Sanmauropascolinews.it
Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

CVEI DE' GHÈT DLA VELAGRAPA
(QUELLI DEL GHETTO DELLA VILLAGRAPPA)

La caèsa di mi (2)

La caesa di mi
La voita d'una volta: e' rudaròin – La vita di una volta: l'arrotino.

La sòira dla fugaròina di zdòt 'd maèrz, us pò doi ch'e fos la fèsta de' ghèt, pena che è sòul l'era calaè, 't e' zil mèz scheur u sa vdòiva andaè a spas una mèza leuna insen se' starlòt cmè si fos ma e fiol, int al muntagni niri e paròiva ch'i zandes zantnaèra 'd furminint tot insen cmè leusi int un presepi.

U s'avdòiva da caèsa nòsta al fiambèli tarmaè, l'era cvèla l'òura 'd daè fugh ènca ma la nòsta fugaròina, tot i purtaèva cvaicosa par faèla piò granda: fasòini 'd stech, bali 'd paja, avenz 'd pudadeuri, cvalch zòch 'd legn, i mi zei i svuiteva un sach d'artai 'd pèla e sola da scaèrpi ch'j avòiva impinoi 't la fabrichèta 'd Finfo duvò ch'i lavuraèva tut deu, e' mi ba, invezi, e scargaèva i cuparteun vecc dal rodi dal biciclèti ch'l'avòiva tneu dacòunt 't la butighina duvò ch'e feva e' mecanich a Samaèvar. 

La zenta de' ghèt la j era tota a lè datònda, d'ògna taènt e pasaèva cvaicadeun in biciclèta e u sa farmaèva a faè dò ciacri e guardaè la fiamba ch'la spacaèva e' nir dla nòta che intaènt la j era calaèda sòura tot incvèl. Cmè ch'la j era nira la nòta alòura, u j era un scheur dimpartot che cvand ch'e mancaèva la leuna e e' zil l'era sgòmbar 'd novli, us putòiva vdòi una starlaèda fena duvò che l'òcc e putòiva rivé, stèli grandi, stèli znini, stèli ch'al feva i sprai e cvanti, cvanti ch'ui n'era a lasò dinaèlt!

U j era dal volti che mè e la mi ma e andimi 't e' scheur dla nòta a to e' lat dai cuntadòin 't i paraz ch'j avòiva al bes-ci e e' lat da vend, alòura e putòiva capitaè che intaènt ch'a fimi la straèda pr'avnois a caèsa, sòura 'd nòun a s'avdes un zil acsè starlaè ch'a ne sò se pu a l'ò vest dagl'j elti volti da grand, alòura la mi ma la s' farmaèva 't e' mèz dla viola e l'am sgneva s'un doid al stèli lasò d'inaèltl e la li ciamaèva par num, cvèla l'è la ciòza si pulsòin, cvèl l'è e' cara, cvèl l'è e' starlòt..., mè an sò ben da fat sèl ch'am panses alòura, mo se ancòura òzdè a ceud j occ e arpens ma chi mumoint um paèr da ès darnov a lè s'la mi ma a guardaè cla starlaèda e a zarcaè la ciòza e chi pulsòin tra cal lusini ch'an finoiva mai.

Intaènt la fugaròina, muceda s'la spònda dla fòsa, la j avòiva alzaè la fiamba e bsugneva sluntanaès un po' da e' fugh st'an t vlivi brusé la faza, alòura e vnoiva fura Tiglio, e' ba 'd Tolo, u s'avsineva mal dò-trè ragaztòini ch'a gl'j era datònda ma la fugaròina e ui giòiva un po' ridend e u po' seri: 

“Burdèli, nu ste dalongh da e' fugh che sinò e pasa san Jusèf se' pialèt!”.

“Sèl ch'e vo doi?”. Al dmandaèva curiòusi s' j occ sbaré.

“Cumò, a ne savòi che e' calòur dla fugaròina 'd san Jusèf e fa crès e' pèt?”.

Al ridoiva cal sbirini, mo a li ò vesti mè faè un pas avaènti vers al fiambi.

Cvant che la legna la steva par finoi 'd brusé, u j arvanzaèva snò i cuparteun 'd gòma ch'l'avòiva port e' mi ba a faè ancòura la fiamba, alòura e' mi zì Giulio l'ariveva s'un furcaè e ui tireva d'in'aèlt 't e' zil, ch'i feva taènt at cal lozli che la zenta ch'la steva d'avdòi la feva di gran “ooohh” 'd maraveja, cmè s'i fos mi fugh dla fèsta dla madòna. 

A la fòin de' spetacval, l'ariveva al nòni che par tot la dureda dla fugaròina agl'j era staèdi si scaldòin 't al maèni e adès al sa cuvaèva pr'impinoi al sori e to sò la braèsa e i carbeun ancòura zois da met 't i prit par scaldaè i let.

U j era però d'aspitaè ancòura un po' che Eugenio e saltes sòura la fugaròina ch'la steva par smurtaès, u n'era un gran saèlt, mo tot i i sbatòiva al maèni e acsè leu un feva un aènt.

A fèsta finoida, u s'arciapaèva la voita 'd tot i dè, a mandaè avaènti la carèta ma caèsa nòsta, u j a pansaèva la mi ma e e' mi nòn Fanòin, in laseva indrì gnent, j andeva a med, a bat, a vandmaè e duvò ch'u j era da faè quaicosa par ciapaè chi du suld, lòu i j era, fena che la mi ma la j andet a faè la tabachina ma la Tòra e ma caèsa u j era vaènz snò la mi nòna a badaè i du burdel, mo sa mè l'an feva una gran fadoiga, a s'era sempra in zoir tra i cantir o int un'aèra 'd cuntadòin.

Da la primavira e fena ai proim fred a mità setembar, andimi schilz e dimpartot, d'ògna taènt mu mè um s'infileva di spòin sòta i pì e im feva un maèl che dal volti andeva zòp, mo an vlòiva che la mi ma la mi caves parché lì la druvaèva un aègh e mè a pianzoiva snò a vdòil, alòura lì l'aspitaèva la nòta e ch'a m'indurmantes, e pu se' leun bas d'una loma a petroli, zeta, zeta la mi cavaèva eun a la volta, senza faès santoi.

Mè ò cnu sempra bazilé si pì, dal volti ch'a curoiva ma la straèda, um capitaèva 'd scapuzé se' didòun 't un sas e us spacaèva l'ongia, e' sangv e culaèva a funtanèla e zò a pienz sa di virs ch'is santoiva dimpartot cmè s'i scanes e' bagòin, pu una lavaèda s'l'acva frèsca dla funtaèna, una fasadeura a la bona se' fazulèt da naès e via darnov 'd cheursa.

'T l'atacadeura de' doid piò znin di pì u m'avnoiva da spès d'j arsoigh ch'i bruseva e im deva propi dan, alòura la mi nòna la sòira proima d'andaè a lèt, la mi zireva datònda un foil òunt s'l'oli d'uloiva e a la matòina am svigeva ch'a s'era guaroi.

Una volta u m'avnet un'infeziòun 't un garèt e e' pì us gunfiet 'd brot, u m'era vneu un marzirul zal ch'um batòiva cmè se 'd dròinta ui fos un martèl e e' maèl us feva santoi, andesmi alòura da la Marì 'd Pagni, una saènta dòna ch'la steva poch dalongh e ch'la j avòiva e' rimedi par tot i mel, snò lì la j avòiva la “foja grasa” par mandaèm vì e' maèl, l'am faset un impach sòura la piega intaènt ch'la biaseva dal prighiri strambi e la get ma la mi ma ch'am saria guaroi prèst e ben, invici l'era sempra pez, alòura la mi ma l'am purtet da e' dutòur a Samaèvar, ch'e det un'uceda me' pì e e get che bsugneva spitaè che s-ciupes e' marzirul e ch'ui vlòiva 'na pumaèda nira da stendi sòura e da to 't la farmacì.

Mo ste marzirul s'la tèsta zala e tnòiva bòta e la pumaèda l'an feva gnent, a m'arcord propi ben 'd che dè e de' patimòint, l'era 'na dmenga 'd setembar e a Samaèvar u j era la fèsta dla Madòna di sèt duleur, mè an feva che pienz spraè e al faset par tot e' dè sa madòs un maèl da bes-cia, u s'era fat nòta e a pianzoiva ancòura e un gn'era vers ch'a putes smet, e' mi nòn Fanòin um purtaèva a spas par l'aèra s'la cariola 'd legn e um sgneva s'un doid e' zil duvò che dalongh u s'avdòiva i fugh dla fèsta, mè an gn'avdòiva, a pianzoiva snò.

E' mi ba che dè l'era andaè in gita a Venezia, alòura la mi ma, ch'la n'un putòiva piò 'd santì pienz int che modi e' su burdèl, la mandet a sulòs-cia e' dutòr, la ciapet un aègh, l'al bagnet 't e' sperit e la m'l'infilet 't la peunta de' marzirul.

La materia la culaèva cmè 'na fiumena, poch mineud dòp mè a durmoiva senza piò maèl, i m'à det ch'ò durmoi par tot cla nòta e tot e' dè dòp e d'ògna taènt j avnoiva a vdòi sa s'era ancòura voiv.

(Continua)

La casa della mia famiglia (2)

La sera della focarina del diciotto marzo, si può affermare che fosse la festa del ghetto, appena che il sole era tramontato, nel cielo che si oscurava si vedeva passeggiare una mezza luna insieme a Vespero, la stella della sera, come se fossero madre e figlio, sulle nere colline sembrava stessero accendendo centinaia di fiammiferi nello stesso tempo come luci in un presepio.

Si vedevano da casa nostra le fiammelle tremolanti, era quella l'ora di accendere anche la nostra focarina, tutti portavano qualcosa per farla più grande: fascine di rami, balle di paglia, avanzi di potature, qualche ciocco di legna, i miei zii svuotavano sacchi di ritagli di pelle e di cuoio delle scarpe che avevano riempito nella fabbrichetta di Giovagnoli dove lavoravano entrambi, mio babbo, invece, scaricava gli usurati pneumatici delle ruote delle biciclette che aveva conservato nella botteguccia dove operava come meccanico a San Mauro.

La gente del ghetto era tutta lì attorno, di tanto in tanto transitava qualcuno in bicicletta e si fermava a fare due chiacchiere ed osservare le fiamme che rompevano il buio della notte che intanto era calato su ogni cosa.

Com'era nera la notte allora, c'era un buio tutto attorno che quando mancava la luna e il cielo era sgombro di nuvole, si poteva osservare una stellata fin dove l'occhio poteva arrivare, stelle grandi, stelle piccole, stelle splendenti di riflessi e quante, quante ce n'erano lassù in alto! 

C'erano delle volte che io e mia mamma andavamo nel buio della notte a prendere il latte dai contadini del luogo che avevano le bestie e il latte da vendere, allora poteva accadere  che intanto che percorrevamo la strada per venire a casa, sopra di noi apparisse un cielo così colmo di stelle che non so se l'ho rivisto ancora da adulto, all'improvviso mia mamma si fermava al centro della viola e mi indicava col dito le stelle lassù in alto e le nominava per nome, quella era la chioccia coi pulcini, quello il carro, quella Venere..., io non ricordo bene cosa pensassi allora, ma se ancora oggi chiudo gli occhi ripensando a quegli attimi, mi pare d'essere nuovamente lì con mia mamma ad osservare quella stellata e a cercare la chioccia e i pulcini tra quelle lucine che non avevano fine.

Intanto la focarina ammucchiata sulla riva della fossa, aveva alzato la fiamma e bisognava allontanarsi un po' dal fuoco se non volevi bruciarti la faccia, allora Attilio, il babbo di Vittorio, si avvicinava alle due-tre  ragazzine che erano attorno alla focarina e diceva loro un po' sorridendo e un po' serio:

“Bambine, non state lontane dal fuoco altrimenti passa san Giuseppe con la pialla!”.

“Cosa significa?”. Domandavano curiose con gli occhi spalancati.

“Come, non lo sapete che il calore della focarina di san Giuseppe fa crescere il seno?”

Ridevano quelle impertinenti, ma le ho viste io fare una passo verso la fiamma.

Quando la legna stava per terminare di ardere e a bruciare rimanevano solo i pneumatici di gomma che aveva portato mio babbo, allora mio zio Giulio giungeva con la forca e li gettava in alto nel cielo così che emettevano tanti lapilli che la gente che assisteva emetteva dei prolungati “ooohh” di meraviglia, come se esplodessero i fuochi artificiali della festa della madonna.

Al termine dello spettacolo, giungevano le nonne che per tutta la durata della focarina aveva tenuto lo scaldino in mano, ora si chinavano a riempire le suore di terracotta a raccogliere la brace e i carboni ardenti da inserire nel prete per riscaldare i letti. Erano però costrette ad attendere che Eugenio saltasse sopra la focarina che stava per spegnersi, non era un salto complicato, ma tutti applaudivano e così lui ne faceva un altro.

A festa terminata, si riprendeva la vita di tutti i giorni, a mandare avanti la carretta in casa nostra,  ci pensavano mia mamma e mio nonno Giuseppe, non tralasciavano niente, andavano a mietere, a trebbiare, a vendemmiare e dove c'era un qualche lavoro da eseguire per guadagnare quei due soldi, loro c'erano, fino a che mia madre andò a fare la tabacchina alla Torre e a casa rimaneva solo mia nonna a sorvegliare i due bambini, ma con me non doveva faticare tanto, ero sempre in giro per i campi o in un'aia di contadini.

Dalla primavera e fino ai primi freddi di metà settembre, andavamo scalzi e ovunque, a volte mi si infilavano degli spini sotto i piedi e mi procuravano dolore, tanto che spesso zoppicavo, ma non volevo che mia mamma me li togliesse perché lei usava un ago per farlo ed io piangevo al solo vederlo, allora lei attendeva la notte e che mi addormentassi, poi col lume fioco della lampada a petrolio, zitta, zitta, me li toglieva uno alla volta, senza farsi avvertire.

Io ho sempre dovuto soffrire per i piedi, delle volte che correvo per strada, mi capitava di inciampare col dito grosso in un sasso e mi si spaccava l'unghia, il sangue colava a fiotti e piangevo coi dei versi che si udivano ovunque come se scannassero il maiale, poi una sciacquata alla fontanella  con l'acqua fresca e una fasciatura alla buona col fazzoletto da naso e via nuovamente di corsa.

Nell'attaccatura del dito mignolo dei piedi mi venivano spesso delle ferite che bruciavano e mi davano un gran fastidio, allora mia nonna la sera prima di andare a letto le passava più volte attorno un filo intriso nell'olio d'oliva e al mattino mi svegliavo guarito.

Una volta presi un'infezione in un tallone e il piede si gonfiò di brutto, mi era spuntato un bubbone giallo che mi martellava come se all'interno ci fosse un martello e il male si faceva sentire, andammo allora da Maria Castellani, una santa donna che abitava poco lontano e che aveva il rimedio per tutti mali, solo lei possedeva la “foglia grassa” per la guarigione, mi  fece un impacco sopra la piaga intanto che recitava delle strane preghiere e alla fine disse a mia mamma che mi sarei guarito presto e bene, invece era sempre peggio, allora mia madre mi portò dal dottore a San Mauro, il quale dette un'occhiata al piede e disse che bisogna attendere che si aprisse il bubbone e che bisognava spalmargli sopra una pomata nera da prendere in farmacia.

Questo però resisteva e la pomata non produceva effetti, mi ricordo nitidamente di quel giorno e del patimento, era una domenica di settembre e a San Mauro c'era la festa della Madonna dei Sette Dolori, io non facevo altro che piangere disperato e lo feci per  tutto il giorno con addosso un dolore bestiale, si era fatta notte e piangevo ancora e non c'era verso di poter smettere, mio nonno Giuseppe mi portava a passeggio per l'aia con la carriola di legno e mi indicava con un dito il cielo in lontananza dove si intravvedevano i fuochi della festa, ma io non li guardavo, piangevo solamente. 

Mio babbo quel giorno era andato in gita a Venezia, allora mia mamma, che non ne poteva più di sentir piangere in quel modo il suo bambino, mandò a quel paese il dottore, prese un ago, lo intinse nell'alcol e mi infilò la punta nel bubbone. Il pus colava come una fiumana, pochi minuti dopo io dormivo senza più alcun dolore, mi hanno detto che ho dormito per tutta quella notte e per l'intero giorno successivo, di tanto in tanto venivano ad accertarsi che fossi ancora vivo.

(Continua)

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...