Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

DALL' ALBUM DI FAMIGLIA

Silvio Maroni Militare 1
Silvio Maroni Militare 2
 
1942 – Maroni Silvio, militare nel "Genio Pontieri"

Int i suldé

L'era i trenteun 'd znaèr de' quaraèntadò e' dè che cnet partoi pr'e' suldaè

u s'l'aspitaèva, ènzi u n'avdòiva agl'j òuri parchè acsè l'era staè educaè,

s'la tèsta pina 'd prupaganda fasesta, l'era cuntent cmè s'l'andes m'una fèsta,

la su ma invezi la pianzoiva cmè se fos zà mort, e' su ba, zet, e scruleva la tèsta.

Mo al ròbi bèli par leu al duret poch, sèch cmè ch'l'era u n'era adat par fadighé,

acsè i troi 'd marz 'd cl'an che lè, l'era 't l'ospedaèl, u s'avòiva da curé.

U j era ciap 'na brota malatì, la “pleurite”, i paimeun i n'era par gnent a pòst,

il ricuveret 't l' ospedaèl 'd Chieti e pu a caèsa in licenza fena ai pròim 'd agòst.

 Un gn'è 'na masa 'd ròba da racuntaè  'd ch'j an ch'la pas in divoisa,

par la su saleuta il tnòiva sempra dalongh da e' fròunt e la su storia la n'è precioisa,

u n'avòiva guasi gnent da racuntaè, e giòiva che una volta snò l'à cnu sparaè,

mo u n'è ch'a j epa cardeu da bon, cio, u n'à mai det duvò, ma coi e e' parchè.

 Insòma, di peroicval u n'à pas tent, in caserma l'à fat e' piò de' su sarvoizi, 

un s'lamantaèva de' magné e dla situaziòun, snò la paèga la j era poca a su giudoizi. 

L'òt 'd setembar de' quaraèntatrè s'l'esercit a e' sband ènca leu u s'avnet a caèsa,

l'era cunvòint che la guèra la fos finoida, Badoglio u j avòiva fat cròid ma la paèsa.

Int che ghèt dla Velagrapa in l'avria trov niseun, mo trì dè dòp l'aroiva 't l'aèra

una camiunèta vòirda ch'la feva paveura ma tot e e s-cend un òm in divoisa militaèra,

l'era e' su capitaèn, ma che suldaè sèch e sa poca saleuta ui vlòiva ben cmè m'un fiul,

in s'l'aspitaèva, u sa farmet ènca par la nòta dòp avòi magné sa lòu pasta e fasul.

L'era vneu fena a lè parché l'era in pena par leu, u l'era vnu to tra leun e scheur

e u l'à parsuaès a d' arturnaè in caserma parché sinò e finoiva tra i  diserteur

e va a capoi tè cmè ch'agl'j andeva a finoi stal rubazi, e risgheva 'd finoi amazaè

e pu, dòp dla guèra e putòiva vòi la pensiòun par la malatì ch'l'avòiva ciap da suldaè.

 E al robì agl'j andet a finoi propi acsè, mo 'd quèl ch'l'avòiva fat, u n'è ch'us stimes,

stal poch ròbi un mi li à moiga racuntaèdi leu, e paròiva guasi ch'us vargugnes,

cal poch volti ch'ai dmandaèva de' suldaè, dla guèra, di mumòint brot e 'd chi bel,

leu e giòiva snò di amoigh, 'd quest 'd quèl e che sa zarteun j era cmè di fradel.

Int i proim de' quaraèntazòincv u s'avnet a caèsa, e' pèz e paròiva pas

ènca se u n'è che stes propi ben da fat, l'era un po' zalori e senza un foil 'd gras,

mo u ni det nisun pòis, sa vut ch'e sipa, i giòiva tot: “ E sarà l' iteroizia!”,

l'era “l'epatite C”, alòura l'an s' cnusòiva, se' temp la saria dventa quèla decisoiva.

Nei militari

Era il trentuno gennaio del quarantadue il giorno che dovette partire per il militare,

lo attendeva, anzi era entusiasta perché a quel fine allora si usava educare,

con la testa colma di propaganda fascista, era felice come se andasse ad una festa,

sua madre invece piangeva come se fosse già morto, suo babbo scuoteva la testa.

Ma l'entusiasmo per lui durò poco, esile com'era non era adatto per faticare,

così il tre marzo dello stesso anno, era in ospedale, si doveva curare.

Gli era preso una brutta malattia, la pleurite, i poloni non erano affatto a posto,

lo ricoverarono nell'ospedale di Chieti, poi a casa in licenza fino ai primi d'agosto.

Non c'è molto da raccontare di quegli anni vissuti in divisa,

per la sua salute lo tenevano lontano dal fronte e la sua vicenda non è incisiva,

non aveva quasi niente da raccontare, diceva che una sola volta dovette sparare,

ma non è che gli abbia creduto in verità, dove, a chi e perché non si poteva appurare.

Insomma, di pericoli non ne ha vissuto, in caserma ha svolto perlopiù il suo servizio,

non si lamentava del cibo e alloggio, solo la paga non era adeguata a suo giudizio.

L'otto settembre del quarantatre anche lui tornò a casa con l'esercito allo sbando 

Badoglio gli aveva fatto credere alla pace, convinto che la guerra stesse terminando.

Nel ghetto di Villagrappa chi l'avrebbe trovato? Ma tre giorni dopo si vede arrivare

una camionetta verde che allarma tutti e scende un uomo in divisa militare,

era il suo capitano, a quel soldato di poca salute voleva bene come ai suoi figlioli,

inatteso, si fermò anche per la notte dopo aver mangiato con loro pasta e fagioli.

Era venuto fin lì in pena per lui, era giunto quando del giorno svaniva il chiarore

e lo persuase a ritornare in caserma altrimenti veniva ritenuto un disertore

e va a capire tu come finiva la storia e rischiava addirittura di essere ammazzato

e poi, dopo la guerra poteva avere la pensione per la malattia presa da soldato.

E le cose andarono proprio così, ma di ciò che era accaduto, non è che si vantasse,

queste poche note non me le ha raccontate lui, anzi pareva come se si vergognasse,

quelle poche volte che gli chiedevo del militare, della guerra, dei fatti brutti e belli,

lui parlava solo degli amici, di questo e di quello e di alcuni che erano come fratelli.

Nei primi del quarantacinque tornò a casa, il peggio sembrava passato

anche se non è che stesse proprio bene, viso di colorito giallognolo ed emaciato,

ma non gli dette importanza, cosa vuoi che sia, dicevano tutti: “Sarà itterizia, no?”,

era“epatite C”, allora sconosciuta, col tempo e per quella malattia, la fine arrivò.

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI