Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

LA FOLA DLA MI PALAVOLO
(LA FAVOLA DELLA MIA PALLAVOLO)

Prima in D e poi in C 
2014 – La formazione all'inizio del Campionato di serie “C”
 
 

Pròima in “D” e pu in “C”

La sede dla società la j era int la saèla dla mi caèsa, a lè a fimi al riuniòun,

ògna taènt a s'ardusimi e tra amni, bageg e una bera frèsca, a ciapimi al decisiòun,

la situaziòun la n'era maèl, avimi un bèl palazèt, sponsor ch'i s'aiuteva,

poblich sempra piò numeròus a vdòi al partoidi, insòma al ròbi al fileva,

i zugadeur j era guasi tot de' pajòis, mo a doila tota i n'era un granchè,

a j avimi stoi cmè di sgneur: tuta, maja, calzeun e bòursa, mo u j era poch da speraè,

insòma, par faèla curta un sa mancaèva gnent, avimi mes sò una bona società,

snò la scvaèdra la era da migliuraè, mo a simi sicheur che pròima o dòp la s' farà.

Dal beghi ui n'era distès, tot i vlòiva e' pòst in scvaèdra e s't'ai tnivi zò

o t'ai mitivi in panchina un paèra 'd volti, i s'la ciapaèva e i n'avnoiva piò.

E pu un gn'andeva ben gnent, j avòiva da doi sòura incvèl, i saltaèva j alenamoint,

schers i risulté, insòma  u j era poch da faè, bsugneva faè di cambiamoint.

E acsè ògni an la scvaèdra la era diversa e di zugadeur u s'n'un cambieva piò dla mità.

ui n'era ch'j avnoiva e ui n'era ch'i s'n'andeva, e ènca j alenadeur l'era dal nuvità.

La società però la carsòiva sempra 'd piò, us cminzeva  a vdòi cvaèlch risultaè,

e 't e' dòmela e sì a mitesmi sò la scvaèdra dal dòni ch'l'an gn'era mai staèda a cvè.

Cl'an, s'un po' 'd pastroc, da una scvaèdra dl'Emilia a cumpresmi un pòst in serie “D”,

a carsimi 'd graèd e d'ambiziòun, mo mè a cminzeva a tirem un po' piò indrì.

'T e' zoir 'd du-trì an avimi mes sò una bèla scvaèdra e 't e' dòmela e dis, e' miraècval,

a vanzesmi tot al partoidi de' ziròun 'd ritòuran e dimpartot a dimi spetacval.

Arivesmi a faè i play off pr'andaè in “C”, mo a simi cunvoint ch'u ni fos gnent da faè,

mo fat fura senza patoi un scvaèdra dl'Emilia, andesmi a Bulògna pr'un gran risultaè.

Che cuntantèza cvant che a San Lazar a vanzesmi la finaèla e andesmi in “C”,

a m'arcord che fat l'eutum peunt dla vitoria, tot 't e' caèmp a faè fèsta e casòin pursì,

matèra u j era un telefunin che tot i i deva chelz 'd dròinta senza dmandaès e' parchè,

fena a che una braèva ragaza bulgnòisa l'ai dmandet ma Moreno ch'l'era drì mè:

“L'avete perso voi questo telefonino che tutti scalciano continuamente?”. 

E leu: “Noi siamo di San Mauro e non perdiamo niente, vinciamo solamente!”.

Pu us mitet al maèni 't al bazcozì, us tastet e e faset un rogg disperaè:

“Mo pòrca putaèna, l'è e' mi, valà bota a cvè!”.

Finoi al fèsti par la promuziòun che niseun l'avòiva mes acsè prèst 't e' còunt,

bsugneva pansaè a faè la scvaèdra par la nova categorì, mo quèst l'è un aènt racòunt.

Énca al ragazi al feva di risulté strambalé, in poch an agl'j era rivati ma la “D”,

e du an dòp, vanzend tot al partoidi de' campiunaè, al fot promòsi in “C”.

Mè avòiva deciois 'd faè un pas indrì, u j era da badaè m'un sach 'd cvis-ciòun,

tròpi beghi e tròpa zenta da tnì d'òcc, mè a s'era d'un'aènta generaziòun,

a n'avòiva gnenca e' telefunin e an cnusòiva piò gnenca i zugadeur, se acsè us pò doi,

e alòura, senza faè tent brèti un bèl dè a j ò det: “Burdel, e' mi temp l'è finoi,

mè da adès av dagh una maèna par cvel ch'a pòs faè, avaènz 't la società,

la pasiòun l'an m'è ancòura pasa, mo an voi piò impegn e responsabilità!”.

Prima in “D” e poi in “C”

La sede della società era nella sala di casa mia, lì facevamo le riunioni,

ci radunavamo e tra semi, arachidi e una birra fresca, prendevamo le decisioni,

la situazione non era male, avevamo un bel palazzetto, sponsor che ci aiutavano,

pubblico sempre più numeroso a vedere le partite, insomma le cose filavano,

i giocatori erano quasi tutti del paese, ma in verità non erano di grande spessore,

vestiti come dei signori: tuta, maglia, calzoni e borsa, ma era poco il loro valore,

insomma, per farla breve non ci mancava niente, aveva costruito una buona società,

solo la squadra era da migliorare, ma eravamo certi che prima o poi si farà.

Di beghe ce n'erano lo stesso, tutti volevano il posto in squadra e se li tenevi giù

o li lasciavi in panchina un paio di volte, se la prendevano e non venivano più.

E poi non andava bene niente, avevano da dire su tutto, saltavano gli allenamenti,

scarsi i risultati, insomma c'era poco da fare, servivano continui cambiamenti.

E così ogni anno la squadra era diversa e di giocatori ne cambiavamo una metà,

c'era chi veniva e c'era chi se ne andava, e gli allenatori erano spesso delle novità.

La società sportiva però cresceva e si iniziava a vedere qualche risultato,

e nel duemilasei formammo la squadra femminile che qui mai era stato pensato.

Quell'anno, con un po' di trattative, comprammo la “D” da una squadra dell'Emilia,

aumentammo di grado e di ambizioni, ma io iniziavo a perdere un po' la voglia.

In pochi anni avevamo messo su una bella squadra e nel duemiladieci: il miracolo,

vincemmo tutte le partite del girone di ritorno e ovunque davamo spettacolo.

Arrivammo ai play off per andare in “C”, convinti però che vincere fosse esagerato,

ma superata facilmente una squadra emiliana, via a Bologna per il grande risultato.

Che gioia quando  vincemmo la finale e andammo in “C” senza alcun aiutino,

ricordo che dopo l'ultimo punto della vittoria, tutti in campo a fare festa e casino,

per terra c'era un telefonino che tutti calciavano senza chiedersi il perché,

fino a che una ragazza bolognese chiese a Moreno, un amico che era vicino a me:

“L'avete perso voi questo telefonino che tutti scalciano continuamente?”.

E lui: “Noi siamo di San Mauro e non perdiamo niente, vinciamo solamente!”.

Poi si mise una mano in tasca, si tastò e lanciò un urlo disperato:

“Ma porca puttana, è il mio, valà per fortuna l'ho recuperato!”.

Terminate le feste per la promozione che nessuno aveva messo così presto nel conto,

bisognava fare la squadra per la nuova categoria, ma questo è un altro racconto.

Anche le ragazze facevano dei risultati ottimi, in pochi anni erano arrivati alla “D”,

e due anni dopo, vincendo tutte le partite del campionato, furono promosse in “C”.

Io avevo deciso di fare un passo indietro, c'era da affrontare un sacco di questioni,

troppe beghe e troppa gente da tenere d'occhio, io ero di altre generazioni,

non avevo neanche il telefonino e non conoscevo neanche i giocatori, per così dire,

e senza fare tante storie un bel giorno ho detto:“Ragazzi, il mio tempo sta per finire,

io da adesso vi do una mano per ciò che posso fare, rimango nella società,

la passione non mi è ancora scemata, ma non voglio più impegni e responsabilità!”.

Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

Guerra alle mosche!

Pubblicato il 26.09.2022 - Categoria: Vignette

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI

 

di Piero Maroni  

LA FOLA DLA MI PALAVOLO
(LA FAVOLA DELLA MIA PALLAVOLO)

Prima in D e poi in C 
2014 – La formazione all'inizio del Campionato di serie “C”
 
 

Pròima in “D” e pu in “C”

La sede dla società la j era int la saèla dla mi caèsa, a lè a fimi al riuniòun,

ògna taènt a s'ardusimi e tra amni, bageg e una bera frèsca, a ciapimi al decisiòun,

la situaziòun la n'era maèl, avimi un bèl palazèt, sponsor ch'i s'aiuteva,

poblich sempra piò numeròus a vdòi al partoidi, insòma al ròbi al fileva,

i zugadeur j era guasi tot de' pajòis, mo a doila tota i n'era un granchè,

a j avimi stoi cmè di sgneur: tuta, maja, calzeun e bòursa, mo u j era poch da speraè,

insòma, par faèla curta un sa mancaèva gnent, avimi mes sò una bona società,

snò la scvaèdra la era da migliuraè, mo a simi sicheur che pròima o dòp la s' farà.

Dal beghi ui n'era distès, tot i vlòiva e' pòst in scvaèdra e s't'ai tnivi zò

o t'ai mitivi in panchina un paèra 'd volti, i s'la ciapaèva e i n'avnoiva piò.

E pu un gn'andeva ben gnent, j avòiva da doi sòura incvèl, i saltaèva j alenamoint,

schers i risulté, insòma  u j era poch da faè, bsugneva faè di cambiamoint.

E acsè ògni an la scvaèdra la era diversa e di zugadeur u s'n'un cambieva piò dla mità.

ui n'era ch'j avnoiva e ui n'era ch'i s'n'andeva, e ènca j alenadeur l'era dal nuvità.

La società però la carsòiva sempra 'd piò, us cminzeva  a vdòi cvaèlch risultaè,

e 't e' dòmela e sì a mitesmi sò la scvaèdra dal dòni ch'l'an gn'era mai staèda a cvè.

Cl'an, s'un po' 'd pastroc, da una scvaèdra dl'Emilia a cumpresmi un pòst in serie “D”,

a carsimi 'd graèd e d'ambiziòun, mo mè a cminzeva a tirem un po' piò indrì.

'T e' zoir 'd du-trì an avimi mes sò una bèla scvaèdra e 't e' dòmela e dis, e' miraècval,

a vanzesmi tot al partoidi de' ziròun 'd ritòuran e dimpartot a dimi spetacval.

Arivesmi a faè i play off pr'andaè in “C”, mo a simi cunvoint ch'u ni fos gnent da faè,

mo fat fura senza patoi un scvaèdra dl'Emilia, andesmi a Bulògna pr'un gran risultaè.

Che cuntantèza cvant che a San Lazar a vanzesmi la finaèla e andesmi in “C”,

a m'arcord che fat l'eutum peunt dla vitoria, tot 't e' caèmp a faè fèsta e casòin pursì,

matèra u j era un telefunin che tot i i deva chelz 'd dròinta senza dmandaès e' parchè,

fena a che una braèva ragaza bulgnòisa l'ai dmandet ma Moreno ch'l'era drì mè:

“L'avete perso voi questo telefonino che tutti scalciano continuamente?”. 

E leu: “Noi siamo di San Mauro e non perdiamo niente, vinciamo solamente!”.

Pu us mitet al maèni 't al bazcozì, us tastet e e faset un rogg disperaè:

“Mo pòrca putaèna, l'è e' mi, valà bota a cvè!”.

Finoi al fèsti par la promuziòun che niseun l'avòiva mes acsè prèst 't e' còunt,

bsugneva pansaè a faè la scvaèdra par la nova categorì, mo quèst l'è un aènt racòunt.

Énca al ragazi al feva di risulté strambalé, in poch an agl'j era rivati ma la “D”,

e du an dòp, vanzend tot al partoidi de' campiunaè, al fot promòsi in “C”.

Mè avòiva deciois 'd faè un pas indrì, u j era da badaè m'un sach 'd cvis-ciòun,

tròpi beghi e tròpa zenta da tnì d'òcc, mè a s'era d'un'aènta generaziòun,

a n'avòiva gnenca e' telefunin e an cnusòiva piò gnenca i zugadeur, se acsè us pò doi,

e alòura, senza faè tent brèti un bèl dè a j ò det: “Burdel, e' mi temp l'è finoi,

mè da adès av dagh una maèna par cvel ch'a pòs faè, avaènz 't la società,

la pasiòun l'an m'è ancòura pasa, mo an voi piò impegn e responsabilità!”.

Prima in “D” e poi in “C”

La sede della società era nella sala di casa mia, lì facevamo le riunioni,

ci radunavamo e tra semi, arachidi e una birra fresca, prendevamo le decisioni,

la situazione non era male, avevamo un bel palazzetto, sponsor che ci aiutavano,

pubblico sempre più numeroso a vedere le partite, insomma le cose filavano,

i giocatori erano quasi tutti del paese, ma in verità non erano di grande spessore,

vestiti come dei signori: tuta, maglia, calzoni e borsa, ma era poco il loro valore,

insomma, per farla breve non ci mancava niente, aveva costruito una buona società,

solo la squadra era da migliorare, ma eravamo certi che prima o poi si farà.

Di beghe ce n'erano lo stesso, tutti volevano il posto in squadra e se li tenevi giù

o li lasciavi in panchina un paio di volte, se la prendevano e non venivano più.

E poi non andava bene niente, avevano da dire su tutto, saltavano gli allenamenti,

scarsi i risultati, insomma c'era poco da fare, servivano continui cambiamenti.

E così ogni anno la squadra era diversa e di giocatori ne cambiavamo una metà,

c'era chi veniva e c'era chi se ne andava, e gli allenatori erano spesso delle novità.

La società sportiva però cresceva e si iniziava a vedere qualche risultato,

e nel duemilasei formammo la squadra femminile che qui mai era stato pensato.

Quell'anno, con un po' di trattative, comprammo la “D” da una squadra dell'Emilia,

aumentammo di grado e di ambizioni, ma io iniziavo a perdere un po' la voglia.

In pochi anni avevamo messo su una bella squadra e nel duemiladieci: il miracolo,

vincemmo tutte le partite del girone di ritorno e ovunque davamo spettacolo.

Arrivammo ai play off per andare in “C”, convinti però che vincere fosse esagerato,

ma superata facilmente una squadra emiliana, via a Bologna per il grande risultato.

Che gioia quando  vincemmo la finale e andammo in “C” senza alcun aiutino,

ricordo che dopo l'ultimo punto della vittoria, tutti in campo a fare festa e casino,

per terra c'era un telefonino che tutti calciavano senza chiedersi il perché,

fino a che una ragazza bolognese chiese a Moreno, un amico che era vicino a me:

“L'avete perso voi questo telefonino che tutti scalciano continuamente?”.

E lui: “Noi siamo di San Mauro e non perdiamo niente, vinciamo solamente!”.

Poi si mise una mano in tasca, si tastò e lanciò un urlo disperato:

“Ma porca puttana, è il mio, valà per fortuna l'ho recuperato!”.

Terminate le feste per la promozione che nessuno aveva messo così presto nel conto,

bisognava fare la squadra per la nuova categoria, ma questo è un altro racconto.

Anche le ragazze facevano dei risultati ottimi, in pochi anni erano arrivati alla “D”,

e due anni dopo, vincendo tutte le partite del campionato, furono promosse in “C”.

Io avevo deciso di fare un passo indietro, c'era da affrontare un sacco di questioni,

troppe beghe e troppa gente da tenere d'occhio, io ero di altre generazioni,

non avevo neanche il telefonino e non conoscevo neanche i giocatori, per così dire,

e senza fare tante storie un bel giorno ho detto:“Ragazzi, il mio tempo sta per finire,

io da adesso vi do una mano per ciò che posso fare, rimango nella società,

la passione non mi è ancora scemata, ma non voglio più impegni e responsabilità!”.

Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI