Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

DALL' ALBUM DI FAMIGLIA

E cambia la voita
1948 -  In alto da sx: Manuzzi Adelaide in Zucchini, Maroni Silvio (meccanico di biciclette), Manzi Danilo (Limòun), Cuccolini Mario (il sarto).
In basso da sx: Rocchi Sisto, Manuzzi Francesco (Bagai), Cuccolini Arnaldo (Fuf, figlio di Mario), Cuccolini Leopoldo (Cerino, sarto e nipote di Mario).

E cambia la voita

La voita la cambiet quant che e’ mi ba e ciapet e’ pòst da cantunir int e’ cumeun

e pu la caèsa nova 't e' pajòis, us faset sammartòin una dmenga se faè de’ leun.

Avimi cargh la nòsta ròba int un caratòun ch'u s'avòiva imprèst Luisin 'd Bartòza,

da e' frèd us bubleva e mè disdòi drì l'autesta de' tratòur sal maèni 't la bazcoza.

La n'era taènta la ròba, mo a m'arcord ch'avimi tolt sò prinfena i cunei s' la su steja,

l'era la dmenga pròima 'd nadaèl de' zinquaèntaquatar, da lè un'aènta storia dla fameja.

Quant ch'a vnesmi staè a Samaèvar 't al caèsi de' cumeun, mè se' nòn 't e' su litòun.

Una nòta l'insugneva che di chen i i vlòiva daè 'd mors, leu l'era tot pin 'd tarmasòun,

e feva di brot virs, e ciapet una s-ciafla, u la sbatòiva se' sulaèr ch' am s'era spavantaè,

alòura ai tuchet la scòina par svigel, leu faset un gran rugiaz, un mors l'avòiva ciapaè.

L'era eun ch'u n'avòiva pressia, un s'incazaèva mai, e' vòin la su pasiòun piò granda,

quant ch'a stimi 't e ghèt la Gusteina lai ragneva, leu, còunt 'd gnent e zò a tota randa.

Da lazò um purtaèva 't e' pajòis da e' barbir a tajem i cavel quant ch'a s'era znin,

pu a sa farmimi 't l'ustarì, e tulòiva un loitar 'd sanzvòis e u m'n'un feva santoi un guzlin,

e: “A m'aracmand, nu doil ma la nòna che sinò t santiré che gnola ch'l'as fa tot e dè!”.

A giòiva 'd sè, pu ma caèsa: “Nòna, e' nòn l'à bbeu e' vòin e u m'l'à daè ènca mu mè!”.

Lì la tacaèva s'una brèta longa, lai deva dl'imbariagòt, ch'un s'feva acsè si burdel però,

leu e ridoiva, um scricheva un òcc e um giòiva: “Tè t ci un quaiòun, an t port piò!”.

Mè an l'ò mai vest imbariegh, sé, dal volti u s'avdòiva dundlé e na rimidié la parola

mo leu e magneva fort, e' vòin ul tnòiva, snò una sòira e faset però 'na brota capariola.

La mi ma se' mi fradèl j era andaè a to e' lat da un cuntadòin int chi paraz,

mè a s'era vaènz sa leu ch'e steva disdòi si scalòin dla porta slambaè cmè un straz,

al ciamet par faèm daè un bicir d'aqua, u s'alzet s'una gran fadoiga e 'na biastòima,

fat e' pròim scalòin e caschet d'indrì s'al brazi ch'al tantaèva 'd ciapaès ma l'aria fòina,

mè a ciapet la cheursa spavantaè pr'andaè a ciamaè la mi ma ch'la era s'la viola,

“E' non l'è chesch drì i fieur!”. “Ah, i mi gerani!”. E 'd cheursa la turnet cmè 'na fiola.

U n'avòiva paveura 'd gnent, una volta e vnet un tempuraèl da e' maèr mai vest acsè,

la mi e la fameja de' Svezar, tot zò ma la scaèla a faès curagg e quaicadeun a prigaè,

leu 'd fura sòta la teraza a guardaè al pienti spzaès sòta ch'la burasca da spavent,

e e cicheva 'n avaènz 'd zigar. “Nòn, vnoi vì da lè, a n'avdoi ch'uv porta vì e' vent?”.

Ou, us tiret 't al spali e e ridoiva: “Sa vut che sipa  cunfròunt a la guèra ch'ò fat mè!”.

Sè, l'avòiva fat la guèra in pròima linea, tiré ma j austreach e zarcaè 'd na faès mazaè.

Cambia la vita

La vita cambiò quando mio babbo ottenne il posto da cantoniere in questo comune, 

poi anche la casa nuova in paese, si fece San Martino una domenica sul far del lume.

Avevamo caricato le nostre cose in un carro che Luigi Bertozzi ci aveva prestato,

era un freddo cane, io stavo seduto accanto all'autista mani in tasca quasi congelato.

Era poca roba, però mi ricordo che avevamo caricato i conigli con la loro stia,

era domenica prima di natale del 54, di lì inizia un'altra storia per la mia famiglia.

Una volta a San Mauro nelle case del comune, io e il nonno nello stesso suo lettone.

Una notte sognava che dei cani volevano morderlo, lui era pieno di forte tensione,

emetteva versacci, prese una ciabatta, la sbatteva sul pavimento e io ero spaventato,

allora gli toccai la schiena per svegliarlo, lanciò un urlo, un morso gli avevano dato.

Lui non aveva mai fretta non si arrabbiava mai, il vino era la sua passione maggiore.

Nel tempi  di prima, Agostina lo rimproverava, inutilmente, non gli mutava l'umore.

Ogni tanto mi portava in paese dal barbiere a tagliarmi i capelli quand'ero bambino,

poi ci fermavamo all'osteria per un litro di sangiovese e me ne dava un sorsino,

poi:“Mi raccomando, non lo dire alla nonna, sennò sentirai le storie e i perché!”.

Dicevo sì, ma a casa: “Nonna, il nonno ha bevuto il vino e l'ha dato anche a me !”.

Lei iniziava con i lamenti, gli dava del beone, non si faceva così coi bambini però,

lui mi guardava, rideva, strizzava un occhio e: “Sei uno sciocco, mai più ti porterò!”.

Non l'ho mai visto ubriaco, a volte lo si vedeva ciondolare e non rimediare la parola

ma mangiava forte e il vino lo teneva bene, solo una sera fece una brutta capriola.

Mia mamma e mio fratello andavano a prendere il latte da un contadino dei paraggi,

io ero a casa con lui seduto sui gradini della porta, afflosciato come fosse di stracci,

lo chiamai per farmi dare un bicchier d'acqua, si alzò a fatica con una imprecazione,

al primo gradino, cascò indietro con le braccia che roteavano in ogni direzione.

Corsi spaventato per andare a riferirlo a mia mamma che era ancora sulla viola,

“Il nonno è caduto presso i fiori!”.“Oh, i miei gerani!”. E tornò come una figliola.

Non temeva nulla, una volta, e mai visto così violento, arrivò un temporale dal mare,

la mia e un'altra famiglia nella scala interna a farsi coraggio e qualcuno a pregare,

lui da sotto la terrazza guardava le piante spezzarsi per quell'uragano da spavento,

e masticava il sigaro. “Nonno, venite via, non vedete che vi porta via il vento?”.

Alzò le spalle e rise: “Cosa vuoi che sia confronto della guerra del quindici!”.

Sì, aveva battagliato in prima fila  e, per salvare la pelle, sparava agli austriaci. 

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI