Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

DALL' ALBUM DI FAMIGLIA

I nonni materni min

1956 - Matrimonio di Giulio Ambrosini ed Ernesta Bertozzi (la gagia) nel cortile del Circolo dei Comunisti dove Giulio ne curava la gestione. In alto da sx: Romano Pollarini, Piero Maroni, Romeo Pollarini (con Romano, i Mucleun), Silvana Scarpellini, moglie di Carlo Ambrosini, Mazzotti Marino (Barel), Maria Ambrosini (sua moglie), Maria Bertozzi (moglie di Pollarini Ugo), Pollarini  Giovannino, Bertozzi Primo (Bartòza), Ambrosini Adriana, Maroni Silvio, Giulio Ambrosini e la Gagia, Carlo Ambrosini (Carlein), Pina Ambrosini, Adele Venturi (la Deina, madre degli Ambrosini), Pollarini Ugo (Tubèt), Bertozzi Luigi (Luisin 'd Bartòza), Bertozzi  Anna con in braccio Zammarchi Rosalba (deceduta col fratello Maurizio per lo scoppio di un residuo bellico). Accosciati: Maroni Giovanni, il cugino Giuliano figlio di Pina, Bertozzi Adriana, Zammarchi Maurizio (fratello della piccola Rosalba), Bertozzi Carmen.

I non de' caènt dla ma:Vanein (e' Gòb) d'j Ambrusini e la Deina

Clèlt nòn il ciamaèva Vanein d'j Ambrusini, mo j era in puch ch'i savòiva e' su num,

par la zenta d'alòura l'era sno “e' Gòb” e par tot la su voita il ciamet sa che sòranum. 

La nateura sa leu la era staèda propi carògna, al fantiglioli da burdèl,

ai li laset 'na gòba s'la scòina ch'e tot il tulòiva d'in zò parché u n'era tènt bèl.

Leu però u j avòiva fat e' cal e u ni feva piò caès ma sèl ch'e giòiva la zenta,

l'avòiva trov mòi, j avet sì fiul, trì mas-ci e trè femni e una voita pr'un po' cuntenta.

Li la s'ciamaèva Adele, ma par tot l'era la Deina, sempra in zoir da chi cuntadòin,

la purtaèva a caèsa un po' d'inquèl: erbi, fasul, bsarel, cheval e fiasch 'd vòin.

 Mu mè l'am tulòiva drì snò quant che d'agòst la j andeva a faè i capeun da Ginghin,

i fasul castré mi galet, la i cusòiva, pu la mi deva da magné mu mè ch'a s'era znin.

An m'arcord da fat, mo an giòiva 'd na, ènzi, um paèr ch'ai magnes s'un gran gost,

cio, da chi dè tot i giòiva che a magné cal ròbi che lè, us saria vnu sò furt e rubost. 

Se' temp e' Gòb l'era dvent acsè sfazaè che duvò ch'l'andeva e dvantaèva e' cap, 

par doini ona, l'era leu e' capuriòun dla squaèdra ma la machina da bat,

mo sta ròba la n'i purtet ben, u sa fideva tròp dla zenta, ènca 'd quèla poca seria.

'Na volta e det d'j antecip 'd paèga ma trè surèli ch'an feva che pienz miseria,

e senza un scret 'd rizeveuda, e quant che a la fòin u j era da spartoi i suld de' lavòur,

quèsti, al giòiva ch'a n'avòiva veu mai un fraènch da leu e al le zureva se' su unòur. 

Ui cnet daè i su suld, i fiul i n'un get piò ch'n'è me' porch cmè ch'i l'avnet a savòi,

e e' purèt u n'avet una vargògna, mo una vargògna che da alòura un feva che bòi,

u s' imbariagheva s'un bicir 'd vòin parchè un magneva e l'era sèch cmè un ruspòl.

Una sòira, stuglaè se' grèp d'una fòsa, pin 'd vòin cmè se 't una bòta e fos staè a mòl,

ui ciapet un colp 't la tèsta, il purtet a caèsa s'un baruzòin sgangaraè,

una stmaèna dòp senza arciapaè piò e' capoi, l'avòiva finoi 'd tribulaè.

Mè alòura a s'era un burdèl 'd zòincv-sì an e guasi 'd gnent 'd leu a m'arcord,

an l'ò gnenca inamòint cmè figheura, um paèr ch'e fos znin, sèch e tot stort.

Ò memoria d'una dmenga vers sòira ch'a s'era sal mòi ma la funtaèna de' ghèt

ch'al spitaèva l'artòuran di maroid da l'usterì, imbarjigh cmè si fos sculaè un barilèt,

a j avdimi ch'j avnoiva zò a pì puzè mal biciclèti ch'al dvanaèva,

pu da sèch eun snò e muntet a caval dla biciclèta  e u s'avdòiva ch'e pedalaèva,

chilt i i giòiva 'd na faè e' patacac e ch'l' andes zò sa lòu che sinò u j era da faès maèl,

leu e ui j arspundòiva:-Mè an vengh zò s'na squaèdra d'imbariagot, mè a sò nurmaèl!

Ah sé, e ciapaèva tot la straèda, sempra lè, lè par cascaè 't la fòsa s'la fiumena

e la mi nòna Deina sa 't al maèni la curòuna de' rusaèri la prigaèva pina 'd pena.

Um ven ènca intlamòint che cla sòira us santoiva al mòi ragné in tot al caèsi de' ghèt

snò 't la caèsa de' Gòb la mòi zeta, leu un vlòiva brèti e senza magné u s'andet a lèt,

Di dè quant ch'l'artunaèva a caèsa vers sòira, mè a j andeva a faèi cumpagnì,

um rigalaèva dal scatlini svuiti 'd patina da scaèrpi e mè a steva a lè senza ciapaè vì,             

a zugheva a faèli cor cmè se fos dal rudlini sòura e' sulaèr 'd madeun ros dla cusòina,

pu u m'insgneva a zend e' fugh se' camòin sòta e' tripì e a sdazaè la faròina.

Mo i su fiul i ni feva, ènzi 'd leu is vargugneva e i n'avòiva una bona upignòun,

snò ma la mi ma la purtaèva rispèt ma cl'umarein sgrazié ch'ui feva cumpasiòun, 

ènca se leu quant ch'l'arvanzet gròsa par mè, u la j avòiva un bèl po' maltrataèda, 

us vargugneva 'd lì e ui n'un get 'd tot i culeur parchè la n'era ancòura spusaèda.

La ròba curiòusa, us fa par doi, l'è che tra tot chi fiul e fioli ch'l' avòiva carseu,

e dè ch'il cumpagnet 't e' campsaènt par l'eutum viaz, l'era snò lì a pienz par leu.

I nonni materni: Giovanni Ambrosini (il Gobbo) e Adele Venturi (la Deina)

L'altro nonno si chiamava Giovanni Ambrosini, ma pochi ne conoscevano il nome,

per la gente era “il gobbo” e per tutta la vita lo chiamarono con quel soprannome.

 La natura con lui era stata proprio carogna, una malattia infantile da bambino

gli lasciò una gobba sulla schiena così tutti lo schermivano perché non era carino.

Lui però s'era abituato e non ci faceva più caso a ciò che diceva la gente,

trovò moglie, ebbe sei figli, tre maschi e tre femmine e per un po' visse felicemente.

 Lei si chiamava Adele, per tutti era la Deina, sempre in giro da qualche contadino,

portava a casa un po' di tutto: erbe, fagioli, piselli, cavoli e fiaschi di vino.

D'agosto mi portava con lei da Filippi  perché era lì che i capponi doveva fare,

strappava i testicoli ai galletti, li cuoceva, poi li dava a me bambino da mangiare,

non ricordo bene, ma non dicevo di no, anzi, mi pare che li mangiassi di gran gusto,

ohi, in quei tempi si diceva che con quel cibo, sarei cresciuto forte e robusto.

Col tempo mio nonno diventò così sicuro di sé che spesso era lui a comandare,

per dirne una, era lui, il Gobbo, il capo squadra alla macchina da trebbiare,

ma questo incarico non gli arrecò del bene, si fidava troppo della gente poco seria.

Una volta anticipò la paga a tre sorelle che non facevano che piangere miseria,

e senza alcuna ricevuta, così quando alla fine si dovevano spartire i soldi del lavoro,

queste, ripetevano di non aver ricevuto un soldo da lui e lo giuravano sul loro onore.

Ci rimise soldi suoi e i figli gliene dissero quanto al porco quando lo vennero a sapere,

il poveretto ne ebbe una vergogna tale, che da allora non fece altro che bere,

si ubriacava con un bicchiere di vino, mangiava poco, era magro come un fringuello,

una sera steso sulla riva di un fosso, ubriaco come se in una botte fosse stato a mollo

gli prese un colpo nella testa e lo portarono a casa con un carretto sgangherato,

una settimana dopo senza più riprendere conoscenza, di tribolare aveva terminato.

Io allora era un bambino di cinque-sei anni e quasi niente di lui mi ricordo,

non l'ho neppure in mente come figura, mi pare fosse basso, magro e tutto storto.

Ho memoria di una domenica verso sera che ero con le mogli alla fontana del ghetto,

in attesa dei mariti di ritorno dall'osteria, ubriachi come se avessero scolato la botte,

li vedevamo che venivano giù a piedi appoggiati alle biciclette e qua e là sbandare

poi, di colpo uno, salito a cavallo della sua bicicletta, aveva iniziato a pedalare,

gli altri lo invitavano a proseguire con loro altrimenti c'era il rischio di farsi male,

lui rispondeva:- Io non vengo giù con una squadra di ubriaconi, io sono normale!

Ah sì, occupava tutta la strada, sempre sul punto di cadere nella fossa strapiena

e mia nonna Deina con in mano la corona del rosario, pregava colma di pena

Ricordo pure  che quella sera si udivano le mogli gridare in tutte le case del ghetto,

in casa del Gobbo la moglie taceva, lui non voleva storie e senza cena andò a letto.

C'erano giorni che quando tornava a casa verso sera, io andavo a fargli compagnia,

a volte mi regalava scatole vuote di patina da scarpe e io stavo lì senza andare via,

giocavo a farle correre come fossero ruote sul pavimento di pietre rosse della cucina,

poi mi insegnava a fare fuoco sul camino sotto il treppiede e setacciare la farina.

I  figli però non lo amavano, anzi si vergognavano e avevano una pessima opinione,

sola mia mamma portava rispetto a quell'ometto sgraziato che faceva compassione,

anche se lui, quando rimase incinta di me, l'aveva un bel po' maltrattata,

si vergognava di lei e gliene disse di tutti i colori perché non era ancora sposata.

La cosa curiosa, si fa per dire, è che di tutti quei figli e figlie che aveva allevato,

il giorno del funerale, era solo mia mamma a piangere per quell'uomo sfortunato.

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI