mois 'd voita, u s'avdòiva ch'l'era un burdlòun grand e gròs ènca se mè a s'era cunvòint che la mità dla su papina u s'la magnes la Carola e che leu e pianzes par la faèna.

Sè, um capitaèva da spès a staè d'avdòi cvant che la su nòna la i deva da magné, l'era e' temp chi l'avòiva da svzaè e acsè invezi de' lat dla ma, i i deva dal papini ch'am feva  gòula ènca mu mè parché al sa sarmieva ma la crema zala ch'e feva la mi ma e che mè a m'un saria magné una caplèta pina.

La Carola la s'mitòiva e' burdèl 't la faldaèda, pu la impinoiva e' cuciaròin 'd cla papina lenta e s'la scheusa ch'la j avòiva da santoi s'la scutaèva, la se mitòiva 'd bòca e cvant ch'l'al tireva fura par insticaèl dla bòca dl'anvudin, ui na mancaèva e' maènch una mità.

Giuseppe però e carsòiva distès grand e gròs, l'era de' stès temp de' mi fradel o e po' ès ènca ch'l'aves un an 'd maènch, mo 'd stateura ma leu ui pasaèva sòura d'un bèl po', i j era snò lòu deu acsè znin 't e' ghèt e par cvèst i zugheva insen guasi tot i dè, 't e' pranzoipi j andeva d'acord, mo pu un gn'era volta ch'in fines par pienz parché eun l'avòiva fat maèl ma claèlt e coi ch'u li ciapaèva piò da spès,  l'era sempra e' mi fradèl, acsè la mi nòna Gusteina la i l'andeva a doi ma la Carola e ènca Giuseppe e finoiva par pienz parché e buscheva un paèra 'd sculazedi.

Tot al volti sta storia e al dò nòni an feva che doi che chi deu i n'avòiva da staè insen parché i sa ragneva pena ch'i s'incuntraèva, lòu al l'e giòiva, mo i du burdel i steva distès sempra insen, a zughé e ragnes, cio, l'era burdel 'd du tri an ch'i steva int caèsi tacaèdi e 't i paraz znin cmè lòu in gn'era invel, du vut ch'j andes?

Cvant che pu nòun andesmi a staè a Samaèvar, s'la zenta 'd cla fameja a s'avdimi da raèd, la Gagia e la Carola um sa ch'an li epa vesti piò, Giuseppe dal volti a l'incuntraèva la dmenga matòina ch'l'avnoiva a la mèsa a Samaèvar, piò da spès invezi a m'incuntraèva sa Eugenio ch'l'avnoiva 't e' ciorcual di cumunesta parché u l'avòiva ciap e' mi zì Giulio e acsè as mitimi 't un cantòun a 'd arcurdaè al ròbi 'd cvant ch'a stimi tot 't la Velagrapa.

A doi 'd Eugenio e de' ciorcual di cumunesta, um ven intlamòint d'un sabat sòira vers agl'j ong che mè a steva pr'andaèm a caèsa e Giulio e vlòiva ceud parché 'd dròinta j era venz in cvatar o zòincv ch'j avòiva da finoi la brescla e trisèt e pu i s'n'andeva ènca lòu. Mo cvant ch' i s'alzet pr'andaè vì, disdòi m'un tavulòin u j era vaènz un bas-cianaz a 'd òm mèz imbariegh e mèz indurmòint che 'd staè sò u n'un vlòiva propi savòi, s' ta j e givi s'la grezia ch'l'era òura ch'u s'la cujes, u t'arspundòiva snò sa dal biastòimi e bujarì e s't'al tuchivi snò s'un doid, ut feva vdòi i su pogn gros cmè 'na maza 'd fèr.

Òs-cia burdel, e feva paveura, leu 'd dròinta da par leu e nòun tot 'd fura se' marciapì a 'd aspitaè ch'u s'n'andes, invezi e paròiva adiriteura ch'us fos indurmòint. Mè, alòura a giòiva vòi tregg-cvatorg an, ch'ilt j era grend, mo d'andaè datònta ma che sacramòint ui tireva e' cheul e is giòiva tra 'd lòu: “Bsògna andaè a ciamaè Eugenio int la Velagrapa, leu u n'à paveura ' d gnent e se cvèl che là l'aèlza al maèni, t'avdiré ch'ul met a pòst leu!”.

A santoi acsè an cardaroi cmè ch'am stimeva. “Mè al cnòs ma Eugenio, mè al cnòs!”, ò daè sò cuntent cmè 'na pascva, “da zòvan e feva e' pogil e l'avòiva e' pogn pruiboi, ciamel, ciamel..!”.

Un gn'è staè però bsògn, dòp un po' u s'è alzaè da par leu e, s'un paèra 'd mocval e senza saluté, la ciapaè sò e u s'è bot 't la straèda. La mocia 'd cvei chi steva d'avdòi la j era intaènt carseuda e u j era coi che biaseva tra i dint: “Ah, i cumunesta... la rivoluziòun...figuresmi...! In sì-sèt i ne ste bun 'd met fura da e' bar un spacamareun pursì, valà che i prit e i sgneur i pò staè sicheur che se i cumunesta j è acsè, un s'fa maèl niseun cvand ch'i farà la rivoluziòun!”.

Mo piò e pasaèva e' temp e maènch a s'avdimi,  cvèl ch'a savimi dla zenta dla caèsa dla Carola, u se giòiva la mi zì Silvana, ch'la steva ancòura a lè e acsè a m'arcord s'un po' 'd fadoiga che Eugenio u s'era mes a faè e' camiunesta sa di camio gros e che zireva  l'Itaglia in laèrgh e in longh, par purtaè dimpartot i furmai dla “Galbani” e che una nòta ch'u s'era ferum a Napoli, i j avòiva rubé tot al gòmi mal rodi de' camio e ch'ui tucaèva ma leu cumpraèli novi.

Avnet pu a savòi ch'u j era naseu ènca una fiola e, piò avaènti ancòura 't e' temp, la Carola la j era morta, i du fiul i s'era spusé e j era andé a staè vì, ma la Gagia u j era ciap 'na brota malatì 't la tèsta ch'l'an capoiva piò gnent e Eugenio, ch'l'era andaè in pensiòun, u la badaèva par guasi tot e' dè s'una gran pazinzia, mo cvant ch'la muret, leu, ch'l'era ancòura un òm pin 'd forza e saleuta, u s'era mes s'un'aènta dòna ch'la steva sal muntagni in aèlta Itaglia e ma la caèsa d'una volta un s'avdòiva taènt da spès u s'era sistemaè a lasò da li, fena ch'un gn'a vnet piò da fat e acsè i la vandet ma di furistir e 'd leu a n'ò mai saveu piò gnent, gnenca duvò e cvant ch'l'era mort.

La casa di Carola moglie di Foschi (3)

Eugenio non aveva alcun mestiere, si ingegnava a fare di tutto ma di lavoro non è che ce ne fosse molto in quei tempi da poter scegliere come desiderava lui, così un bel giorno prese una decisione che nel ghetto lasciò tutti a bocca aperta. Fece la valigia e andò a lavorare nelle miniere di carbone in Belgio, che io da bambino non sapevo neanche che ci fosse e dove era collocato, i più grandi invece storcevano la testa come se l'avessero sempre saputo che in ogni modo prima o poi sarebbe andato via e c'era anche chi pensava che da sua moglie e nella casa di Carola, non sarebbe più ritornato.

Eugenio, invece, ancora una volta dimostrò a tutti di che buona pasta era strutturato, da là tutti i mesi mandava per posta in una busta i soldi per le sue due donne e quando arrivava il postino in bicicletta nella Villagrappa a consegnarla alla Gaggia, correva sempre anche mio babbo, perché conteneva sempre le sigarette di quel luogo lontano e che in casa nostra neanche avevamo mai sentito nominare.

Eugenio glielo aveva promesso a mio babbo poco prima di partire che gli avrebbe mandato le sigarette che si fumavano in Belgio ed era stato proprio di parola, non mancavano mai e mio babbo le attendeva con ansia perché poi si andava a vantare coi suoi amici di San Mauro, ohi mica tutti potevano fumare sigarette che provenivano da tanto lontano.

Ci rimase per quasi un anno a lavorare nelle viscere della terra, poi tornò a casa, mise incinta la moglie e nacque Giuseppe, il primo figlio che, già dai primi mesi di vita, si notava che era un bambinone grande e grosso anche se io ero convinto che la metà della sua pappina se la mangiasse Carola e che lui piangesse per la fame.

Sì, mi accadeva spesso di assistere quando sua nonna gli dava da mangiare, era il tempo dello svezzamento e per questo invece del latte materno, gli propinavano delle pappine che ingolosivano anche me perché erano simili alla crema gialla che preparava mia mamma e che io me ne sarei divorato un secchio intero.

Carola adagiava il bambino sulle sue ginocchia, poi riempiva il cucchiaino con quella pappina lenta e col pretesto che doveva provare se scottava, se la metteva in bocca e quando la estraeva per inserirla nella bocca del nipotino, ne mancava almeno una metà.

Giuseppe però cresceva lo stesso grande e grosso, era della stessa età di mio fratello o forse aveva un anno in meno, ma di statura lo sorpassava abbondantemente, c'erano solo loro due così piccoli nel ghetto, per questo giocavano insieme quasi tutti i giorni, all'inizio andavano d'accordo, poi però non c'era volta che non finissero per piangere in quanto uno aveva fatto male all'altro e chi subiva maggiormente, era sempre mio fratello, tanto che mia nonna Agostina lo andava a riferire a Carola e anche Giuseppe finiva per piangere perché si buscava un paio di sculacciate.

Tutte le volte questa storia si ripeteva e ad ogni occasione le due nonne affermavano  che quei due non potevano stare insieme perché si litigavano appena si incontravano, loro lo proclamavano, ma i due bambini erano lo stesso sempre insieme a giocare e litigare, ohi, erano bambini di due-tre anni che abitavano in case appiccicate e nei dintorni come loro non ce n'erano, e cosa potevano fare?

Quando poi ci trasferimmo a San Mauro, con la gente di quella famiglia ci vedevamo raramente, la Gaggia e Carola mi sa che non le abbia più viste, Giuseppe qualche volta lo incontravo la domenica mattina che veniva alla messa a San Mauro, più spesso invece mi incontravo con Eugenio che veniva nel circolo dei comunisti che lo aveva preso in gestione mio zio Giulio e così ci mettevamo in un angolo a ricordare la vita di quando abitavamo insieme nella Villagrappa.

A dire di Eugenio e del circolo dei comunisti, mi ricordo di un sabato sera verso le ventitre quando io stavo per andare a casa e Giulio voleva chiudere perché all'interno erano rimasti in quattro o cinque che doveva finire la briscola e il tressette e poi se ne andavano anche loro. Ma quando si alzarono per andarsene, seduto ad un tavolino era rimasto un gran pezzo d'uomo mezzo ubriaco e mezzo addormentato che di alzarsi non ne voleva proprio sapere, se glielo chiedevi gentilmente che era ora che se ne andasse, ti rispondeva solo con bestemmie e imprecazioni e se lo toccavi solo con un dito, ti mostrava i suoi pugni grossi come mazze di ferro.

Orca ragazzi, metteva paura, lui dentro da solo e noi tutti di fuori sul marciapiede ad attendere che se ne andasse, invece sembrava addirittura che si fosse addormentato. Io allora dovevo avere tredici-quattordici anni, gli altri erano adulti, ma di andare attorno a quel sacramento gli tirava il sedere e si dicevano tra di loro: “Bisogna andare a chiamare Eugenio nella Villagrappa, lui non ha paura di niente e se quello là alza le mani, vedrete che lo mette a posto lui!”.

A udire così non crederete come mi stimavo. “Io lo conosco Eugenio, io lo conosco!”, gridavo contento come una pasqua, “da giovane faceva il pugile e aveva il pugno proibito, chiamatelo, chiamatelo...!”.

Non c'è stato però bisogno, dopo un po' si è alzato da solo e, con un paio di moccoli e senza salutare, s'è tirato su e si messo in strada. Il numero di coloro che stavano ad assistere era intanto aumentato e c'era chi biasicava tra i denti: “Ah, i comunisti... la rivoluzione... figuriamoci...! In sei o sette non sono stati capaci di cacciare dal bar uno spaccamaroni qualsiasi, valà che i preti e i signori possono stare tranquilli che se i comunisti sono così, non si farà male nessuno quando faranno la rivoluzione!”.

Ma più il tempo trascorreva, meno ci si vedeva, tutto ciò che venivamo a conoscere della gente della casa di Carola, ce lo riferiva mia zia Silvana, che abitava ancora nel ghetto e così ricordo con qualche difficoltà che Eugenio si era messo a fare il camionista con dei grossi camion e che percorreva l'Italia in largo e in lungo, per portare i formaggi della “Galbani” e che una volta che si era fermato una notte a Napoli, gli avevano rubato tutte le gomme alle ruote del camion e spettava a lui comprarle nuove ed era una spesa da far paura.

Venni poi a sapere che gli era nata anche una figlia e che, più oltre ancora nel tempo, Carola era morta, i due figli si erano sposati ed erano andati ad abitare altrove, la Gaggia era stata colpita da una brutta malattia alla testa per cui non capiva più niente ed Eugenio, che era andato in pensione, la assisteva continuamente e con grande pazienza, ma quando lei morì, lui, che era ancora un uomo pieno di forza e salute, si era unito con un'altra donna che abitava sulle montagne dell'alta Italia e nella casa di un tempo lo si vedeva raramente, si era sistemato lassù da lei, tanto che non vi ritornò più di tanto e pertanto la vendettero a dei forestieri e di lui non ho saputo mai più niente, neanche dove e quando è deceduto.

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...