Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

di Piero Maroni  

DALL' ALBUM DI FAMIGLIA

 
N. B. - Il presente racconto è stato insignito del “Premio Speciale della Giuria” al concorso “E' fat” del 2019, promosso dall'Istituto Schurr di Ravenna e pubblicato sul mensile “La Ludla” col titolo “Un spusaloizi da gnent”.

E' spusaloizi de' mi ba e dla mi ma

E' fròunt l'era pas da poch e al zòincv caèsi 'd che ghèt 'd campagna al purtaèva ancòura i segn dla matira dla guèra che cla zenta j avòiva cnu supurtaè. Al granati scupiedi 't i cantir a lè datònda agl'j avòiva lasé dal crepi 't i meur ch'ui pasaèva e' gat 'd cheursa, i cop i s'era smos e quant ch'e piuvòiva fort, l'acva la culaèva int la cusòina e 't al cambri da lèt, acsè che bsugneva met urineri e cadòin pr'arcoi e' sguzladez ch'e s-ciucaèva cmè un vècc arloz par tot e' temp de' tempuraèl.

E quant ch'e capitaèva 'd nòta Tiliein e la Milieina, j avsòin 'd caèsa, i durmoiva s'l'umbrèla verta stuglé s'e' pajaz 'd foji 'd furmantòun intaènt che Tolo, e' fiul, u s'la ciapaèva sa tot i signeur e al madòni de' paradois e ui mandaèva sò di rusaèri 'd biastòimi da zend l'aria.

Mo e' brot l'era pas, u s'arciapaèva la voita, snò che por Foschi un gn'era piò, la schègia d'una granata la l'avòiva fat sèch intaènt ch'e maseva al bes-ci 't la stala dla Tòra. I l'arpurtet a caèsa invrucé 't un lanzul sporch 'd sangv e la su Carola la feva di rogg ch'j ariveva me' zil piò aèlt:

“Sèl ch'a dagh adès da magné mal mi fioli? Coi che badarà ma nòun?”.

E pu, cmè s'u j avnes maèl, la s'buteva sòura che corp senza piò voita e tot i pianzoiva. 

Quant che la guèra la era bèla in caèv, da 't i suldé l'arturnet Sivio, e' fiol 'd Fanòin e dla Gusteina, u s'era malaè d'iteroizia e acsè i l'avòiva congedaè pròima de' temp.

L'era a pì zò ma la straèda ingiaraèda, ch'l'incuntret la Driana, la fiola de' Gòb e dla Deina, acsè mo un s'l'aspitaèva, u s'l'arcurdaèva burdèla e 'd lì un s'n'era mai gnenca infat, l'avòiva snò inamòint ch'u j avnoiva da roid quant ch'u la avdòiva pasaè sploida sòta dal bali 'd erba ch'e paròiva ch'agl'j aves lòu al gambi, e adès invezi... òs-cia at bèla fis-cia ch'u s'era fat!

Un faset in temp a rivé dai su ch'u s'era zà scufié 'd cla ragaza 'd vòint an, dò stmaèni dòp j era mureus e, pròima ch'e fines l'an, la era gròsa.

Ou, sai vut faè? Un gn'era da staèi taènt sòura, l'è ròbi ch'al suzed e alòura e sarà mèi a pansaè me' spusaloizi.

“L'è ròbi ch'al suzed? L'è ch'a n'avoi la tèsta, mè 'd ste casòin a n'un voi savòi, avì fat i pataca? A rangev adès!”.

E tunet e' Gòb vòird da la tegna, mo cio, l'era da capoi parché pena un mòis pròima u s'era saveu ch'l'era vaènza gròsa la fiola 'd Mularòun e leu, ch'u i piasòiva a doi 'd tot, un gna la faset a staè zet e e giòiva in zoir che la coipa la n'era 'd chi du burdlaz, ma di geniteur dla ragaza, che s'l'era zenta par ben j avòiva da staè piò tenti, parchè questi l'è ròbi ch'al zuzed int cal fameji ch'e e' ba u ne sa sèl ch'l'è una fiola.

La scrofa la ni paset sa gnent, queng dè pròima de' spusaloizi, la Driana la andet da leu: “Ba, a n'ò piò gnenca un stoi da met pr'e' dè de' ch'am spòus che sa sta paènza im sta tot stret, t'am dé i suld par compraèn eun nov?”.

“Ta l'avivi e ta te sì cavaè, adès sta senza!”.

E' dè ch'is spuset, leu un s' faset avdòi 't i paraz, tot la zurnaèda 't l'ustarì dl'Ada a imbariaghes e a ragnes sa Bròcval, un vcèt de' ricovar di vcieun che tot al volti ch'u l'incuntraèva ui deva di cazot 't la gòba parchè Nino, e' fiul dl'Ada, us mitòiva drì  l'aradio e e feva finta 'd racuntaè i fat de' gueran.

 “Giornale radio, oggi a Roma l'onorevole Ambrosini ha deciso di togliere la pensione a Broccoli Giuseppe!”.

“Ch'u sèl ch'e vo faè che gòb maledèt”, e saltaèva sò Bròcval, “ valà ch'ai la indrez mè la gòba!”.

L'onorevole Ambrosini u j era da bon e e' Gòb ènca leu e feva Ambrosini, acsè Nino ui deva d'intend ch'l'era propi leu cl'onorevole, alòura Brocval u l'aspitaèva 't l'ustarì e cmè ch'l'ariveva, zò bòti.

Mo i pat j era fat, i deu 'd febraèr, fèsta dla Candilora, al nov e mèz, e' prit 'd Samaèvar ui spusaèva 't la cisulòina dal sori, la cisa granda u la j avòiva buteda zò al granati quant che j aparecc americhen i à bumbardaè e' pajòis.    

(Continua)

Il matrimonio di mio babbo e di mia mamma

Il fronte era trascorso da poco e le cinque case di quel ghetto di campagna portavano ancora i segni della pazzia della guerra che quella gente aveva dovuto sopportare. Le granate scoppiate nei campi lì attorno avevano lasciato delle crepe nei muri dove ci passava il gatto di corsa, i coppi sui tetti si erano dissestati e quando pioveva intensamente, l'acqua colava nella cucina e nelle camere da letto così che bisognava mettere orinali e catini per raccogliere lo sgocciolamento che schioccava come un orologio vecchio per tutta la durata del temporale.

E quando capitava di notte, Attilio ed Emilia, i vicini di casa, dormivano sotto l'ombrello aperto  sdraiati sul pagliericcio di foglie di granoturco, intanto che Vittorio, il figlio, se la prendeva con tutti i signori e le madonne del paradiso a cui inviava rosari di bestemmie da incendiare l'aria.

Il peggio era però trascorso e ora si riprendeva la vita, solo il povero Foschi non c'era più, la scheggia di una granata lo aveva ucciso mentre stava riconducendo le bestie nella stalla della Torre. Quando lo riportarono a casa avvolto in un lenzuolo sporco di sangue, Carola, la moglie, emetteva delle urla che arrivavano al cielo più alto:“Cosa do adesso da mangiare alle mie figlie? Chi si occuperà di noi?”.

Poi, come se venisse a meno, si gettava sul corpo senza più vita e tutti piangevano.

Quando la guerra stava per terminare, dai militari tornò a casa Silvio, il figlio di Giuseppe e Agostina, si era ammalato di itterizia e così l'avevano congedato in anticipo.

Era a piedi lungo la strada inghiaiata, quando incontrò Adriana, la figlia del Gobbo e di Adele, così però non se l'aspettava, se la ricordava bambina e di lei non se n'era mai accorto, rammentava solo che gli veniva da ridere quando la vedeva passare sepolta sotto balle di erba che sembrava fossero queste fornite di gambe, e adesso invece... orca, che bella ragazza che era divenuta!  Non fece neanche in tempo ad arrivare dai suoi, che si era già innamorato di quella ragazza di vent'anni, due settimane dopo erano fidanzati e, prima della fine dell'anno, era incinta.

Ohi, cosa ci vuoi fare? Non c'era tanto da discutere sulla questione, son cose che succedono e allora meglio pensare al matrimonio.

“Son cose che succedono? È che non avete la testa, io di questo casino non ne voglio sapere, avete fatto gli sciocchi? Adesso arrangiatevi!”.

Tuonò il Gobbo verde dalla rabbia, ma era da comprendere perché appena un mese prima si era saputo che era rimasta incinta la figlia dei Montemaggi e lui, a cui piaceva dire di tutti, non riuscì a tacere e andava a dire in giro che la colpa non era di quei due ragazzi, ma dei genitori della fanciulla, che se erano gente per bene dovevano stare più attenti, perché queste son cose che succedono in quelle famiglie in cui il padre non sa cos'è una figlia.

Il risentimento non gli passò con niente, quindici giorni prima del matrimonio, Adriana andò da lui:

“Babbo, non ho più un vestito da mettermi per il giorno in cui mi sposerò, con questa pancia mi stanno tutti stretti, mi dai i soldi per comprarne uno nuovo?”.

“Ce l'avevi e te lo sei levato, adesso sta senza!”.

Il giorno che si sposarono, lui non si fece vedere nei dintorni, tutta la giornata nell'osteria dell'Ada a ubriacarsi e a litigare con Broccoli, un vecchietto dell'ospizio che tutte le volte che lo incontrava gli dava dei pugni nella gobba perché Nino, il figlio dell'Ada, si metteva dietro la radio e fingeva di raccontare i fatti del governo.   

“Giornale radio, oggi a Roma l'onorevole Ambrosini ha deciso di togliere la

 pensione a Broccoli Giuseppe!”.

“Che cosa vuol fare quel gobbo maledetto?”, saltava su Broccoli, “Valà che gliela raddrizzo io la gobba!”.

Sì, perché il Gobbo faceva anche lui Ambrosini e Nino gli dava a intendere che era proprio lui quell'onorevole, Broccoli allora lo attendeva all'osteria e come arrivava, giù botte.

Ma indietro non si tornava, il due febbraio, festa della Candelora, alle nove e mezzo,

il parroco di San Mauro li sposava nella chiesetta delle suore, la chiesa madre l'avevano abbattuta le granate quando gli aerei americani bombardarono il paese.

(Continua)

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

Beato Green Pass

Pubblicato il 05.01.2022 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI