Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

DALL' ALBUM DI FAMIGLIA

Famiglia Maroni Villagrappa
1952 -  La famiglia Maroni quando abitavano nel “ghetto” della Villagrappa fotografata nel mese d'agosto dai parenti francesi. Da sx: Giuseppe (Fanòin), Spada Agostina (Gusteina), Ambrosini Adriana con in braccio Giovanni, Silvio; al centro in basso: Piero.

Ròba nova deura da mandaè zò

Ui fot da roid e da pienz se' mi nòn 't l’adataès me’ prugrès e ma la mudernità,

us pasaèva da e’ leun a petroli ma l’eletricità e par leu l’era toti gròsi nuvità.

Sa Radio Capodistria i cantaèva “Bandiera Rossa” e l’inno di lavuradeur,

i sunaèva i valzer e al mazurchi ‘d Casadei e leu l'avòiva cnuseu i su geniteur,

acsè l’aradio sempra zòis e sempra in urècia: “Parché in caènta? T’an gn’e l’é det?”.

E d’ògna taènt: “S’t magn i fasul intaènt ch’i caènta, e paèr che sia caplet!”.

Ma la leusa u s’adatet, mo a faè i su bsogn 't e’ gabinèt invici che 't la vegna,

e fot ròba longa e cumplicaèda parchè snò a vdòi cal ròbi novi u j avnoiva tegna.

Fena ch’u j è staè, l’andaèva drì da caèsa 't un cantir ‘d spagnera aèlta,

pu ènca a lè i tiret sò un palaz e alòura u j a vanzet e' nòst ort pin ‘d maèlta.

E una sòira, dòp ch’l’avòiva piuveu tot e dè, l’arvanzet instèch sal gambi

e u n’avet un spavent acsè gròs che da alòura us cnet rasigné ma cal ròbi strambi.

Cla volta da e' spavent e biastmeva rabié e e rugiòiva ch'u j era ciap un colp

u la j avòiva se signòur e la madòna parché adès la su voita l'an valòina piò un sold.

Ou, duvòi caghé da disdòi u ne mandaèva zò, ui vlet un po’ mo u l’imparet,

invici u n’arivet mai a capoi la televisiòun, a ne sò quant volti ch’u m’apa det:

“Tè che t’ve a scola, ta me da doi cmè che fa tot cla zenta a staè int cla scatlina,

e pu…ve…ve…ve… i va ènca in machina…òs-cia, quèsta mo la è blina!!!”.

La sòira prèst l’andeva 't l’usterì dl’Ada e da cl’òura ma la televisiòun i cantaèva,

quant ch’l’arturnaèva a caèsa u j era e' tigì e leu un mineud dòp u s’incazaèva:

“Vuilt a sì propi di pataca, i va daè una bèla ciaveda, avì compar un bidòun,

da Nino i caènta sempra e a què i zcòr snò, coi ch’u l’à còmpar l’è un gran quaiòun!”.

Tot al volti ch’a sardusimi  a magné, la televisiòun a la zandimi,

l’era un vèz, a la tnimi sempra zòisa ènca sa ni guardimi,

d’ògna taènt e vnoiva fura una vòusa 'd dòna: “Che tempo fa!”. E leu senza aspitaè:

“Ou, la se dmanda ma nòun, mo va 'd fura pataca che t’al vòid da par tè!”.

Una modernità dura da digerire

Ci fu da ridere e piangere con mio nonno per adattarsi al progresso e alla modernità,

si passava dal lume a petrolio all’elettricità e per lui era tutta una grossa novità. 

Ma su Radio Capodistria cantavano Bandiera Rossa e l’Inno dei Lavoratori, 

suonavano i valzer e le mazurche di Casadei, e lui ne aveva conosciuto i genitori, 

così radio accesa e orecchio teso:“Perché non cantano? Non gliel’hai detto?”. 

E ogni tanto: “Se mangi un fagiolo intanto che cantano, sembra sia un cappelletto!”. 

All'elettricità si adattò, ma a fare i suoi bisogni nel gabinetto invece che nella vigna, 

fu cosa lunga e complicata perché solo a vedere quelle novità gli prendeva la tigna.

Fino a quando c’è stato, andava dietro casa in un campo di erba medica alta, 

poi anche lì edificarono un palazzo e allora gli rimase il nostro orto pieno di malta.

E una sera, dopo che era piovuto tutto il giorno, rimase conficcato con le gambe

e si prese uno spavento tale che da allora si dovette rassegnare a quelle cose strambe. 

Quella volta dalla paura bestemmiava rabbioso e gridava che gli era preso un colpo,

ce l'aveva col signore e la madonna perché la sua vita non valeva più un soldo.

Ohi, dover defecare stando seduto non lo mandava giù, ci volle un po’, ma lo imparò, 

invece non arrivò mai a capire la televisione, quante volte me l’ abbia chiesto non so:

“Tu che vai a scuola, dimmi come fa tutta quella gente a stare in quella scatolina, 

  e poi… guarda… guarda, vanno anche in macchina… ostia, questa è carina!!!”.

La sera dopo cena andava all’osteria dell’Ada e a quell’ora in televisione si cantava,

quanto ritornava a casa c’era il tigì e lui un minuto dopo si arrabbiava:

“Voi siete proprio sciocchi, vi hanno dato una fregatura, avete comprato un bidone, 

da Nino cantano sempre, qui parlano solo, chi l’ha comprato è un grande coglione!”.

Tutte le volte che ci riunivamo per mangiare, la televisione l’accendevamo, 

era un vezzo, la tenevamo sempre accesa anche se non la guardavamo, 

ogni tanto si sentiva una voce di donna: “Che tempo fa!”. E lui senza aspettare: 

“Ma, vai fuori sciocca che lo vedi da sola, lo chiedi a noi che dobbiamo mangiare?”.

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI