Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

DALL' ALBUM DI FAMIGLIA

Maroni Giuseppe Fanòin 1887 1968
Maroni Giuseppe (Fanòin 1887 – 1968)
Spada Agostina Gusteina 1889 1956
Spada Agostina (Gusteina 1889 – 1956, ritratta nel sanatorio di Vecchiazzano dove era ricoverata per tubercolosi)

E' vòin, e' cumpagn d'una voita fena a la fòin

E’ vòin l’era staè da sempra la pasiòun de' mi nòn, ciofla quant ch’us s’n’un bbòiva!

U j era dal volti ch'e vnoiva a caèsa sal dal gati da l’òs-cia e la mòi la rugiòiva,

pu la ruinleva par tot la nòta e leu zet sa di surnecc da tiré sò ènca i lanzul,

al quatar e steva sò e ciapaèva la biciclèta e a lavuraè lavajeun s’una gamèla ‘d fasul.

Da vècc l’impinoiva e’ biciaròun se’ mangh e ul sculaèva tot d’un fié,

piò taèrd e bbòiva dò doidi d’aqua, la j andaeva ‘d travers e un gn’e la feva a respiré.

I dè d’instaèda e steva  disdòi s’una scarana ma l’ombra sla teraza,

ceca de’ zigar ‘d bòca a guardaè la zenta ch’la j andeva e ch’la j avnoiva da la piaza,

dal volti ai dmandaèva: “Nòn, a turnaresvi indrì ma la vòsta gioventò?”.

“Mo gnenca s’im des i mi vòint’an, quèla u n’era voita, mai piò, mai piò!”.

E doi che mai u s'era vest una volta che fos staè maèl

o ch'l'aves veu bsògn d'ès ricoveraè int l'ospedaèl.

Una volta e caschet da e' baèrch, u s'era ròt un òs dla spala e e cnet 'ndaè da e' dutòur,

mo quèst ui get ch'l'era un òs 'd piò, ch'un cuntaèva gnent e l'arturnet me' su lavòur.

D’inveran e pasaèva e’ temp a faè di zoir tònda ma la taèvla e a bòis di bicir ‘d vòin.

Chi dè ch’e piuvòiva e ch’e feva scheur, al trè de’ dòpmezdè e biaseva un scursòin:

“E sa magnesmi?”. “Mo nòn”, a j arspundòiva, “l’è snò al trè!”.

“Amo, quant ch’l’è fat, l’è fat, tanemodi u sa da faè!”.

“Mo valà nòn, a fé snò par bòi de’ vòin ‘d piò, a ne savoi ch’e fa maèl?”.

“E’ dé che e’ vòin u n’um va piò e vo doi ch’la è finoida e senza bsògn dl’òspedaèl.”.

E du dè pròima dla partenza par l’eutum viaz, quant ch’la j andet drì e' lèt la mi ma

e l'ai slunghet e' bicir pin 'd vòin, e ciudet j occ e s'la tèsta e faset segn 'd na.

Il vino, il compagno di una vita sino alla fine

Il vino era stato sempre la sua passione, caspita quanto se ne ingoiava!

C’erano delle sere che veniva a casa con delle sbornie toste e sua moglie urlava, 

poi brontolava per tutta la notte e lui zitto a russare da sollevare i lenzuoli, 

alle quattro si alzava, inforcava la bicicletta e via a lavorare con una ciotola di fagioli. 

Da vecchio empiva il bicchierone col manico e lo scolava d’un fiato senza staccare, 

più tardi beveva due dita d’acqua, gli andava di traverso e non ce la faceva a respirare. 

D’estate stava per l’intera giornata seduto su una sedia all'ombra sulla terrazza,

avanzo del sigaro in bocca a guardare la gente che andava e veniva dalla piazza, 

a volte gli chiedevo: “Nonno, tornereste indietro alla vostra gioventù?”.

“Ma neanche se mi ridanno i miei vent’anni, quella non era vita, mai più, mai più!”. 

E dire che non si era visto mai che fosse stato male

o che avesse avuto bisogno di essere ricoverato in ospedale. 

Una volta era caduto dal barco, si era rotto un osso della spalla ed andò dai dottori,

questi gli dissero che era un osso in più, che non serviva e lui ritornò ai suoi lavori.

D’inverno passava il tempo a girare intorno alla tavola e a bere bicchieri di vino.

Nei giorni che pioveva ed era buio, alle tre del pomeriggio, mormorava un discorsino:

“E se cenassimo?”. “ Ma nonno”, gli rispondevo, “sono solo le tre!”.

“Quando è fatta, è fatta, tanto si deve fare, bèh!”.

“Ma valà nonno, lo fate solo per bere del vino in più, non lo sapete che fa male?”. 

“Il giorno che il vino non mi andrà più, significa che è finita e non serve l’ospedale.”.

E due giorni prima dell’ultimo viaggio, quando mia mamma al suo letto si avvicinò, 

gli porse il bicchiere colmo di vino, lui chiuse gli occhi e con la testa fece segno di no.

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI