Sanmauropascolinews.it

San Mauro 2022 2023

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

LA FOLA DLA MI PALAVOLO
(LA FAVOLA DELLA MIA PALLAVOLO)

E nas la Pallavolo San Mauro Pascoli min 
2010 – Festa per la promozione in serie “C” con giocatori, allenatori, dirigenti, sponsor, amici e autorità civili.
 
 
E nas la “Pallavolo San Mauro Pascoli”
 

L'inveran senza la palavolo e paròiva ch'un pases mai, an s' putòiva faè senza,

e acsè pena ch'l'arivet la primavira a mandet 't al scoli medi un'avertenza,

coi ch'e vlòiva imparaè a zughé a palavolo e putòiva vnoi in palèstra e' dòpmezdè,

un s' spandòiva gnent e a insgné cmè ch'us feva, a j à pansaèva mè.

Al trè 'd cla zurnaèda u s'n'un prasantet 'na faganaèra, avòiva bsògn d'una maèna,

a ciamet alòura un po' 'd zugadeur 'd pròima par dò volti a la stmaèna,

u j era da insgné i fundamentel ma di burdlet che in gran paèrta i n'avòiva e' vers,

l'era tot i schert de' palòun e j era a cvè parchè i pansaèva che fos tot divers,

pu i s'n'infet che la palavolo la era piò cumplicaèda e u n'era par lòu e' sport giost,

i laset perd e ènca quei ch'im deva una maèna i s'era stof, in gn'avòiva piò gost.

Cvei ch'j era vènz i n'era però da buté vì e a forza d'insest us rimigiet una scvadrèta,

la n'era maèl la pròima “Pallavolo San Mauro Pascoli”, e u n'era una mèza rubèta,

arivesmi a faè la finaèla pruvinciela de' campiunaè “Ragazzi” dla federaziòun,

mè a s'era cunvoint che se a Samaèvar t piantivi un fasol e spunteva un campiòun.

A la zughesmi int una palistrina 'd Cesòina e còuntra e' Znatich, chi spacamareun,

e paròiva che par nòun u n'i fos speraènza, cmè e' sòlit, lòu l'era di gran stangheun,

invezi a vinzesmi e' pròim sèt s'una facilità da faè impresiòun, un gn'era partoida.

't e' sgònd al ròbi an cambieva, a simi padreun e sa puch sfurz a la putimi faè finoida.

E paròiva tot acsè giòival che i nost i cmizet a faè i sburunzet cmè s'j aves zà vòint,

i sbajeva e i ridoiva, òs-cia quèsta mo na, a ciamet un temp ch'an s'era cunvòint

e cvant ch'im fot datònda a m'incazet: “Guardé che s'andé avaènti acsè a la pardoi!”.

Ou, in m'à cardeu e j è andaè avaènti a roid e scarzé e ch'ilt a daèi 'd dròinta da muroi,

i s'avòiva ciap, ò dmand alòura e' sgònd temp e ai ragnet 'd brot, cio as simi inguaié,

mo u ni fot piò gnent da faè, chilt j avòiva trov grinta e fidocia e i s'era arciapé.

I nost  j avòiva pers la sicurèza e in feva che sbajè e acsè 't la bèla u ni fot storia,

impalé cmè staètui 'd maèrmal, fazi sbiavoidi, i s'era aviloi, acsè ma chilt la vitoria.

Òs-cia, a partoida finoida in s'la ciapet sa mè? Sgònd a lòu, an gn'avòiva da doi gnent,

a j avòiva port sfiga, sa i vut faè, la è cminzeda acsè la mi carira da president.

Nòun a n'avimi eun longh, Massimo 'd Zanzaèni, Gianni us get ch'l'avòiva di nomar,

sa zòinqu paleun e zentzinquaènta mèla fraènch l'era e su, mè al laset lebar.

 
Nasce la “Pallavolo San Mauro Pascoli”
 

L'inverno senza la pallavolo sembrava non finisse mai, non potevo fare senza

e così appena giunse la primavera inviai nelle scuole medie un'avvertenza,

chi voleva imparare a giocare a pallavolo poteva venire in palestra nel pomeriggio,

non si pagava niente, ad insegnare come si praticava c'ero io per l'inizio del viaggio.

Alle tre di quella giornata se ne presentarono tantissimi, mi serviva una mano,

chiamai un po' di giocatori di prima per due volte alla settimana o era tutto vano,

c'era da insegnare i fondamentali a dei ragazzetti che i più non avevano il verso,

erano tutti scarti del calcio ed erano qui perché pensavano fosse tutto diverso,

poi si accorsero che la pallavolo era complicata e non era per loro lo sport giusto,

si ritirarono e anche quelli che mi aiutavano, erano stufi, non c'era più più gusto.

I rimasti non erano però da buttare e a forza di insistere si rimediò una squadretta,

non era male per niente, la prima “Pallavolo S.Mauro P.”, e non era una calzetta,

arrivammo a fare la finale provinciale del campionato “Ragazzi” della Federazione,

io ero convinto che se a San Mauro piantavi un fagiolo, spuntava un campione.

La giocammo in una palestra di Cesena contro il Cesenatico, quegli spaccamaroni,

sembrava che per noi non ci fosse speranza, come al solito erano dei lungagnoni,

invece vincemmo il primo set con una facilità da fare impressione, non c'era partita,

nel secondo nulla mutava, eravamo padroni e con pochi sforzi poteva essere finita.

Era così facile che i nostri iniziarono a fare i fenomeni come se avessero già vinto,

sbagliavano e ridevano, ostia questo no, chiamai un tempo perché non ero convinto,

una volta attorno li sgridai: “Guardate che se continuate così  perdete l'incontro!”.

Non mi hanno creduto, ma continuato a ridere e scherzare e gli altri a darci dentro,

ci avevano raggiunti, ho chiesto un altro tempo perché c'eravamo inguaiati,

non ci fu più niente da fare, gli altri avevano trovato la grinta e si erano svegliati.

I nostri non avevano fiducia, non facevano che sbagliare, nella bella non ci fu storia,

fermi come statue di marmo, i volti smarriti, si erano avviliti, agli altri la vittoria.

Curiosamente a partita finita se la presero con me, per loro non dovevo dire niente,

avevo portato sfiga, cosa ci vuoi fare, è iniziata così la mia carriera da presidente.

Noi ne avevamo uno lungo, Massimo Zanzani, Gianni si accorse che ci sapeva fare,

con cinque palloni e centocinquantamila lire era suo, io lo lasciai andare.

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...