Sanmauropascolinews.it

San Mauro 2022 2023

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

DALL' ALBUM DI FAMIGLIA

Ma la machina da bat
1946 - (Ma la machina da bat). Alla trebbiatrice, mia madre era di otto mesi ma non poteva rinunciare a quel lavoro, nella foto è al centro del pagliaio col viso che appare tra i due denti della forca di legno e il fazzoletto in testa. C'era anche mio nonno, ma restio ad esporsi e basso di statura se ne stava dietro gli altri e pertanto non è riconoscibile.

Ancòura buraschi

Mo piò u s’andaèva avaènti e più l’era fadoiga a campaè int che pzulin ‘d tèra,

acsè j andet a staè 't un casèt 't la Velagrapa poch pròima che scupies la sgònda guèra.

Sploi e’ fasoisum, pasaèda ènca sta burasca, un po’ ‘d temp par liches al feroidi

e  pu darnov a insticaès 't la voita parchè al beghi al n’era moiga finoidi.

Adès Fanòin e lavuraèva a ovra 't i fond dla Tòra, che e’ da faè a là u na mancaèva,

e qualch sold ‘d piò us cminzeva a vdòi e quaicosa a caèsa us purtaèva.

E’ fiul, turnaè da e’ suldaè, u s’era fat la muròusa, la era gròsa e us cnet spusaè,

acsè la caèsa la dvantaèva sempra piò strèta e un gn’era e’ pòst da staè,

dò agl'j era al cambri, ona da lèt, clèlta par la cusòina e e steva par rivè un burdèl,

alòura i zovan 't la cambra da lèt e i du vecc 't la cusòina, ènca s’u n’era bèl.

I faset pu un spusaloizi sgangaraè, da miseria nira, tot da strulgaè e 't un gran casòin,

me' lèt di speus un gn'era 'na roida, i la j andet a to in prèst a la vajeun s'un baruzòin.

Pr'andaè vaènti adès un s'avòiva da perd ucasiòun par garavlaè du suld e e' magné

duvò ch'u j era quaicosa da to sò o da ciapè bsugneva èsi, vì gnent u s'avòiva da buté.

E' mi ba Sivio u s'era mes a cundaè al biciclèti a Samaèvar int 'na butigòina,

mo un sold ma caèsa u ne purtaèva mai, tròpa zenta la feva la scurdòina,

un po' i sgneva e pu in s'avdòiva piò, i piò invezi j era sempra in bulèta,

leu un s'arisgheva a dmandaèi e' su vòi, e da spès u s'acuntaèva  d'una zigarèta.

A tiré la carèta u j a pansaèva e' nòn Fanòin e la mi ma Driana, dò bes-ci da lavòur,

j andeva a med insen lì la tajeva e leu e ligheva, par lòu u j era sempra e' cumpradòur.

E pu 't i cantir a spighé, a coi al radoisi dla spagnera, i gambereun de' furmantòun

e tot quèl ch'e putòiva vnì bon par la caèsa sgònda a quèl ch'e deva al stasòun.

I suld is ciapaèva ma la machina da bat, un lavuraz tra porbia, fadoiga e sudòur,

la mi ma gròsa 'd mè ad òt mois, la feva al furcaèdi senza gnenca doil me' dutòur.

La zenta int e' vdòila j avòiva cumpasiòun e i giòiva che sòta un'òmbra la j andes,

mo lì gnent, l'an laseva e' su pòst e la feva dal carghi ch'e paroiva ch'al la sples.

Mo un s'era moiga ancòura finoi 'd bazilé, un'aènta sgraèzia la riveva a purtaè guai,

la Gusteina la spudeva sangv, ricovar int e' sanatori e a caèsa l'an s'avdet piò mai.

Ancora burrasche

Ma più si andava avanti e più era fatica vivere in quel pezzettino di terra,

così andarono ad abitare  nella Villagrappa poco prima della seconda guerra.

Sepolto il fascismo, trascorso il conflitto, un po’ di tempo a leccarsi le ferite,

e poi nuovamente a gettarsi nella vita perché le beghe non erano affatto finite. 

Adesso lavorava a giornata nei poderi della Torre, che il lavoro là non mancava, 

e qualche soldo in più si cominciava a vedere e qualcosa a casa si portava. 

Il figlio, tornato dal militare si era fidanzato, poco dopo lei incinta e si dovè sposare, 

così la casa diventava sempre più stretta e non c’era il posto per tutti da abitare,

due le camere, una da letto, l’altra per la cucina e stava per nascere un pargoletto, 

allora i due vecchi nella cucina e i giovani nella camera da letto.

Fu un matrimonio sgangherato, da miseria, tutto era da inventarsi e in un gran casino, 

al letto degli sposi mancava una rete, l'andarono a prendere in prestito col barroccino. 

Ora non si doveva perdere occasione per guadagnare due soldi per il mangiare

dove c'era qualcosa di utile bisognava esserci, nulla si doveva sprecare.

Mio babbo Silvio riparava biciclette a San Mauro in un botteghina,

ma un soldo a casa non ne portava mai, troppa gente faceva la scordina,

alcuni segnavano e poi non si vedevano più, i più invece erano sempre in bolletta,

lui non s'arrischiava a chieder loro il suo avere, si accontentava di una sigaretta

A tirare la carretta ci pensavano nonno Giuseppe e mamma Adriana, gran lavoratori

mietevano il grano insieme lei tagliava e lui legava, non mancavano mai compratori.

E poi a spigolare, a raccogliere le radici dell'erba medica, gli steli del formentone

e tutto ciò che poteva essere utile per la casa a seconda di ciò che dava la stagione.

I soldi si guadagnava alla trebbiatrice, un lavoraccio tra polvere, fatica e sudore,

mia mamma incinta di me di otto mesi, stava alla paglia senza dir niente al dottore.

La gente nel vederla aveva compassione e le dicevano che sotto un'ombra andasse,

ma niente, non lasciava il turno e prendeva tanta paglia che sembrava la coprisse.

Ma non s'era mica finito di soffrire, un altra disgrazia arrivava a portare guai,

Agostina sputava sangue, ricovero in sanatorio e a casa non la si vide più mai.

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...