Sanmauropascolinews.it

San Mauro 2022 2023

Sanmauropascolinews.it

I GIORNI DELLA MOSCA LELE - Una dolorosa scomparsa

Una dolorosa scomparsa
Cl 1^ - Anno Sc. 1984 – 85: fra un po' si gioca a recitare.

Una dolorosa scomparsa

Ma se gli umani stavano male, gli insetti stavano molto, molto peggio. Di tutta quella impressionante moltitudine di mosche che si erano battute con grande coraggio ed eroismo in una battaglia esagerata ed impossibile da vincere, almeno  tre quarti erano cadute in battaglia e neanche si potevano recuperare i corpi per un ultimo onorevole saluto.

La minoranza delle mosche superstiti aveva trovato un provvisorio rifugio  sull’immondezzaio accanto a quel ristorante, causa di tanto dolore, che qui scaricava i rifiuti e gli avanzi di tanti  pranzi e cene. Oh sì, di cibo da succhiare ce n'era in quantità impressionante, ma nessuna mosca aveva il benché minimo sentore di fame, non era questo il momento di pensare a soddisfare l'appetito, la situazione si presentava infatti drammatica, si udiva tutto intorno solo un lamentoso ronzio, frutto di strazianti lamenti di mosche disperate, ferite e sofferenti:

“Ohi, la mia testa…ohi, la mia zampa…ohi, la mia ala… avete visto mio fratello?... avete visto mia sorella?...!!!

Lele, che pur si era battuto con grande ardore e sacrificio senza risparmiarsi, era uno dei pochi ad avere conservato la propria integrità fisica, ma era lo spirito gravemente ferito, non si lamentava di nulla, ma con espressione allucinata si aggirava su quei corpi feriti e doloranti alla ricerca dei fratelli e della mosca-maestra.

Dopo aver gironzolato tra quei corpi mutilati e con una crescente angoscia che aumentava di minuto in minuto, riuscì con grande fatica a rintracciarne cinque della sua famiglia,  erano però male in arnese, tutti con ferite più o meno gravi, ma almeno erano salvi, degli altri non ne ebbe più notizia e, come capita tra le mosche in questi casi, quasi subito li dimenticò.

Si prese invece cura dei vivi, li medicò alla meglio e poi ripartì a cercare la mosca-maestra, sentiva che non poteva essere tra i cadaveri, una come lei non poteva certamente morire fatta a pezzi da un tovagliolo, sapeva sempre come cavarsela, forse con la sua saggezza poteva anche darsi che avesse evitato ogni rischio, ma più che una certezza, la sua era una speranza.

La caèsa di mi (1) - La casa della mia famiglia (1)

di Piero Maroni  

CVEI DE' GHÈT DLA VELAGRAPA
(QUELLI DEL GHETTO DELLA VILLAGRAPPA)

La caèsa di mi (1)

La caesa di mi
La voita d'una volta: la bugheda fata ma caèsa s'la zendra de' camòin. - La vita di una volta: il bucato fatto in casa con la cenere del camino.

Tacaèda ma la caèsa 'd la Carola 'd Foschi u j era la nòsta, “nòsta” par modi 'd doi, nòun a simi i casint, e' padròun l'era Giani 'd Noz, dòp de' fròunt u j avòiva daè 'na radanaèda e la famejia 'd Maròun la steva a lè, in sì, mucì e stret in dò cambri, ona da lèt duvò ch'ai durmini in cvatar da cvant ch'l'era naseu e' mi fradèl e clèlta ch'la feva da cusòina e da cambra da lèt pr'i du non Fanòin e Gusteina.

Ad dròinta tot l'era nir pr'e feun de' camòin che da par leu e ciapaèva la mità d'un meur e int al zurnaèdi giazedi da la tramuntaèna un s' putòiva zend parché al fulaèdi de' vent al spatasaèva un feun 'd dròinta ch'ut tulòiva e' fié e e bruseva ma j occ.

La porta se' davaènti vultaèda vers e' mòunt, la j avòiva dò pachi, da lè l'antraèva la poca leusa de' dè, mo snò travers i voidar dla paca a manzòina parché claèlta i la tnòiva sempra ceusa e se' scurèt a cruv e' vòidar, acsè che int cla cusòina l'era guasi sempra scheur, ma la mi nòna u ni piasòiva ch'ui fos tròpa leusa, la giòiva ch'ui deva dan ma j occ e' sulostar e chilt ma caèsa i j era poch, inchena ch'e luteva e' dè e u s'avdòiva leun, j era dri a lavuraè a lavajeun.

Cla mèza paca a la dreta, a m'la arcord verta da fat snò par cvant che sòta Pascua l'avnoiva e' prit a benedoi, i dè pròima u s'era fat al pulizì grandi e i burdel i n'avòiva d'antraè parché i deva un oli mi madeun de' sulaèr, ch'i dvantaèva d'un piò bèl ròs ch'l'era un pcaè caminei sòura, mo u n'era snò par cvèl ch'a cnimi staè 'd fura, l'è che da chi dè l'ariveva la primavira, la stasòun bona e us feva cmè s'a s'avesmi da scrules da madòs al rozni d'l'inveran, alòura u s'arvoiva tot cvèl ch'u j era, porti e finèstri, par faè antraè int caèsa piò aria ch'us putòiva e us puloiva tot cvèl ch'u j era, e incvèl l'avòiva da ès a pòst pròima che don Luois da Samavaèr e vnes a benedoi e nòun burdel 'd dròinta a dimi fastoidi acsè is feva spitaè 'd fura ch'i fines i laveur.

La nòna Gusteina, ch'l'era 'na gavòta sfagataèda, de' prit la j avòiva 'na gran sudiziòun e sempra sa madòs la paveura ch'un fos cuntent, par lì l'era cmè s'l'avnes a daè un esaèm ma la fameja e alòura busgneva che ògnacvèl e fos a pòst,  che dè tot avimi da staè ma caès 'd aspitaèl, ul feva ènca e' nòn Fanòin, s'un po' 'd biastòimi, mo senza faès santoi da la mòi, u n'avòiva voja 'd truvaè da doi sa lì, ul savòiva che pu la avria ciulé par dè e dè.

Intaènt s'la taèvla j avòiva stòis la tvajia bona ch'i la tireva fura da la casa snò par cla volta e 't e' mèz u j era e' zistòin pin d'ovi dal nòsti galòini da faè benedoi par pu magnesli, còti a lès, la matòina 'd Pascua insen sla zambèla che la mi ma la j andeva a faè e cus 't e' fòuran a Samaèvar.

Mè alòura u n'è ch'am piases un dimòndi agl'j ovi deuri, am feva e' masgòt e a feva fadoiga a ingulaèli, mo s'la mi nòna un s' ragiunaèva, a li magnimi sa poch brèti e guai a buté vì al còzli, bsugneva daèli me' fugh, sinò chisà che sgraèzi ui putòiva ciapaè ma coi ch'u n'e feva e u li buteva invezi 't la mundèza pursì.

L'era cvei ènca i dè che la nòna e la mi ma al feva la bugheda di lanzul druvé int  l'inveran e, se la stasòun la j era bona, andimi, ènca s'la mi nòna Deina, me' fieun 't i paraz di Capan, duvò ch'u j era di parint d'j Ambrusini, mo piò da spès a m'arcord che la bugheda al la feva ma caèsa 't un mastlòun e ch'agl'j useva la zendra de' camòin par faè dvantaè i lanzul piò puloi e bjinch.

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...

 

Ultimi Commenti

Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...
Premetto che per precedenti impegni sono stato impossibilitato alla partecipazione della presentazio...
Canzio Pollarini ha inserito un commento in Morandi, dall'Arlecchino al market
Che bello l'arlecchino ci andavo da bambino, ancora adesso provo una sensazione che non so descriver...
Guest ha inserito un commento in LA LIBERAZIONE DI SAN MAURO PASCOLI - Parte prima
Altro elemento importante, che creerà di fatto una modifica futura degli avvenimenti era il fatto ch...