Sanmauropascolinews.it

San Mauro 2022 2023

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

LA FOLA DLA MI PALAVOLO
(LA FAVOLA DELLA MIA PALLAVOLO)

Sgònd an 
2010 – Ricevuti e premiati nella sala del Consiglio Comunale dal sindaco Miro Gori per la promozione in serie “C”.
 
 
Sgònd an e me' terz la j era zà finoida
 

E' campiunaè l'andet avaènti a la ben e mèi, dal volti a vanzimi,

mo la nuvità la s'era un bèl po' sgòunfia e piò da spès a pardimi,

a vnoi avdòi al partoidi u j era sempra maènca zenta,

e dal volti zà a rimigié sì-sèt zugadeur l'era una stenta.

Andimi in trasferta s'la sita, mo la era svuita, a simi da par nòun,

una volta a Lugh l'era vnu Mimmo, e' piò braèv 'd quant ch'avivi snò un palòun,

l'era in tribuna da par leu a staè d'avdòi una partidaza

duvò che l'arbitro u li fis-ceva snò còuntra 'd nòun cmè s'a fosmi d'un'aènta raza.

A un zert peunt dòp una foila 'd fis-cedi toti a favòur 'd chilt, propi da ròmp i mareun,

u s'avdet Mimmo s-cend da l'aèlt, avsines ma l'arbitro e tirel pr'i calzeun:

“Arbitro”, ui get vòird 't la faza da la tegna, “ma si può sapere cosa fai?”.

“Ma chi è costui?”, e ruget l'arbitro spavantaè, “Allontanatelo o sono guai!”.

In primavira Tokio us rumpet una caveja e pr'un mòis un zughet,

Gedeone, un slungagnòun sa poch moscval, e' su pòst e ciapet,

an gn'avimi nisona stòima, mo int la pròima partoida che faset a Faenza

us po' doi ch'e vinzet da par leu, mo cma avemi fat fena a lè a faè senza?

Un sbajeva una pala, a meur u li ciapaèva toti, e s-ciazaèva da tot al pusiziòun

e sempra e feva e' peunt, un fenomeno mai vest, l'era spunté un campiòun!

Sèl ch'l'aves bbeu cla matòina a claziòun a ne savrem mai

parchè e' puròin un gn'è piò, mo int cla partoida e faset i sprai.

E fot che mumòint e' mèi dla su carira spurtoiva, dòp a quèl sempra piò maèl,

fena che Amleto ul tulet zò parchè un gn'incicaèva 't e' palòun, l'era turnaè nurmaèl.

L'an dòp i suld da spend j era puch e alòura us fa senza alenadòur da adès,

Amleto da la pasiòun l'avnoiva guasi par gnent, mo l'era tròp distès,

acsè tota ròba fata int caèsa, Miro e feva l'alzadòur, e' capitaèn e l'alenadòur,

chilt tot 'd Samaèvar e pò l'ès par quèst che a Savgnen u j avnet un po' 'd scadòur,

e doi ch'a vanzimi e' piò dal partoidi, mo un sabat sòira a Bagnacaval

e' s'ciupet la bagòina, a zughimi da chen, i sbai in s'cuntaèva e la difòisa l'era un val;

e pu Miro l'aèlza una pala curta ma Fotto che e ciapa una rincheursa da curidòur

e cmè un camio e fines de' caènt 'd là sòura la caveja d'un zugadòur,

us ciamaèva Carrese, um paèr, l'avòiva zughé in “B”, quèla e fot la su eultma partoida

parchè la caveja la era ròta 'd brot e la i feva maèl, la su carira la j era finoida.

Mo gnenca acsè a vanzesmi e quant che i nost j andeva a tèsta basa a faè la dòza,

us santoiva Fafone, s'j occ fura la tèsta, a faè di gran rogg s'la vòusa ciòza:

“Che vergogna, era meglio se i soldi li davo agli orfanelli del don Baronio!”.

E fot quèl e' pròim segn che al ròbi al cambieva, l'antraèva in crisi il matrimonio.

A s'arciapesmi però e a la fòin a simi proim a paèra peunt s'e' Tagiuri 'd Ravena

e gnenca a faèl a pòsta l'eutma partoida l'era sa lòu int caèsa su, un'ènta pena.

E vnet prinfena Telerubicone a faè al ripròisi, mo u ni fot gnent da faè,

a pardesmi tre a zero nèt e s-cèt e quèl e fot e' prinzoipi dla fòin e tot e finet a lè.

La delusiòun la s'faset santoi sobit, un pu i s'era smaruné,

Galoppo e giòiva ch'u n'avòiva piò temp parchè l'avòiva da studié,

Tokio e vlòiva andaè 't e' Znatich par putòi zughé in piò èlti categorì

e Fafone par daè un s-ciaf muraèl ma Gianni, u j e rigalet senza faès daè gnent indrì.

“I mèi i s' n'in va, i suld in gn'è, la pasiòun la cala e tè t ve a faè i rigal mi sgneur?

 Un s'fa acsè, sa vlem andaè avaènti ui vo una nuvità: un paèra 'd bun zugadeur,

 sinò bsògna zarcaè un nov alenadòur sburòun o la squaèdra st'an l'an s' fa!”.

Quèst a j avòiva det ma Fafone, mo leu um get che i suld a dispusiziòun i n'era sa.

Mè alòura am tiret fura parchè al savòiva che a turnaè indrì niseun u la manda zò,

e acsè cvant che fot òura d'arciapaè i laveur, la squaèdra l'an gn'era piò.

 
Secondo anno e al terzo era già finita
 

Il campionato andò avanti alla bene e meglio, delle volte vincevamo,

ma la novità si era un bel po' sgonfiata e più spesso perdevamo,

a venire a vedere le partite c'era sempre meno gente,

e delle volte mettere insieme sei-sette giocatori era una stenta.

Andavamo in trasferta col pullman vuoto, eravamo da soli e senza confusione,

una volta a Lugo era venuto Mimmo, il più bravo di quando c'era un solo pallone,

era in tribuna da solo a stare a vedere una partitaccia

dove l'arbitro fischiava solo contro di noi come se avessimo una brutta  faccia.

Ad un certo punto, dopo tanti fischi a favore degli altri, proprio da rompere i maroni,

si vide Mimmo scendere dall'alto, avvicinarsi all'arbitro e tirarlo per i pantaloni:

“Arbitro”, gli disse verde in faccia dalla rabbia, “ma si può sapere cosa fai?”.

“Ma chi è costui?”, gridò l'arbitro spaventato, “Allontanatelo o sono guai!”.

In primavera Tokio si ruppe una caviglia e per un mese non giocò,

Gedeone, uno lungo con pochi muscoli, gli subentrò,

non avevamo nessuna stima in lui, ma nella prima partita che fece a Faenza

si può dire che vinse da solo, ma come abbiamo fatto fin lì a fare senza?

Non sbagliava nulla, a muro le prendeva tutte, schiacciava da qualsiasi posizione

e sempre faceva punto, un fenomeno mai visto prima, era spuntato un campione!

Cosa avesse bevuto quella mattina a colazione non lo sapremo mai

perché il poverino non c'è più, ma in quella partita fece cose di cui più mi scordai.

Fu quello il momento migliore della sua carriera sportiva, dopo di male in male,

finché Amleto lo tolse perché non ci prendeva nel pallone, era tornato normale.

L'anno dopo, soldi da spendere erano pochi e allora si fa senza allenatore da adesso,

Amleto dalla passione veniva quasi per niente, ma era troppo lo stesso,

così tutta roba fatta in casa, Miro faceva l'alzatore, il capitano e l'allenatore,

ora tutti sammauresi e forse per questo che a Savignano si diffuse un po' di pizzicore,

e dire che vincevamo il più delle partite, ma un sabato sera a Bagnacavallo

scoppiò il bubbone, giocavamo da cani, errori infiniti e la difesa  sempre in fallo;

poi Miro alza una palla corta a Fotto che prende una rincorsa da corridore

e come un Tir finisce dall'altra parte sopra la caviglia di un giocatore,

si chiamava Carrese, mi pare, aveva giocato in “B”, fu quella la sua ultima partita

perché la caviglia si era rotta di brutto e gli faceva male, la sua carriera era finita.

Neanche così vincemmo e quando i nostri andavano a testa bassa a fare la doccia,

si sentiva Fafone, con gli occhi fuori dalle orbite, fare degli urli con voce chioccia:

“Che vergogna, era meglio se i soldi li davo agli orfanelli del don Baronio!”.

Fu quello il primo segnale che le cose cambiavano, entrava in crisi il matrimonio.

Ci riprendemmo però e alla fine eravamo col Tagiuri di Ravenna primi a pari punti,

quasi a farlo apposta, l'ultima partita era contro di loro in casa sua, altri tormenti.

Venne persino Telerubicone a fare le riprese, ma non ci fu niente da fare,

perdemmo tre a zero netto e schietto e quello fu l'inizio dell'atto finale .

La delusione si fece sentire subito, alcuni si erano del tutto stancati,

Galoppo diceva che non aveva più tempo, doveva recuperare gli studi rinviati,

Tokio voleva andare a Cesenatico per poter giocare per più importanti vittorie

e Fafone per dare uno schiaffo morale a Gianni, glielo regalò senza fare storie,

“I migliori cessano, i soldi mancano, la passione cala e tu fai regali ai signori?

Non si fa così, ora per continuare ci vuole una novità: un paio di buoni giocatori,

e bisogna cercare un nuovo allenatore in gamba o la squadra quest'anno non c'è!”.

Questo proposi a Fafone, ma lui mi disse che i soldi erano pochi e senza un perché.

Io allora mi tirai fuori, lo sapevo che di fare passi indietro nessuno lo manda giù,

e così quando fu ora di riprendere i lavori, la squadra non c'era più.

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...