Sanmauropascolinews.it
Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

CVEI DE' GHÈT DLA VELAGRAPA
(QUELLI DEL GHETTO DELLA VILLAGRAPPA)

La caèsa di mi (1)

La caesa di mi
La voita d'una volta: la bugheda fata ma caèsa s'la zendra de' camòin. - La vita di una volta: il bucato fatto in casa con la cenere del camino.

Tacaèda ma la caèsa 'd la Carola 'd Foschi u j era la nòsta, “nòsta” par modi 'd doi, nòun a simi i casint, e' padròun l'era Giani 'd Noz, dòp de' fròunt u j avòiva daè 'na radanaèda e la famejia 'd Maròun la steva a lè, in sì, mucì e stret in dò cambri, ona da lèt duvò ch'ai durmini in cvatar da cvant ch'l'era naseu e' mi fradèl e clèlta ch'la feva da cusòina e da cambra da lèt pr'i du non Fanòin e Gusteina.

Ad dròinta tot l'era nir pr'e feun de' camòin che da par leu e ciapaèva la mità d'un meur e int al zurnaèdi giazedi da la tramuntaèna un s' putòiva zend parché al fulaèdi de' vent al spatasaèva un feun 'd dròinta ch'ut tulòiva e' fié e e bruseva ma j occ.

La porta se' davaènti vultaèda vers e' mòunt, la j avòiva dò pachi, da lè l'antraèva la poca leusa de' dè, mo snò travers i voidar dla paca a manzòina parché claèlta i la tnòiva sempra ceusa e se' scurèt a cruv e' vòidar, acsè che int cla cusòina l'era guasi sempra scheur, ma la mi nòna u ni piasòiva ch'ui fos tròpa leusa, la giòiva ch'ui deva dan ma j occ e' sulostar e chilt ma caèsa i j era poch, inchena ch'e luteva e' dè e u s'avdòiva leun, j era dri a lavuraè a lavajeun.

Cla mèza paca a la dreta, a m'la arcord verta da fat snò par cvant che sòta Pascua l'avnoiva e' prit a benedoi, i dè pròima u s'era fat al pulizì grandi e i burdel i n'avòiva d'antraè parché i deva un oli mi madeun de' sulaèr, ch'i dvantaèva d'un piò bèl ròs ch'l'era un pcaè caminei sòura, mo u n'era snò par cvèl ch'a cnimi staè 'd fura, l'è che da chi dè l'ariveva la primavira, la stasòun bona e us feva cmè s'a s'avesmi da scrules da madòs al rozni d'l'inveran, alòura u s'arvoiva tot cvèl ch'u j era, porti e finèstri, par faè antraè int caèsa piò aria ch'us putòiva e us puloiva tot cvèl ch'u j era, e incvèl l'avòiva da ès a pòst pròima che don Luois da Samavaèr e vnes a benedoi e nòun burdel 'd dròinta a dimi fastoidi acsè is feva spitaè 'd fura ch'i fines i laveur.

La nòna Gusteina, ch'l'era 'na gavòta sfagataèda, de' prit la j avòiva 'na gran sudiziòun e sempra sa madòs la paveura ch'un fos cuntent, par lì l'era cmè s'l'avnes a daè un esaèm ma la fameja e alòura busgneva che ògnacvèl e fos a pòst,  che dè tot avimi da staè ma caès 'd aspitaèl, ul feva ènca e' nòn Fanòin, s'un po' 'd biastòimi, mo senza faès santoi da la mòi, u n'avòiva voja 'd truvaè da doi sa lì, ul savòiva che pu la avria ciulé par dè e dè.

Intaènt s'la taèvla j avòiva stòis la tvajia bona ch'i la tireva fura da la casa snò par cla volta e 't e' mèz u j era e' zistòin pin d'ovi dal nòsti galòini da faè benedoi par pu magnesli, còti a lès, la matòina 'd Pascua insen sla zambèla che la mi ma la j andeva a faè e cus 't e' fòuran a Samaèvar.

Mè alòura u n'è ch'am piases un dimòndi agl'j ovi deuri, am feva e' masgòt e a feva fadoiga a ingulaèli, mo s'la mi nòna un s' ragiunaèva, a li magnimi sa poch brèti e guai a buté vì al còzli, bsugneva daèli me' fugh, sinò chisà che sgraèzi ui putòiva ciapaè ma coi ch'u n'e feva e u li buteva invezi 't la mundèza pursì.

L'era cvei ènca i dè che la nòna e la mi ma al feva la bugheda di lanzul druvé int  l'inveran e, se la stasòun la j era bona, andimi, ènca s'la mi nòna Deina, me' fieun 't i paraz di Capan, duvò ch'u j era di parint d'j Ambrusini, mo piò da spès a m'arcord che la bugheda al la feva ma caèsa 't un mastlòun e ch'agl'j useva la zendra de' camòin par faè dvantaè i lanzul piò puloi e bjinch.

Int la cusòina u j era un'aènta purticina 'd legn ch'la deva se' didrì e ch'la purtaèva int cvèl che una volta e putòiva ès staè una stala, mo znina, i mi i i tnòiva i fer da lavòur: vanghi, badoil, furché, malapez e j animeli, 'na steja 'd cunei e un po' 'd galòini smulaèdi cva e là e ch'al feva agl'j ovi int 'na grepia znina. Che stalèt l'era ènca e' gabinèt pr'i nost bsogn, d'inveran u j era un frèd, mo un fred ch'ut feva e' candlòt me' pistulin s't'an sbrighivi a ciapaè vi.

Cvant ch'a s'avimi da faè e' bagn d'inveran, e par furteuna ch'al fimi da raèd, la mi ma la impinoiva la mastèla 'd acva caèlda davaènti me' camòin zòis, mè a lavaèm a vlòiva sempra la nòna, la mi ma cvant ch'l'am striseva s'al su maèni rovdi, l'al feva in presia e l'am feva ènca maèl, cvèli dla nòna invezi am feva al carèzi, dal volti l'am mitòiva una maèna sal ciapi de' cheul e l'am giòiva: “Cvèst l'è e' cheul di drì!”, pu l'am m'la mitòiva se' cudin e l'am giòiva darnov: “E cvèst l'è e' cheul davaènti!”.

L'era però la mi ma che piò da spès l'am feva e' bagn, la n'era cuntenta dla lavaèda ch'un deva la nòna, sgònda lì 't i gomit e 't al znòci u j era dla rogna, bsugneva ras-cè s'un pèz 'd còp, ch'è faèi al sfroighi e pu bsugneva faè uin presia si nò l'acva la sa giazeva e u j era ancòura e' mi fradèl da duvoi faèi e' bagn e ben che alòura a santimi rogg!

Sòura cla purticina 'd pròima, in caèv u j era tacaè un Santantoni sbiavoi e sobit sòta e' Calandaèri di Smembar, piò sò, scavaè 't e' meur, una spezi 'd altarin s'una madunòina d zès, duvò che la mi nòna l'ai zandòiva un artai 'd cla candòila benedèta ch'u s'avòiva lasè e' prit  cvant ch'l'era vneu a benedoi.

Cvèst però e capitaèva snò cvant che par caès la sòira una galòina l'an turnaèva 't e' pulaèr e, pròima d'andaès a lèt, la i giòiva ènca una curòuna 'd rusaèri pòsta ch'la fases arturnaè ch'l'animaèli, cio, e va tè a capoi e' misteri, mo la matòina la galòina la j era a ziré tònda caèsa.

Da nòun cunei, galòini, ovi, l'era ròbi ch'al na mancaèva mai, mo al n'era par nòun, snò par Pascva e Nadaèl i tireva e' còl m'una galòina e i scanaèva un cunei, j animeli i i tnòiva snò par purtaèi int un sach lighé me' manubrio dla  biciclèta, a vendi se' marcaè e' mert matòina a Savgnen par garavlaè du suld, u j andeva la mi ma e se la avòiva ciapaè ben, la avnoiva a caèsa sa dò sporti pini 'd ròbi ch'a i li vlòiva par caèsa, mo u j era ènca dal luvarì pr'i su burdel, ch'i la aspitaèva ma la funtaèna e i n'avdòiva l'òura ch'l'arves .

La j era deura la voita alòura, e' mi ba e feva e' mecanich dal biciclèti a Samaèvar e i suld ch'e ciapaèva i n'era sa gnenca par cumpraè al zigarèti, un po' ch'un s'arisgheva a dmandaèi, un po' che la zenta l'an gn'avòiva par pagaè, acsè i sgneva, pu i s' curdaèva e leu l'era sempra in peula.

S'l'andeva quaicadeun ch'e cnusòiva s'la biciclèta ròta, finoi 'd cundaèla, cvant che cvèst ui dmandaèva: “Cvant et da vòi Sivio?”, leu u j arspundòiva: “Mo sa vut daèm che t ci piò purèt ch'ne mè? Ta la j e 'na zigarèta?”.

Al ròbi piò bèli ch'a m'arcord de' su imstir, l'è staè un biciclitina ròssa ch'l'avòiva rimigié da eun ch'u la vlòiva vend mi strazer e ch'e invezi leu u la j avòiva mesa a pòst par mè, ènca se ancòura a n'avòiva imparaè a pedalaè, e pu i cuparteun ch'e purtaèva par la fugaròina int la sòira 'd san Jusèf.

(Continua)

La casa della mia famiglia (1)

Attaccata alla casa di Carola, moglie di Foschi, c'era la nostra, “nostra” per modo di dire, noi eravamo affittuari, il proprietario era Gianni Nucci, dopo la guerra le aveva dato una sistemata e la famiglia Maroni lì abitava, in sei, ammucchiati e stretti in due camere, una da letto dove ci dormivamo in quattro da quando era nato mio fratello e l'altra che era la cucina e la camera da letto dei miei due nonni Giuseppe e Agostina.

Muri anneriti dal fumo del camino, che da solo occupava mezza parete e che nelle giornate fredde di tramontana non si poteva accendere perché le folate del vento respingevano il fumo all'interno che poi ti toglieva il respiro e arrossava gli occhi.

La porta sul davanti, orientata verso la collina, era composta da due parti, dal di lì penetrava la poca luce del giorno, ma solo attraverso i vetri dalla parte di sinistra perché l'altra la tenevano sempre chiusa e con lo scuretto a coprire il vetro, così in quella cucina era quasi sempre buio, a mia nonna non piaceva troppo l'eccessivo chiarore, si lamentava che le dava fastidio agli occhi e gli altri in casa c'erano poco,  finché durava il giorno e c'era luce, erano intenti a lavorare qua e là. 

Quella mezza parte destra, me la ricordo aperta completamente solo quando, poco prima di Pasqua, veniva il prete a benedire, i giorni precedenti si erano effettuate le grandi pulizie e i bambini non dovevano entrare perché spandevano un olio sui mattoni del pavimento, grazie al quale assumevano un bel colore rosso che era un peccato camminarci sopra, ma non era il solo motivo per cui eravamo obbligati a stare all'esterno, è che in quei giorni arrivava la primavera, la buona stagione e si agiva come se dovessimo scrollarci di dosso le ruggini accumulate nell'inverno, allora si spalancavano tutte le aperture, porte e finestre, per far entrare in casa  quanta più aria possibile e si puliva tutto quel che c'era, ogni cosa doveva essere in ordine prima che don Luigi da San Mauro venisse a benedire, noi bambini in casa davamo fastidio, così ci facevano aspettare di fuori la fine dei lavori.

Nonna Agostina, donna assai pia e devota, del parroco aveva notevole  soggezione e il continuo timore che non rimanesse soddisfatto, per lei era come se venisse a dare un esame alla famiglia e allora bisognava fare in modo che ogni cosa fosse al meglio, quel giorno tutti dovevamo stare a casa ad attenderlo, lo faceva anche nonno Giuseppe, con un po' di bestemmie, ma senza farsi udire dalla moglie, non aveva voglia di litigare con lei, lo sapeva che poi si sarebbe lamentata per giorni e giorni.

Intanto sulla tavola avevano steso la tovaglia migliore che tiravano fuori dalla cassapanca solo per quella occasione e al centro c'era un cestino colmo di uova delle nostre galline da far benedire per poi consumarle lessate, la mattina di Pasqua insieme alla ciambella che mia mamma andava a preparare e cuocere nel forno a San Mauro.

Io allora non è che mi piacessero molto le uova sode, mi si appallottolavano in bocca e non riuscivo ad inghiottirle, ma con mia nonna non si ragionava, le mangiavamo senza fare tante storie e guai a buttare via i gusci, bisogna gettarli nel fuoco, altrimenti chissà quali disgrazie potevano accadere a chi non lo faceva e li buttava invece nell'immondizia qualsiasi.

Erano quelli anche i giorni in cui la nonna e mia mamma facevano il bucato dei lenzuoli usati nell'inverno e, se la stagione era buona, andavamo, anche con la presenza della nonna Adele, al fiume Rubicone, nei pressi dei Capanni, dove c'erano dei parenti degli Ambrosini, ma più spesso mi ricordo che il bucato lo facevano in casa in un grosso mastello e che usavano la cenere del camino per far diventare le lenzuola più pulite e bianche.

Nella cucina c'era un'altra porticina di legno che si apriva sul retro e che portava in quel che un tempo poteva essere una piccola stalla, i miei la usavano come ripostiglio per gli arnesi di lavoro: vanghe, badili, forche, picconi e per rifugiare gli animali, una stia di conigli e un po' di galline libere di girovagare qua e là e che depositavano le uova in una piccola greppia. Quello stalletto era anche il gabinetto per espletare i nostri bisogni, d'inverno c'era un freddo, ma un freddo che ti si gelava perfino il pistolino se non ti sbrigavi ad uscire.

Quando dovevamo fare il bagno d'inverno, e per fortuna che lo facevamo di rado, la mia mamma riempiva una mastella d'acqua calda davanti al camino acceso, a lavarmi io volevo sempre la nonna, mia mamma quando mi strofinava con le sue mani ruvide, lo faceva in fretta e mi faceva anche male, quelle della nonna invece mi accarezzavano, a volte mi metteva una mano sulle natiche e mi diceva: “Questo è il culo di dietro!”, poi me la metteva sul pistolino e mi diceva nuovamente: “E questo è il culo davanti!”.

Era però la mamma che più spesso mi faceva il bagno, non era contenta della lavata che mi dava la nonna, secondo il suo parere nei gomiti e nelle ginocchia c'era la “rogna”. Bisogna raschiare con un pezzo di coppo, altroché fare le carezze e poi bisognava fare alla svelta sennò l'acqua si raffreddava e c'era ancora mio fratello da dovergli fare il bagno e sì che allora si udivano le urla e i pianti!

Sulla quella porticina di cui si è detto righe sopra, in alto c'era appeso un Sant'Antonio sbiadito e subito sotto il Calendario degli Smembri, più su, scavato nel muro, una sorta di altarino con una Madonnina di gesso, dove mia nonna le accendeva un rimasuglio di quella candela benedetta che ci aveva lasciato il prete quando era venuto a benedire.

Ciò però accadeva solo nel caso in cui alla sera una gallina non fosse tornata al pollaio e, prima di coricarsi, recitava anche una corona di rosario affinché facesse ritornare quell'animale, ohi, e vai tu a capire i misteri, ma la mattina seguente la gallina era a gironzolare attorno casa.

Presso di noi, conigli, galline e uova non mancavano mai, ma non erano per il nostro consumo, solo per Pasqua o Natale tiravano il collo ad una gallina o scannavano un coniglio, gli animali li allevavano solamente per portarli, dentro un sacco legato al manubrio della bicicletta, a vendere il martedì mattina al mercato di Savignano per racimolare due soldi. Solitamente ci andava mia mamma e se aveva venduto bene, tornava con due sporte colme di cose necessarie per la casa, ma non mancavano anche dei dolciumi per i suoi figli, che l'attendevano presso la fontana e non vedevano l'ora che ritornasse.

Era dura la vita allora, mio babbo faceva il meccanico di biciclette a San Mauro e i soldi che guadagnava non erano neanche sufficienti per comprare le sigarette, un po' che non si arrischiava a chiederli, un po' che la gente non li aveva per pagare, così segnavano, poi si dimenticavano e lui era sempre al verde.

Se si presentava qualcuno di sua conoscenza con la bicicletta rotta, terminata la riparazione, quando questi gli chiedeva:“Quanto devi avere Silvio?”, lui gli rispondeva:“Ma cosa vuoi che ti chieda che sei più povero di me? Ce l'hai una sigaretta?”.

I ricordi più belli che conservo relativi al suo mestiere sono: una piccola bicicletta rossa che aveva rimediato da uno che la voleva vendere agli straccivendoli e che invece lui aveva sistemato per me, anche se ancora non avevo imparato a pedalare e i pneumatici che portava per alimentare la focarina nella sera di san Giuseppe.

(Continua)

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...